E se “Temptation Island” fosse un programma queer?

Come sarebbe una versione queer del programma cult dell'estate italiana? Noi di Gay.it abbiamo provato ad ipotizzarla.

ascolta:
0:00
-
0:00
Filippo Bisciglia, Temptation Island
Filippo Bisciglia, Temptation Island
4 min. di lettura

I Love the Way You Lie“, recita la colonna sonora di Temptation Island – amatissimo docu-reality in onda su Canale 5 giunto alla dodicesima edizione e condotto da Filippo Bisciglia – che ha la volontà di mettere alla prova l’amore di sette coppie eterosessuali non sposate chiuse per tre settimane in un villaggio in Sardegna.

L’obiettivo? Scavare tra i propri sentimenti e scoprire se si tratta di vero amore oppure di abitudine, affrontando momenti di difficoltà e tentazioni ad opera di uomini e donne single dall’aspetto mozzafiato.

Temptation Island 2023
Temptation Island 2023

Temptation Island: il format

Mi piace il modo in cui menti” è la traduzione letteraria del brano di Eminem ft. Rihanna che da al lontano 2015 veste i panni della sigla della trasmissione, riassumendo in 7 semplici parole il fil rouge di Temptation Island: le bugie. Bugie che spesso condizionano la storia delle coppie e che tendono a venire a galla, tra un confessionale e un altro, all’interno del villaggio dei fidanzati e delle fidanzate.

Bugie, se vogliamo ancora più spietate, quelle raccontate ad arte dalla produzione del programma che – seppure realizzando un ottimo lavoro – tende a rappresentare una sola fetta di popolazione con l’intento di conquistare la pancia del Paese, desideroso di spiare dal buco della serratura le vite sentimentali degli altri, pur di non dover analizzare le proprie, a discapito di tutte le altre sfumature dell’amore.

E così Temptation Island ci mette di fronte a storie d’amore tossiche in cui l’uomo di turno tradisce la propria partner e allo stesso tempo le impedisce di uscire e vedere gli amici, per pura gelosia. O ancora, la donna di turno che nonostante venga lasciata più e più volte dal proprio fidanzato, tende a perdonarlo, perché vittima della sindrome della crocerossina.

Amori tossici che tendono dunque a riportare la donna in uno stato di inferiorità di fronte ad un uomo che tutto può e che non deve mai chiedere scusa, salvo piccole eccezioni. Uomini che strumentalizzano il corpo della donna o che esprimono tutta la loro frustrazione non attraverso il dialogo bensì tirando calci e pugni all’arredamento del set, trasferendo agli spettatori un messaggio anacronistico in cui l’uomo alfa (ma poi siamo sicuri che non sia un’offesa verso i veri maschi alfa?) deve essere rude, volgare e talvolta aggressivo per conquistare le donne.

Per non parlare della totale assenza delle coppie omosessuali, mai prese in considerazione – come invece accade all’estero, ad esempio in Love Never Lies o L’ultimatum: Queer Love -, portando avanti di fatto un racconto stereotipato della società italiana in cui viene totalmente censurata la comunità LGBTQIA+ che invece potrebbe tranquillamente far parte della narrazione del format Temptation Island.

A tal proposito, seppure in ambito cinematografico, Andrea Occhipinti ha lamentato una pronunciata timidezza anche da parte di Rai e Mediaset a proposito delle pellicole queer (leggi qui).

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Temptation Island (@temptationislandita)

Come sarebbe una versione queer di Temptation Island?

Ora facciamo un esperimento: chiudete gli occhi solo per un secondo e provate ad immaginare se Temptation Island fosse un docu-reality nel quale i protagonisti fossero coppie eterosessuali, gay, lesbiche, bisessuali, transgender o di qualsiasi altra identità queer, rappresentando di fatto a 360° tutto lo spettro dell’identità umanamente possibile e legittima.

Le dinamiche sociali sarebbero esattamente le stesse della versione classica, ma Temptation Island Queer avrebbe il valore aggiunto di accendere i riflettori su una comunità, quella LGBTQIA+, ancora troppo poco esplorata dal piccolo schermo, se non con un racconto stereotipato.

Avremmo il prezioso contributo di un programma popolare che porterebbe in tv le sfide affettive, nevrotiche, problematiche, ma anche positive e sentimentalmente complicate che le coppie queer tendono ad affrontare nella loro vita quotidiana.

Sarebbe quindi l’occasione per dare risalto alla normale vita affettiva di coppie LGBTQIA+, così come a coming out, storie di discriminazione o stereotipi, consentendo di fatto alle coppie di affrontare e superare le difficoltà legate alla loro sessualità o identità di genere, esattamente nello stesso modo in cui oggi accade alle coppie eterosessuali nella versione classica del docu-reality prodotto dalla Fascino di Maria De Filippi.

