La bambina ha diritto a due mamme, sentenza del Tribunale di Bari

In Italia le famiglie arcobaleno sono ancora di serie B.

ascolta:
0:00
-
0:00
Sentenza Bari due mamme Gay.it
In Italia manca ancora una legislazione adeguata sulla bigenitorialità
3 min. di lettura

L’ omogenitorialità, soprattutto in Italia, è un tema che crea ancora molta perplessità e, soprattutto, confusione. Le famiglie arcobaleno sono ancora di serie B nel nostro paese.

Quando si tratta di figli con due mamme o due papà, il grave vuoto legislativo che concerne i diritti dei genitori e l’eventuale affidamento dei figli fa sì che ogni volta i tribunali debbano ispirarsi a vecchie sentenze o interpretare le leggi già esistenti per adattarle al caso in esame. L’interesse di fondo, comunque, è sempre la tutela del minore.

Qualche giorno fa vi abbiamo parlato del caso di Bologna: quando vince l’amore, riconosciute due mamme per la bambina, ma solo grazie al Tribunale.

Lo stesso è accaduto in Puglia, dove il Tribunale civile di Bari davanti al caso di due mamme separate, una delle quali chiedeva la cancellazione del nome dell’altra come madre della bambina dai registri ufficiali del Comune. Ma la bambina, secondo il Tribunale, ha diritto a due mamme anche dopo la separazione.

Per rispettare la privacy della famiglia, i nomi della famiglia non sono stati resi noti. Si sa che le due donne si sono sposate nel 2016 negli Stati Uniti e l’anno dopo hanno avviato le procedure per concepire un figlio con la maternità surrogata.

 

Sentenza Bari due mamme Gay.it
Il Tribunale di Bari ha riconosciuto il diritto della bambina ad avere due mamme

La bambina, che oggi ha cinque anni, possiede quindi un legame genetico con una delle due madri, mentre l’altra ha dato il consenso per il procedimento. Una volta tornate in Italia, l’atto di nascita con i nomi di entrambe le madri è stato trascritto sui registri del Comune di Bari, con la firma dello stesso sindaco Antonio Decaro.

La decisione presa dal Tribunale è la seguente: la bambina ha il diritto a conservare sui propri registri e documenti il nome di entrambe le madri e ha quindi effettivamente diritto ad avere due mamme. Come abbiamo detto, il vuoto legislativo sulla questione si fa sentire, ma è stata presa come base anche una sentenza della Corte Costituzionale risalente al 2021 che trattava un caso simile. Il risultato è che non è necessario avere dei legami biologici o genetici con i figli, ma l’intenzione di genitorialità è sufficiente a garantire che i diritti e i doveri nei confronti di questi rimangano nel tempo.

«Deve essere tutelato l’interesse della minore, che deve poter fruire del diritto di essere mantenuta, istruita, educata ed assistita moralmente da entrambe le persone che considera di fatto suoi genitori e che hanno concorso alla sua nascita sulla scorta di un progetto genitoriale condiviso»

La decisione del giudice si basa sul fatto che nessuna delle due madri possiede un legame biologico con la piccola, una delle due condivide con lei solo un legame genetico. «Il consenso alla genitorialità e l’assunzione della conseguente responsabilità nella formazione di un nucleo familiare dimostra la volontà di tutelare l’interesse del minore alla propria identità affettiva, relazionale, sociale e a mantenere il legame genitoriale acquisito nei confronti di entrambi i genitori, eventualmente anche in contrasto con la verità biologica della procreazione», sono le parole che si ascoltano nella sentenza.

La madre genetica è stata appoggiata dalla famiglia nel voler rimuovere il nome dell’altra donna – la richiesta pervenuta al Tribunale recitava come motivazione proprio un mancato legame genetico con la figlia –, mentre accanto all’altra madre si è costituito anche il Comune di Bari.

La sentenza del 2021, a cui ha fatto seguito una della Corte di Cassazione, stabiliva che «pur essendo vietata in Italia la gravidanza per altri, è necessario riconoscere piena tutela ai bambini italiani nati in Paesi in cui la pratica è consentita, sì da non essere discriminati».

