“Lo schwa è ideologico ma non va sottovalutato”, la Crusca respinge, ma apre al futuro

Sì alla declinazione femminile dei nomi di professione: ecco tutte le novità dell'Accademia.

ascolta:
0:00
-
0:00
Schwa (ə)
Schwa (ə)
3 min. di lettura

L’Accademia della Crusca si è nuovamente espressa in materia di linguaggio inclusivo. Nuovamente, l’organismo di riferimento per la lingua italiana si è schierato contro l’utilizzo di schwa (ə) e asterischi in documenti istituzionali e atti giudiziari, cassando anche le reduplicazioni retoriche.

Parere favorevole invece verso il plurale maschile e la declinazione dei nomi di professione al femminile.

La decisione è arrivata dopo un’esplicita richiesta del Comitato Parti Opportunità del Consiglio Direttivo della Corte di Cassazione, che ha esortato l’Accademia ed esprimere la propria posizione in merito alla regolamentazione del linguaggio inclusivo sugli atti giudiziari.

No alla Schwa (ə) e agli asterischi: secondo la Crusca è ideologia

Secondo l’Accademia della Crusca, l’uso di asterischi e del simbolo Schwa (ə) in italiano sarebbe il risultato di una temporanea influenza ideologica, che tuttavia non dovrebbe influire sulla morfologia della lingua italiana come finora conosciuta. Tuttavia, l’Accademia riconosce che queste influenze rappresentano un cambiamento culturale degno di nota e da monitorare.

I principi ispiratori dell’ideologia legata al linguaggio di genere e alle correzioni delle presunte storture della lingua tradizionale non vanno sopravvalutati, perché sono in parte frutto di una radicalizzazione legata a mode culturali. D’altra parte queste mode hanno un’innegabile valenza internazionale, legata a ciò che potremmo definire lo ‘spirito del nostro tempo’, e questa spinta europea e transoceanica non va sottovalutata”.

La Crusca giustifica la propria decisione sostenendo che l’uso di segni grafici che non abbiano una corrispondenza nel parlato non sia accettabile su documenti ufficiali di alcun tipo.

Secondo l’accademia della crusca, eliminare il binarismo non serve

L’Accademia della Crusca ha ribadito nuovamente come l’asimmetria che distingue il genere maschile da quello femminile non è in sé intrinsecamente discriminatoria, e che un approccio assolutistico potrebbe addirittura rappresentare un “eccesso di intervento”.

Secondo gli esperti dell’Accademia, l’eliminazione di questa particolare distinzione non andrebbe a sanare eventuali ingiustizie storiche o a liberare la lingua italiana da eventuali residui patriarcali, anzi, risulterebbe dannosa.

L’Accademia ha infatti sottolineato come la completa eliminazione del binarismo non avrebbe alcuna finalità educativa, poiché la lingua non ha un impatto così determinante sulla percezione della realtà:

Le moderne neuroscienze hanno messo in discussione il fatto che la lingua costituisca di per sé un condizionamento e un filtro rispetto alla percezione dei dati empirici reali. I principi ispiratori dell’ideologia legata al linguaggio di genere e alle correzioni delle presunte storture della lingua tradizionale non vanno sopravvalutati, perché sono in parte frutto di una radicalizzazione legata a mode culturali. D’altra parte queste mode hanno un’innegabile valenza internazionale, legata a ciò che potremmo definire lo ‘spirito del nostro tempo’, e questa spinta europea e transoceanica non va sottovalutata“.

Sì alla declinazione femminile dei nomi di professione, no alla reduplicazione retorica

Dopo una lunga e approfondita discussione, è poi stato stabilito che – sugli atti giudiziari – sarà possibile utilizzare termini come “pubblica ministera”, “la presidente”, “la giudice” etc, ma non segni grafici che “non abbiano una corrispondenza nel parlato” – il che comprende sia schwa (ə) sia asterischi.

E l’Accademia si è inoltre espressa sul fatto che, sebbene l’italiano presenti due generi grammaticali specifici – il maschile e il femminile – la reduplicazione retorica non è la soluzione giusta per esprimersi in maniera inclusiva. Per intenderci, con reduplicazione retorica si intende il riferimento raddoppiato ai due generi, ad esempio “ciao a tutte e tutti”.

Secondo la Crusca, la strada grammaticalmente accettabile implica l’utilizzo del maschile plurale – o in alternativa, l’utilizzo delle forme neutre, meccanismi entrambi validi purchè l’obiettivo sia quello di “includere e non di prevaricare”.