Filippo Bisciglia, Temptation Island
Filippo Bisciglia, Temptation Island

Cosa ci sarebbe dunque di male?

Assolutamente nulla perché rappresenterebbe tutte le forme d’amore, da quelle cui siamo abituati sin da bambini a quelle che solo in questi ultimi anni stiamo imparando a conoscere e ad apprezzare  nella loro ancora timida visibilità – e soprattutto a rispettare – anche grazie ai prodotti audiovisivi diffusi in molti Paesi del mondo (tranne che in Italia dove per l’appunto le coppie omosessuali tendono ancora a faticare a trovare un posto).

L’obiettivo di questa versione queer di “Temptation Island” potrebbe quindi essere quello di offrire una rappresentazione inclusiva delle relazioni queer, educando il pubblico e promuovendo l’accettazione e il rispetto per la diversità delle identità di genere e delle preferenze sessuali. D’altronde le crisi di coppia, i tradimenti, le bugie, fanno parte di qualsiasi storia d’amore.

Ahimè, però, al momento risulta davvero difficile immaginare l’effettiva realizzazione di una versione queer di Temptation Island: nostro malgrado dobbiamo quindi accontentarci della classiche storie d’amore eterosessuali, dove per altro sembrerebbe che sia sempre e solo la donna a subire? Su questo ultimo punto, il nostro auspicio è di vedere evoluzioni meno maschiliste nel programma in corso.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Temptation Island (@temptationislandita)

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

RuPaul's Drag Race Global All Stars, Nehellenia dall'Italia sfiderà 11 regine da tutto il mondo - RUPAULS DRAG RACE GLOBAL ALL STARS cover - Gay.it

RuPaul’s Drag Race Global All Stars, Nehellenia dall’Italia sfiderà 11 regine da tutto il mondo

Culture - Redazione 16.7.24
Rocco Barocco attacca il Pride

Rocco Barocco, lo stilista apertamente gay attacca il Pride

News - Mandalina Di Biase 17.7.24
Discorso di Re Carlo terapie di conversione farmaci bloccanti

Gran Bretagna, Re Carlo “Divieto assoluto alle terapie di conversione incluse le persone trans”: il discorso scritto dai Laburisti vincitori alle elezioni

Corpi - Redazione Milano 17.7.24
Kylie Minogue a Hyde Park regina di Londra (al fianco di Giuseppe Giofrè) - Kylie Minogue - Gay.it

Kylie Minogue a Hyde Park regina di Londra (al fianco di Giuseppe Giofrè)

Musica - Federico Boni 15.7.24
B&B rifiuta coppia omosessuale a Busca in provincia di Cuneo

B&B di Busca che rifiuta omosessuali scovato da Gay.it: Booking.com non elimina l’annuncio, la titolare fornisce nuove versioni omofobe ai quotidiani

News - Giuliano Federico 16.7.24
Lil Nas X - Rodeo Gay

Da Lil Nas X a Orville Peck: sei mai stato in un rodeo gay? VIDEO

Culture - Mandalina Di Biase 16.7.24

I nostri contenuti
sono diversi

Carlotta D'Amico e Erika Colaianni, Io Canto Family

“Io canto Family” celebra l’amore tra due donne: la storia di Erika e Manuela

Culture - Luca Diana 22.5.24
Sarah Toscano, Amici 23

Sarah Toscano vince Amici 23: è lei la popstar del futuro

Culture - Luca Diana 19.5.24
Serena Bortone, chesarà...

La Rai censura il monologo di Antonio Scurati: ecco tutto quello che è successo nelle ultime ore

Culture - Luca Diana 21.4.24
Can Yaman e Samuel Segreto, Sandokan

Can Yaman, Samuel Segreto e Ed Westwick nel reboot di Sandokan: le prime immagini dal set

Culture - Luca Diana 7.6.24
Cristiano Malgioglio: "Tra due anni mi ritiro" - Cristiano Malgioglio - Gay.it

Cristiano Malgioglio: “Tra due anni mi ritiro”

Culture - Redazione 15.7.24
I Cesaroni 2024

I “Cesaroni” tornano in tv: ecco tutte le ultime indiscrezioni

Culture - Luca Diana 3.7.24
Supersex, Mario Pirrello è Franco Caracciolo, sorella Bandiera nonché grande amico di Rocco Siffredi - Supersex Franco Caracciolo - Gay.it

Supersex, Mario Pirrello è Franco Caracciolo, sorella Bandiera nonché grande amico di Rocco Siffredi

Serie Tv - Federico Boni 7.3.24
BigMama, Striscia la notizia

Sanremo 2024, Striscia la Notizia paragona BigMama a Ursula ed è polemica: “Bullismo e body shaming”

Musica - Redazione 7.2.24