Perché essere transgender e non binariǝ non è una moda

Un articolo di Pro Vita fa propaganda contro le persone giovani che affermano il proprio genere.

ascolta:
0:00
-
0:00
transizione di genere affermazione di genere transgender pro vita
aumento transizione di genere affermazione di genere transgender pro vita
4 min. di lettura

Ci tocca spiegare perché le persone transgender non sono una moda. Perché la transizione di genere e l’affermazione di genere sono in aumento non perché sia in atto una moda, ma semplicemente perché grazie alla cultura di massa e alle battaglie regresse, oggi le persone hanno più libertà di affermarsi per ciò che sono. E comunque, c’è ancora tanta strada da fare. Ma andiamo con ordine.

ProVita pensava davvero di aver fatto il colpaccio con il suo ultimo articolo sulle persone transgender. Una retorica, secondo loro, inattaccabile da quello che definiscono “il fronte culturale LGBTQIA+”. L’articolo è intitolato Quello dei “baby trans” è un contagio sociale? Probabilmente sì, e noi non faremo il favore di aggiungere il link al loro sito. Chi voglia, se lo cerchi online.

Tutto lo scritto è piuttosto deumanizzante. Si parla di cultura di massa, come qualcosa che non appartenga agli umani. E comunque: la cultura è discutibile e opinabile, l’esistenza delle persone no.

E sì, carissimi autori di Pro Vita, il ragionamento esposto ci fa inorridire, perché riduce e sminuisce un percorso delicato e a tratti sofferto come quello dell’affermazione di genere a una semplice moda, o tendenza. Non c’è nulla di cristiano nel vostro articolo, ma di questo ne renderete conto al vostro dio.

L’approccio di Pro Vita intacca la libertà di scelta, riducendo l’autodeterminazione a una moda passeggera, influenzata da lobby che attaccano la tanto santificata condizione “normale”, attraverso la quale si giudicano tutti coloro che si pongono qualche domanda in più su sé stessi e sul mondo circostante.

Sì, qualsiasi clinica specializzata potrà confermare che esiste effettivamente un aumento significativo nel numero di giovani che scelgono d’intraprendere un percorso di affermazione di genere, le statistiche sono fatti ed è innegabile.

Ma si può parlare davvero di matrice sociale dietro a percorso di genere? Una persona può davvero pensare di stravolgere la propria intera esistenza – rischiando ancora oggi l’emarginazione sociale – per seguire un trend?

Valutiamo i fatti con un diagramma di flusso.

Fino a qualche anno fa, una persona transgender era costretta spesso a condurre una vita da reclusa – scoraggiata dal fare coming out, prona a psicosi e tendente al suicidio (si pensi a Cloe Bianco, quindi non così indietro nel tempo), per il retaggio tradizionalista, inteso come estremamente efficace a mantenere l’ordine.

La risoluzione a questo problema, per un essere umano dotato di raziocinio, è un cambio di rotta tendente al miglioramento della qualità della vita di tutti i componenti di una struttura sociale, senza inficiare su coloro che godono di una condizione favorevole.

La conseguenza logica sono le battaglie condotte fino a oggi per permettere a una persona transgender non solo di esistere, ma di esistere bene, nonostante le difficoltà che oggi, ammettiamo, sono ancora presenti proprio a causa delle retoriche come quelle esposte nell’articolo.

Da qui, tutte le belle statistiche sull’incidenza di patologie come depressione, ansia, e tendenze suicide. Pro Vita dimostra la propria tesi con dati costruiti da Pro Vita stessa, e non dati intrinseci di persone transgender. Dilettanti ossessionati più dalla propaganda, che dal messaggio. Chissà cosa direbbe Gesù Cristo?

L’aumento delle persone che scelgono d’intraprendere un percorso di transizione, avviene perché oggi non è più necessario nascondersi.

Il tutto, senza danneggiare – neanche in minima parte – la quotidianità delle persone che, fino a oggi, hanno goduto del privilegio di potersi identificare con il genere assegnato alla nascita.

Ma l’essere umano è una specie assetata di conoscenza e introspezione, quindi la sua tendenza ad approfondire e snocciolare tematiche complesse ha portato a una spasmodica ricerca su cosa rende tale un uomo e una donna, sul concetto d’identità di genere e sulla volatilità di quest’ultimo.

Ed è proprio questo guardarsi dentro che ha permesso all’essere umano moderno di comprendere che la soluzione, in questi casi, è sempre quella di scegliere la libertà.

Libertà di scegliere come identificarsi, scegliere se essere uomo o donna o nessuno dei due (genere non binario), perché il genere è un costrutto sociale a cui chiunque dovrebbe essere libero di aderire o non aderire. 

