“Lo schwa è ideologico ma non va sottovalutato”, la Crusca respinge, ma apre al futuro

Sì alla declinazione femminile dei nomi di professione: ecco tutte le novità dell'Accademia.

ascolta:
0:00
-
0:00
Schwa (ə)
Schwa (ə)
3 min. di lettura

L’Accademia della Crusca si è nuovamente espressa in materia di linguaggio inclusivo. Nuovamente, l’organismo di riferimento per la lingua italiana si è schierato contro l’utilizzo di schwa (ə) e asterischi in documenti istituzionali e atti giudiziari, cassando anche le reduplicazioni retoriche.

Parere favorevole invece verso il plurale maschile e la declinazione dei nomi di professione al femminile.

La decisione è arrivata dopo un’esplicita richiesta del Comitato Parti Opportunità del Consiglio Direttivo della Corte di Cassazione, che ha esortato l’Accademia ed esprimere la propria posizione in merito alla regolamentazione del linguaggio inclusivo sugli atti giudiziari.

No alla Schwa (ə) e agli asterischi: secondo la Crusca è ideologia

Secondo l’Accademia della Crusca, l’uso di asterischi e del simbolo Schwa (ə) in italiano sarebbe il risultato di una temporanea influenza ideologica, che tuttavia non dovrebbe influire sulla morfologia della lingua italiana come finora conosciuta. Tuttavia, l’Accademia riconosce che queste influenze rappresentano un cambiamento culturale degno di nota e da monitorare.

I principi ispiratori dell’ideologia legata al linguaggio di genere e alle correzioni delle presunte storture della lingua tradizionale non vanno sopravvalutati, perché sono in parte frutto di una radicalizzazione legata a mode culturali. D’altra parte queste mode hanno un’innegabile valenza internazionale, legata a ciò che potremmo definire lo ‘spirito del nostro tempo’, e questa spinta europea e transoceanica non va sottovalutata”.

La Crusca giustifica la propria decisione sostenendo che l’uso di segni grafici che non abbiano una corrispondenza nel parlato non sia accettabile su documenti ufficiali di alcun tipo.

Secondo l’accademia della crusca, eliminare il binarismo non serve

L’Accademia della Crusca ha ribadito nuovamente come l’asimmetria che distingue il genere maschile da quello femminile non è in sé intrinsecamente discriminatoria, e che un approccio assolutistico potrebbe addirittura rappresentare un “eccesso di intervento”.

Secondo gli esperti dell’Accademia, l’eliminazione di questa particolare distinzione non andrebbe a sanare eventuali ingiustizie storiche o a liberare la lingua italiana da eventuali residui patriarcali, anzi, risulterebbe dannosa.

L’Accademia ha infatti sottolineato come la completa eliminazione del binarismo non avrebbe alcuna finalità educativa, poiché la lingua non ha un impatto così determinante sulla percezione della realtà:

Le moderne neuroscienze hanno messo in discussione il fatto che la lingua costituisca di per sé un condizionamento e un filtro rispetto alla percezione dei dati empirici reali. I principi ispiratori dell’ideologia legata al linguaggio di genere e alle correzioni delle presunte storture della lingua tradizionale non vanno sopravvalutati, perché sono in parte frutto di una radicalizzazione legata a mode culturali. D’altra parte queste mode hanno un’innegabile valenza internazionale, legata a ciò che potremmo definire lo ‘spirito del nostro tempo’, e questa spinta europea e transoceanica non va sottovalutata“.

Sì alla declinazione femminile dei nomi di professione, no alla reduplicazione retorica

Dopo una lunga e approfondita discussione, è poi stato stabilito che – sugli atti giudiziari – sarà possibile utilizzare termini come “pubblica ministera”, “la presidente”, “la giudice” etc, ma non segni grafici che “non abbiano una corrispondenza nel parlato” – il che comprende sia schwa (ə) sia asterischi.

E l’Accademia si è inoltre espressa sul fatto che, sebbene l’italiano presenti due generi grammaticali specifici – il maschile e il femminile – la reduplicazione retorica non è la soluzione giusta per esprimersi in maniera inclusiva. Per intenderci, con reduplicazione retorica si intende il riferimento raddoppiato ai due generi, ad esempio “ciao a tutte e tutti”.

