L’Ungheria cancella le persone trans: un giudice chiamato a decidere se è costituzionale

La vergognosa Sezione 23 ha i giorni contati?

orban ungheria
Orban continua a sostenere l'Ungheria omofoba.
2 min. di lettura

Potrebbe essere un duro colpo quello che colpirà l’Ungheria e la sua politica omofoba, condotta senza rispetto da Viktor Orban. Le legge che ha imposto il divieto di riconoscimento legale del genere per le persone trans potrebbe infatti essere illegittima. Con questa premessa, un tribunale potrebbe dichiararla incostituzionale e quindi eliminarla. Mettendo fine alla guerra contro la comunità trans del Paese.

Secondo quanto riportato, infatti, la legge violerebbe i diritti costituzionali alla dignità umana e alla vita privata. Al momento, è stato il tribunale regionale di Miskolc a dare ragione agli attivisti dell’associazione LGBT Háttér Society. La palla passa ora alla Corte Costituzionale, che entro 90 giorni dovrà dare una risposta.

Quella “Sezione 23” passata di nascosto

Al tempo della prima ondata di Covid 19, che non ha risparmiato nemmeno l’Ungheria, il governo di Orban aveva inserito all’interno dei provvedimenti presi per fermare il diffondersi del virus un emendamento che non riguardava il Covid, bensì le persone trans. Non c’era stata alcune discussione: il presidente aveva richiesto “pieni poteri” per agire senza passare per il Parlamento, il quale aveva votato a favore. Tutte i testi approvati in quel periodo sono diventati leggi dello Stato.

Si chiama appunto “sezione 23”, e di fatto sancisce che il sesso biologico di un cittadino è definito in modo permanente dalla nascita. Con questo semplice testo, l’Ungheria ha vietato il cambio di genere nei documenti ufficiali.

La norma è retroattiva, quindi anche i cambi già ottenuti (dopo l’insistenza degli interessati) saranno modificati.

La scusa: “chiarezza giuridica”

Dal governo e dalla maggioranza arriva l’ovvio e pieno appoggio alla legge, con la scusante che questo provvedimento permetterà alla burocrazia di avere più chiarezza giuridica. In realtà, è solo l’ennesimo tentativo di eliminare una parte della nostra comunità.

La battaglia non si ferma, l’Ungheria dovrà riconoscere le persone trans

Purtroppo per l’Ungheria e la sua politica omofoba, la Corte Costituzionale del Paese aveva già ribadito che le persone trans hanno il diritto di cambiare legalmente il proprio nome e il proprio genere nei documenti ufficiali. A sostenere la tesi, anche la Corte europea dei diritti dell’uomo. E in questi giorni, anche il dubbio di costituzionalità del tribunale.

La Sezione 23 ha (si spera) i giorni contati.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.
Avatar
Anonimo 26.11.20 - 18:09

Purtroppo in Ungheria la magistratura è in larga parte controllata da Orban, uno dei tanti motivi per cui l'Unione Europea contesta al suo governo la violazione dello stato di diritto. Speriamo che la Corte Suprema mantenga una propria autonomia e cancelli la vergognosa Sezione 23, confermando le precedenti sentenze a favore delle persone trans.

Trending

Fabio Marida Damato Chiara Ferragni Diletta Leotti Elodie

Chiara Ferragni e Fabio Maria Damato insieme al matrimonio tra Diletta Leotta e Loris Karius

Lifestyle - Mandalina Di Biase 23.6.24
Cosa significa Rainbow Washing_

Cos’è il rainbow washing, quali forme assume e come evitarlo

News - Francesca Di Feo 20.6.24
Brian May: "Freddie Mercury non avrebbe voluto essere definito "queer", l'omofobia colpì i Queen" - Freddie Mercury 2 - Gay.it

Brian May: “Freddie Mercury non avrebbe voluto essere definito “queer”, l’omofobia colpì i Queen”

Musica - Redazione 21.6.24
Libri LGBTQIA+, le novità: di euforia, di santi, diavoli, altricorpi e femminielli - Matteo B Bianchi3 - Gay.it

Libri LGBTQIA+, le novità: di euforia, di santi, diavoli, altricorpi e femminielli

Culture - Federico Colombo 22.6.24
Front Runners Milano Prima Running Community LGBTQIA+ in Italia

Cagliari calcio e i suoi tifosi premiati da Arcigay Sport: “Italia in Campo contro l’Omobitransfobia 2024”

Corpi - Francesca Di Feo 22.6.24
Fedez annuncia apertura canale OnlyFans

Fedez cede a OnlyFans e apre il suo canale: “Mi consigliano di ripulirmi l’immagine e faccio il contrario”

News - Emanuele Corbo 21.6.24

Leggere fa bene

Tullio Cattaneo, aggressione omofoba ai danni dello scultore, in coma dopo un pugno: "Fr*cio di m*rda" - Tullio Cattaneo - Gay.it

Tullio Cattaneo, aggressione omofoba ai danni dello scultore, in coma dopo un pugno: “Fr*cio di m*rda”

News - Redazione 6.6.24
Consumo di contenuti p0rn0 con persone trans nel mondo - dati forniti da Pornhub

L’Italia è la nazione che guarda più p0rn0 con persone trans*

News - Redazione Milano 20.4.24
Prisma 2 Jacopo - Andrea Giammarino - Carriera Alias Gay.it

Prisma 2, Andrea Giammarino è Jacopo, ma anche un po’ sé stesso: la sua storia vera ha ispirato il suo personaggio

Serie Tv - Giuliano Federico 1.6.24
Intervista a Paul B Preciado - My Biographie Politique

Lə infinitə Orlando che ci donano il caos non binario, utopico e liberatorio: intervista a Paul B. Preciado

Cinema - Giuliano Federico 27.3.24
orban ungheria

Come l’Ungheria è diventata illiberale, Orban e l’attacco alla democrazia

News - Lorenzo Ottanelli 1.2.24
uganda-smug-perde-ricorso-tribunale

Uganda, l’NGO LGBTQIA+ SMUG perde il ricorso in tribunale: operazioni illegali secondo l’Anti Homosexuality Act

News - Francesca Di Feo 25.3.24
Lucy Clark nella Storia come prima allenatrice trans del calcio femminile inglese - Lucy Clark - Gay.it

Lucy Clark nella Storia come prima allenatrice trans del calcio femminile inglese

Corpi - Redazione 2.2.24
sassuolo-violenza-polizia-coppia-gay-scalfarotto

Violenza e profilazione razziale su coppia gay, la procura archivia, ma arriva l’interrogazione parlamentare

News - Francesca Di Feo 1.3.24