Siobhan Fahey e le Rebel Dykes: “Queer e Dykes di tutte le generazioni devono unirsi”

Il docu-film Rebel Dykes sta riscuotendo un enorme successo ed è già virale su Tik Tok. "Noi contro il mondo".

Rebel Dykes Gay.it
3 min. di lettura

Negli anni Ottanta l’ondata femminista e queer si manifestava anche in quel mix di arte, stile punk e diritti per le donne. Specie in Inghilterra, dove venivano chiamate “dykes”, questi gruppi si trasformavano in vere e proprie organizzazioni di attiviste, che potevano anche arrivare a gesti esemplari come le manifestazioni davanti Westminster e la sede della BBC. È il caso del gruppo protagonista di Rebel Dykes, il docu-film creato da Harri Shanahan e Siân A. Williams, che si opponeva con qualsiasi mezzo alla linea omofoba del governo Tory di quegli anni.

Rebel Dykes Gay.it
Rebel Dykes: la scena punk, queer e femminista dell’Inghilterra anni Ottanta

Lo spirito punk del gruppo si formò al Greenham Common Women’s Peace Camp, in un’Inghilterra divisa tra la crescente epidemia di AIDS e l’era della Sezione 28 di Margaret Thatcher. Un punto di rifugio per tante donne a cui le famiglie avevano voltato le spalle dopo che avevano fatto coming out, così come erano le benvenute tutte coloro che non si sentivano accettate nella società. Vediamo così immagini di repertorio e registrazioni che ci raccontano della vivacità, lo splendore e la ribellione della scena punk e underground che ha gettato le basi per molti gruppi LGBTQ+ attivi ancora oggi nel Regno Unito. Il film, che uscirà a breve in streaming, è stato preceduto da un’esposizione a Londra che è diventata virale sui social, soprattutto su Tik Tok.

Rebel Dykes Gay.it
Siobhan Fahey e il gruppo Bananarama

La cosa non è passata inosservata e ha raggiunto anche Siobhan Fahey, una delle originali Rebel Dykes che vediamo anche nel film e cantante del gruppo Bananarama. Affidando le sue parole a un’intervista, ha detto di essere rimasta toccata dalla reazione dei giovani queer di oggi a una storia che risale ormai a quarant’anni fa, riprova che i temi per cui ci battiamo oggi hanno viaggiato nel tempo e uniscono le esperienze e le realtà di tutte le persone queer: «La reazione, in particolare dei giovani queer – e sto parlando di quelli che chiamate Generazione Z, quelli che salveranno il mondo, persone favolose – è stata incredibile. C’è stat gente che piangeva, che diceva di essere stata rappresentata per la prima volta e che non conosceva questa storia».

«È fantastico che la gente conosca queste storie e… che le persone queer più grandi incontrino i giovani»

Rebel Dykes Gay.it
Una scena di Rebel Dykes

Rebel Dykes è solo l’ultimo di diversi titoli che negli ultimi tempi hanno raccontato la vita della comunità LGBTQ+ degli anni Ottanta in Inghilterra. Tra questi, Mothers of the Revolution e It’s a Sin, che hanno finalmente dato ascolto a una grossa parte di pubblico queer che da tempo reclamava che queste venissero finalmente portate sullo schermo e fatte conoscere a quante più persone possibile: parte della rivoluzione che stiamo vivendo oggi la dobbiamo anche a loro.

Anche il nome, Rebel Dykes, è stato inventato da Siobhan, mentre raccontava le sue vicende a un’amica in un pub. Ha raccontato: «Abbiamo usato quel termine per includere tutte le lesbiche o dykes o che dir si voglia degli anni Ottanta. Quindi i punk e reggia e i sistemi sonori – sapete, tutti quelli che semplicemente non si adattano? Lavoratori del sesso e link e… punk e tutto il resto. Uscivamo tutti insieme ed è stato un bel divertimento, noi contro il mondo».