L’articolo davanti al nome è offensivo anche al maschile

Infine, il discorso si è spostato anche sull’argomento dell’articolo determinativo davanti al nome – ad esempio “La Meloni, La Schlein, La Giulia” etc. Secondo la Crusca, questo tipo di linguaggio risulta offensivo non più solo per il femminile, ma anche per il maschile.

Oggi è considerato discriminatorio e offensivo non solo per il femminile, ma anche per il maschile. Non entriamo nelle ragioni di questa opinione, che riteniamo scarsamente fondata. Tuttavia, per quanto estemporanea e priva di motivazioni fondate, l’opinione si è diffusa nel sentimento comune, per cui il linguaggio pubblico ne deve tener conto”.

È impossibile non notare tuttavia come quest’ultima dichiarazione sia in netto contrasto con quella precedente in ambito di Schwa (ə) e asterischi.

Perché se un tipo di linguaggio risulta discriminatorio e offensivo verso una certa categoria di persone, esso viene prontamente corretto nonostante vi siano “ragioni scarsamente fondate”, mentre, nel caso di “altre” categorie di persone, viene applicato un maggiore scrupolo?

 

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Coming out di massa di calciatori in Germania? Bundesliga pronta a scendere in campo contro l’omobitransfobia - Bayer Leverkusen - Gay.it

Coming out di massa di calciatori in Germania? Bundesliga pronta a scendere in campo contro l’omobitransfobia

Corpi - Redazione 11.4.24
Ma Ricky Martin si è eccitato sul palco del Celebration Tour di Madonna? (VIDEO) - Ricky Martin sale sul palco del Celebration Tour di Madonna - Gay.it

Ma Ricky Martin si è eccitato sul palco del Celebration Tour di Madonna? (VIDEO)

Musica - Redazione 9.4.24
Amadeus

Amadeus lascia la Rai e raggiunge Fazio sulla NOVE di Discovery

Culture - Mandalina Di Biase 10.4.24
Papa Francesco Dignitas Infinita - Chiesa Cattolica - Vaticano

Il documento del Vaticano che mette l’intera comunità LGBTI ai margini: teoria gender, surrogata, bambini e altre mistificazioni reazionarie

Culture - Giuliano Federico 8.4.24
Victoria De Angelis dei Maneskin, vacanza romantica e baci social con l'amata Luna Passos (FOTO) - Victoria De Angelis dei Maneskin vacanza romantica e baci social con lamata Luna Passos FOTO - Gay.it

Victoria De Angelis dei Maneskin, vacanza romantica e baci social con l’amata Luna Passos (FOTO)

News - Redazione 9.4.24
Back to Black, recensione del biopic su Amy Winehouse. Il ricordo di un'icona sconfitta dall'amore - BackToBlack2024 - Gay.it

Back to Black, recensione del biopic su Amy Winehouse. Il ricordo di un’icona sconfitta dall’amore

Cinema - Federico Boni 11.4.24

Leggere fa bene

Tutto ciò che accade è umano: intervista a Donatella Di Pietrantonio - Sessp 15 - Gay.it

Tutto ciò che accade è umano: intervista a Donatella Di Pietrantonio

Culture - Federico Colombo 1.1.24
2023: Le cose da portate con noi

10 cose che vogliamo portarci nel 2024

Culture - Redazione Milano 27.12.23
Il viaggio di auto-scoperta: comprendere il "Questioning" nell'ampio ventaglio degli orientamenti affettivi, sessuali e identità di genere - gender questioning - Gay.it

Il viaggio di auto-scoperta: comprendere il “Questioning” nell’ampio ventaglio degli orientamenti affettivi, sessuali e identità di genere

Guide - Gay.it 16.11.23
coppia gay mano nella mano

Perché noi persone queer abbiamo ancora paura a tenerci per mano?

News - Emanuele Bero 6.11.23
pronomi comunuità lgbtqia+ chiamami con il mio pronome

“Chiamami con il mio pronome”, perché i pronomi sono importanti per le persone LGBTIQA+?

Guide - Redazione Milano 16.11.23
Lingua e comunità LGBTQIA+

Lingua e comunità LGBTQIA+: non chiamatelo omofobo, è un misomosessuale, perché non è fobia, è odio

Guide - Emanuele Bero 5.12.23
Topolino e Minnie costretti a censurare la parola "gay" da uno show Disney ad Orlando.

Topolino e Minnie cancellano la parola “gay” da uno show

News - Redazione Milano 2.1.24