Nonostante sia una notizia importante, la causa di Bari non fa altro che sottolineare, ancora una volta, come la mancanza di una vera e propria legislazione in termini di omogenitorialità, maternità surrogata e diritti di famiglie formate da genitori dello stesso sesso sia una lacuna a cui la giurisprudenza e il governo italiano non hanno ancora saputo porre rimedio. Tra quanto questo accadrà, è difficile dirlo.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Elezioni Europee e voto LGBTI+, guida alle candidature che aderiscono a #ComeOut4EU il programma di Ilga Europe - cover wp - Gay.it

Elezioni Europee e voto LGBTI+, guida alle candidature che aderiscono a #ComeOut4EU il programma di Ilga Europe

News - Lorenzo Ottanelli 20.5.24
Cannes 2024, ecco i 17 film LGBTQIA+ in corsa per la Queer Palm - Block Pass - Gay.it

Cannes 2024, ecco i 17 film LGBTQIA+ in corsa per la Queer Palm

Cinema - Federico Boni 17.5.24
Paola e Chiara singolo estivo Festa totale

Paola e Chiara, arriva il singolo “Festa totale”: “Il nostro grido d’amore forte e libero”

Musica - Emanuele Corbo 20.5.24
BigMama date estive

BigMama parte per il “Pride Tour”: tutte le date per un’estate nel segno dell’orgoglio

Musica - Emanuele Corbo 24.5.24
Bari, il sindaco Decaro unisce civilmente due vigilesse in alta uniforme: "Solo l'amore conta" - Bari il sindaco Decaro unisce civilmente due vigilesse in alta uniforme - Gay.it

Bari, il sindaco Decaro unisce civilmente due vigilesse in alta uniforme: “Solo l’amore conta”

News - Redazione 24.5.24
Mahmood: "Sono stato un ragazzino cicciotello per niente cool, ma più libero e sicuro di chi sono oggi"

Mahmood: “Sono stato un ragazzino cicciotello per niente cool, ma più libero e sicuro di chi sono oggi”

Musica - Emanuele Corbo 22.5.24

I nostri contenuti
sono diversi

Piemonte, l'assessora leghista Caucino vuole escludere le persone LGBTQIA+ dal sistema degli affidi familiari - Chiara Caucino - Gay.it

Piemonte, l’assessora leghista Caucino vuole escludere le persone LGBTQIA+ dal sistema degli affidi familiari

News - Federico Boni 24.1.24
Due mamme, un figlio, una famiglia. Il bellissimo spot italiano - Due mamme un figlio una famiglia. Il bellissimo spot italiano - Gay.it

Due mamme, un figlio, una famiglia. Il bellissimo spot italiano

Culture - Redazione 7.3.24
Anthony Rapp e suo marito Ken Ithiphol sono diventati di nuovo papà - Anthony Rapp - Gay.it

Anthony Rapp e suo marito Ken Ithiphol sono diventati di nuovo papà

News - Redazione 30.11.23
famiglie omogenitoriali

Governo pronto al ricorso in Cassazione sulla dicitura “genitori” sui documenti dei minori. Informativa di Piantedosi

News - Redazione 10.4.24
monza-mozione-famiglie-arcobaleno-pd

Monza, la giunta PD spiega perché ha bocciato la mozione a favore delle famiglie arcobaleno

News - Francesca Di Feo 5.1.24
Michela Murgia: Dare la vita - esce il 9 Gennaio 2024

“Dare la vita”, il testamento spirituale di Michela Murgia esce il 9 Gennaio 2024

Culture - Emanuele Bero 24.12.23
Famiglie arcobaleno a Roma, tra flashmob e convegno per raccontare la GPA attraverso gli occhi di chi l’ha vissuta (VIDEO) - Famiglie arcobaleno in piazza a Roma tra flashmob - Gay.it

Famiglie arcobaleno a Roma, tra flashmob e convegno per raccontare la GPA attraverso gli occhi di chi l’ha vissuta (VIDEO)

News - Redazione 5.4.24
decreto genitori

Corte d’Appello smentisce il decreto Salvini sulle carte d’identità dei minori: “Applicare la dicitura “genitori””

News - Redazione 15.2.24