Per Siobhan Faye, il successo del docs-film è il segno che, ora più che mai, la comunità LGBTQ+ deve essere unita e imparare a comunicare, indipendente da tutto. Tra diritti conquistati e tolti, leggi a favore e contro, discriminazioni, un passo avanti e due indietro verso quell’uguaglianza a cui tuttə agogniamo, ecco, è forse il caso di ribadire ancora più forte questo messaggio: «Queer e dykes di tutte le generazioni hanno subito un trauma enorme e spero che il nostro progetto aiuti a far avvicinare le persone».

«Il film parla di comunità e di farsi una risata. Uno dei registi, Harri, dice che la gioia queer è una forma di resistenza queer, e penso che sia adorabile».

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Libri LGBTQIA+, le novità: di euforia, di santi, diavoli, altricorpi e femminielli - Matteo B Bianchi3 - Gay.it

Libri LGBTQIA+, le novità: di euforia, di santi, diavoli, altricorpi e femminielli

Culture - Federico Colombo 22.6.24
Calciatori Gay Coming Out - Rosario Coco di Out Sport spiega perché non bisogna forzare

Calciatori gay in Nazionale, calciatori gay ovunque: perché non bisogna forzare

Lifestyle - Giuliano Federico 20.6.24
Yan Couto fa sparire i capelli rosa che hanno scosso il Brasile. "Mi hanno detto che sono stravaganti" - Yan Couto - Gay.it

Yan Couto fa sparire i capelli rosa che hanno scosso il Brasile. “Mi hanno detto che sono stravaganti”

Corpi - Redazione 24.6.24
Lolita intervista

Lolita e la libertà di andare oltre gli stereotipi: “Chiunque di noi può essere tutto ciò che vuole”

Musica - Emanuele Corbo 24.6.24
aggressione-foggia-intervista

Foggia, parla Alessandro, vittima dell’aggressione: “Trasformiamo la violenza in sogno” – intervista

News - Francesca Di Feo 21.6.24
Fabio Marida Damato Chiara Ferragni Diletta Leotti Elodie

Chiara Ferragni e Fabio Maria Damato insieme al matrimonio tra Diletta Leotta e Loris Karius

Lifestyle - Mandalina Di Biase 23.6.24

Hai già letto
queste storie?

Photo: Rogelio V. Solis

ll Parlamento inglese accoglie il primo panel per la tutela dellə bambinə trans*

News - Redazione Milano 7.2.24
Una, nessuna, centomila: i mille volti di Raffaella Carrà - Sessp 17 - Gay.it

Una, nessuna, centomila: i mille volti di Raffaella Carrà

Culture - Federico Colombo 8.1.24
Corita Kent Padiglione Vaticano Biennale 2024

Biennale di Venezia, Papa Francesco omaggerà Corita Kent, la suora queer che fuggì con la sua amante

Culture - Mandalina Di Biase 14.3.24
La storia di Radclyffe Hall: così fu censurato il primo romanzo lesbico della letteratura - Sessp 38 - Gay.it

La storia di Radclyffe Hall: così fu censurato il primo romanzo lesbico della letteratura

Culture - Federico Colombo 20.2.24
Queer Planet, il trailer del doc sugli animali LGBTI+ scatena i conservatori d'America (VIDEO) - Queer Planet Official Trailer - Gay.it

Queer Planet, il trailer del doc sugli animali LGBTI+ scatena i conservatori d’America (VIDEO)

News - Redazione 21.5.24
Bianca Antonelli è voce del collettivo ASIABEL

Tra egomania e lesbiche vere, la musica di Asiabel è un diario aperto: l’intervista

Musica - Riccardo Conte 5.4.24
We Are the World, l'imperdibile doc Netflix che racconta la notte che ha cambiato il pop - The Greatest Night in Pop A2021 2 4 462 1a 001 - Gay.it

We Are the World, l’imperdibile doc Netflix che racconta la notte che ha cambiato il pop

Cinema - Federico Boni 1.2.24
Lesbiche di tutta Europa

Lesbiche di tutta Europa sabato a Roma per protestare contro il Governo Meloni: “Anche noi siamo madri”

News - Redazione 25.4.24