Pro Vita insiste nel vedere la “confusione”, riscontrata nei questionari citati, come un aspetto negativo, un’eccezione alla regola che spaventa. Tuttavia emerge mastodontico un vulnus nel ragionamento: Pro Vita volontariamente sceglie di ignorare il fatto che proprio la “confusione” è l’inizio di un percorso.

Nessuna grande rivoluzione scientifica, sociale e culturale è mai partita con un dogma.

Venendo alle persone “pentite del proprio percorso di transizione”, ripetutamente citate nel razionale di Pro Vita: ebbene, per una persona che vive di dogmi è impossibile comprendere e accettare la complessità della psiche umana. Fa paura, non è lineare. Sono incidenti di percorso? No, neanche questa è una dicitura corretta.

La vita di un tradizionalista moderno segue una direzione ben precisa e imposta, che viene accettata senza domande perché, in fondo, è la via più semplice e meno irta di dubbi e incertezze.

La vita di un essere umano che accetta la propria condizione “instabile” fisiologica tende invece a seguire strade diverse per arrivare alla verità. Prendere un vicolo cieco e dover tornare indietro non è un errore: è scoperta.

C’è però anche da dire che ci sono sempre state persone schierate dalla parte sbagliata della storia. Se fosse per gli ostruzionisti cattolici, oggi penseremmo ancora che il sole giri attorno alla terra e che l’essere umano non è frutto dell’evoluzione.

Tuttavia, se un autore di ProVita ha la possibilità e la libertà – mi piace soffermarmi su questa parola – di scrivere un articolo che invalida l’esistenza di centinaia di migliaia di persone in tutto il mondo, è bene vi sia il diritto – e per me dovere morale – di replica.

 

foto cover by Nikolas Gannon on Unsplash

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

GLORIA! (2024)

Le ragazze ribelli di Gloria! Tutto sul primo sovversivo film di Margherita Vicario

Cinema - Redazione Milano 22.2.24
glaad-gaming-report

Il 17% dellǝ appassionatǝ di videogames è queer, ma l’industria ci rappresenta? Il rapporto di GLAAD

Culture - Francesca Di Feo 14.2.24
Ricky Martin: "Se avessi fatto coming out nel 1999 credo che non avrei avuto lo stesso successo" - Ricky Martin per GQ - Gay.it

Ricky Martin: “Se avessi fatto coming out nel 1999 credo che non avrei avuto lo stesso successo”

Culture - Redazione 23.2.24
Eurovision 2024, Angelina Mango vola secondo i bookmakers. Le ultime quote - Angelina Mango - Gay.it

Eurovision 2024, Angelina Mango vola secondo i bookmakers. Le ultime quote

News - Redazione 23.2.24
@giorgiominisini_

Giorgio Minisini contro gli stereotipi: perché essere maschio alfa, quando puoi stare bene? – L’intervista

Corpi - Riccardo Conte 21.2.24
Roberto Vannacci

Roberto Vannacci avrebbe truffato lo Stato secondo l’indagine della procura militare

News - Giuliano Federico 24.2.24

Hai già letto
queste storie?

diritti non capricci carriere alias macconi

Vietare la carriera alias nelle scuole, così il governo manda avanti scagnozzi e arcivescovo: presidio a Milano

News - Giuliano Federico 10.9.23
LP non binary Levante

LP si dichiara persona non binaria e duetta con Levante: “Bisogna sostenere il cambiamento”

Musica - Redazione Milano 25.9.23
USA, i crimini d’odio contro le persone trans e di genere non conforme sono aumentati del 33% nel 2022 - La transfobia istituzionale dilaga negli USA - Gay.it

USA, i crimini d’odio contro le persone trans e di genere non conforme sono aumentati del 33% nel 2022

News - Federico Boni 19.10.23
lady oscar genere non binario

Se oggi un millennial riguarda Lady Oscar, che fine fa quel buon padre che voleva un maschietto?

Culture - Emanuele Bero 28.11.23
judith butler

Distruggere i generi: breve storia di Judith Butler

Culture - Federico Colombo 20.10.23
genere non binario teramo conservatorio braga

Teramo, genere non binario sui documenti al Conservatorio Statale fondato nel 1895

News - Francesca Di Feo 18.10.23
Peter Spooner, Rishi Sunak

“Chiedete scusa alle vittime di transfobia!” il padre di Brianna Ghey al primo ministro Sunak

News - Redazione Milano 8.2.24
Judith_Butler_al_CCCB_2018

Cosa ha detto Judith Butler a Bari nella sua lectio magistralis

Culture - Redazione Milano 23.10.23