Secondo la Crusca, la strada grammaticalmente accettabile implica l’utilizzo del maschile plurale – o in alternativa, l’utilizzo delle forme neutre, meccanismi entrambi validi purchè l’obiettivo sia quello di “includere e non di prevaricare”.

L’articolo davanti al nome è offensivo anche al maschile

Infine, il discorso si è spostato anche sull’argomento dell’articolo determinativo davanti al nome – ad esempio “La Meloni, La Schlein, La Giulia” etc. Secondo la Crusca, questo tipo di linguaggio risulta offensivo non più solo per il femminile, ma anche per il maschile.

Oggi è considerato discriminatorio e offensivo non solo per il femminile, ma anche per il maschile. Non entriamo nelle ragioni di questa opinione, che riteniamo scarsamente fondata. Tuttavia, per quanto estemporanea e priva di motivazioni fondate, l’opinione si è diffusa nel sentimento comune, per cui il linguaggio pubblico ne deve tener conto”.

È impossibile non notare tuttavia come quest’ultima dichiarazione sia in netto contrasto con quella precedente in ambito di Schwa (ə) e asterischi.

Perché se un tipo di linguaggio risulta discriminatorio e offensivo verso una certa categoria di persone, esso viene prontamente corretto nonostante vi siano “ragioni scarsamente fondate”, mentre, nel caso di “altre” categorie di persone, viene applicato un maggiore scrupolo?

 

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

La nuova Forza Italia "liberal" voluta dai Berlusconi vuole dividere la comunità LGB da quella T?

Forza Italia vuole dividere la comunità LGBIAQ dalla comunità T, ma noi “Insieme siamo partite, insieme torneremo”

News - Giuliano Federico 22.7.24
Omofobia Marcon coppia gay vende appartamento parla avvocato

“Fr*c* di m*rda, vergognatevi”: coppia gay costretta a vendere casa, l’avvocata spiega tutto a Gay.it

News - Giuliano Federico 25.7.24
Marco Mengoni Marco Torino Greco Vacanza Pantelleria

Marco Mengoni “con il suo migliore amico” Marco Torino Greco secondo i media

Musica - Mandalina Di Biase 24.7.24
“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Mahmood, Powell, Pascal e Kenworthy - specchio specchio - Gay.it

“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Mahmood, Powell, Pascal e Kenworthy

Corpi - Redazione 24.7.24
Giancarlo Commare e il presunto coming out alla domanda del tiktoker: "Quanto sei gay? Sono gay" (VIDEO) - Giancarlo Commare ha fatto coming out - Gay.it

Giancarlo Commare e il presunto coming out alla domanda del tiktoker: “Quanto sei gay? Sono gay” (VIDEO)

Culture - Redazione 22.7.24
Simone Nolasco Intervista Gay.it

Simone Nolasco: “Così è nata la scena hot con Troye Sivan. Le critiche? Sul palco si porta la vita” – Intervista

Culture - Emanuele Corbo 25.7.24

Hai già letto
queste storie?

Culattone, checca, finocchio e gli altri: origine e storia degli insulti contro i gay - cover insulti - Gay.it

Culattone, checca, finocchio e gli altri: origine e storia degli insulti contro i gay

News - Redazione 28.5.24
Tenderbooks

The Queer Arab Glossary è il primo libro per imparare lo slang queer arabo!

Culture - Redazione Milano 3.7.24
Donatella Di Pietrantonio vince il Premio Strega 2024 con 'L'età fragile': "Tutto ciò che accade è umano" - La nostra intervista - Sessp 15 - Gay.it

Donatella Di Pietrantonio vince il Premio Strega 2024 con ‘L’età fragile’: “Tutto ciò che accade è umano” – La nostra intervista

Culture - Federico Colombo 5.7.24
schwa

“Per il 54% degli italiani il linguaggio inclusivo è solo una moda”, l’indagine completa

News - Redazione 13.5.24