Siamo tuttə Orlando: a Roma la marcia di Paul B. Preciado sul red carpet

Il filosofo e attivista presenterà il suo nuovo film e marcerà insieme al Movimento di Identità Trans sul red carpet del Festival del Cinema di Roma.

ascolta:
0:00
-
0:00
orlando
orlando
2 min. di lettura

Chi è Orlando?

Quel giovane inglese alla corte di Elisabetta I, nato dall’immaginazione di Virginia Woolf, che un giorno era un cortigiano prediletto, e nel giro di una notte, si risveglia nel corpo di una dama. È un uomo, una donna, tutte e due. Nel 1928 Woolf raccontava un’eroe o eroina che superava il tempo, incatalogabile nel proprio genere e mille anni luce avanti per un’epoca che ancora non conosceva parole come transgender o fluidità.

Oggi il poeta, filosofo, e attivista Paul B. Preciado sbarca al Festival del Cinema di Roma con Orlando: My political biography, nelle sale italiane a febbraio 2024 distribuito da Fandango. Una lettera d’amore alla scrittrice per comunicarle che sì, Virginia: Orlando è reale. Siamo tuttə noi.

La biografia di ciascuno è una biografia collettiva” dichiara il regista, ricordandoci che anche oggi possiamo essere lui, lei, o nessuno dei due, ma non accade come per magia nel giro di una notte: dobbiamo seguire un lungo viaggio per cambiare il nostro corpo e attenerlo all’immagine che sentiamo, che sia attraverso degli ormoni o entrando in una sala operatoria. Ci sono documenti da cambiare, scarsa assistenza sanitaria, e governi tutt’altro che accoglienti, ma la rivoluzione di genere e non binaria è già in corso, fuori e dentro lo schermo.

Quando lesse quel libro per la prima volta d’adolescente – in una Spagna dove la transizione non era ancora possibile – il personaggio immaginario di Virginia Woolf fu il primo veicolo per immaginarsi ‘altro da sé’, per rendersi conto che negli anni avrebbe potuto farlo anche lui, e non solo: “Mi ha permesso di immaginare la mia stessa vita, di desiderare e incarnare il cambiamento” dichiara il regista “Con gli anni sono diventato anch’io un Orlando. La mia biografia è fatta della storia collettiva di migliaia di Orlando invisibili”.

 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Fandango Official (@fandango_official)

Ma lə Orlando oggi non rimangono al buio, al contrario, camminano per strada alla luce di una società che continua a non comprendere, romanticizza e spettacolarizza ogni corpo non conforme alla presunta ‘norma’. Le 25 le persone del cast, tutte trans e non binarie, lo fanno dentro lo schermo e lo ribadiscono sul red carpet sabato 28 Ottobre, con la Orlando March, una camminata militante insieme a Preciado e il MIT (Movimento Identità Trans).

Una camminata poetica e civile sul tappeto rosso – in collaborazione con varie associazioni sul territorio nazionale – Gender X Italy, Fuori Luogo , Sunderam Identità Transgender Torino Onlus, Associazione Transessuale Napoli- per ricordare tuttə insieme che esistiamo davvero. Nel primo Novecento come nel 2023, continuiamo a cambiare, trasformarci, e definirci di nuovo. Nella fantasia di un romanzo o la realtà che viviamo.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Fedez annuncia apertura canale OnlyFans

Fedez cede a OnlyFans e apre il suo canale: “Mi consigliano di ripulirmi l’immagine e faccio il contrario”

News - Emanuele Corbo 21.6.24
Namibia, sentenza storica depenalizza l’omosessualità, ma il governo potrebbe appellarsi alla Corte Suprema

Namibia, sentenza storica depenalizza l’omosessualità, ma il governo potrebbe appellarsi alla Corte Suprema

News - Francesca Di Feo 22.6.24
Cosa significa Rainbow Washing_

Cos’è il rainbow washing, quali forme assume e come evitarlo

News - Francesca Di Feo 20.6.24
Brian May: "Freddie Mercury non avrebbe voluto essere definito "queer", l'omofobia colpì i Queen" - Freddie Mercury 2 - Gay.it

Brian May: “Freddie Mercury non avrebbe voluto essere definito “queer”, l’omofobia colpì i Queen”

Musica - Redazione 21.6.24
Studente delle Filippine sgrida il Papa: "Smetta di usare un linguaggio omofobo. Fa male" (VIDEO) - Papa Francesco e Jack Lorenz Acebedo Rivera - Gay.it

Studente delle Filippine sgrida il Papa: “Smetta di usare un linguaggio omofobo. Fa male” (VIDEO)

News - Redazione 21.6.24
Brian May: "Freddie Mercury non avrebbe voluto essere definito "queer", l'omofobia colpì i Queen" - Freddie Mercury 2 - Gay.it

Brian May: “Freddie Mercury non avrebbe voluto essere definito “queer”, l’omofobia colpì i Queen”

Musica - Redazione 21.6.24

Leggere fa bene

Jacob Elordi Frankestein Giullermo Del Toro

Jacob Elordi sarà Frankenstein nel 2024, cosa sappiamo del cult queer diretto da Guillermo Del Toro.

Cinema - Redazione Milano 8.1.24
stati-uniti-ban-terapie-affermative

Stati Uniti, continuano i ban alle terapie affermative per i minori: 100.000 lǝ adolescenti abbandonatǝ a loro stessǝ

Corpi - Francesca Di Feo 17.4.24
Sailor Moon Lamu stereotipi di genere

Così Sailor Moon, Lamù e lə altrə icone manga hanno sovvertito gli stereotipi di genere

Culture - Redazione Milano 26.3.24
A Rimini, domenica 7 aprile, l'evento "Ci vediamo al parco", per celebrare il TDOV - arcigay rimini trans tdov2024 1 - Gay.it

A Rimini, domenica 7 aprile, l’evento “Ci vediamo al parco”, per celebrare il TDOV

News - Gio Arcuri 5.4.24
george-lori-schappel-siamesi-morte

Addio a Lori e George Schappell, lǝ più longevǝ gemellǝ siamesi al mondo: uno di loro era trans

News - Francesca Di Feo 15.4.24
18-maggio-manifestazione-trans

Contro la violenza istituzionale sui corpi trans*: perché la comunità T scende in piazza il 18 maggio

News - Francesca Di Feo 16.5.24
#LevisPride - Queer Rodeo

Storia di quel Rainbow Rodeos tra cowboys, drag queen e anti-machismo

Culture - Riccardo Conte 7.6.24
Nemo, Eurovision 2024

Nemo, l’artista svizzerə non binariə vince l’Eurovision 2024 con “The Code”

Musica - Luca Diana 12.5.24