Ungheria, la legge omotransfobica di Orban davanti alla Corte di giustizia: parte la petizione delle Ong

La richiesta è che almeno 20 Paesi membri dell’UE si schierino contro le politiche anti-LGBT ungheresi

ascolta:
0:00
-
0:00
Ungheria Ong Gay.it
3 min. di lettura

Lo scorso luglio il giornale ungherese Nepszava dava l’annuncio che la legge promossa dal governo contro la propaganda LGBTQ+ nei confronti dei minori era stata trasmessa alla Corte di giustizia europea con l’accusa di essere una legge fondamentalmente omostransfobica. L’Unione Europea si è subito mossa per sanzionare l’Ungheria qualora la legge non venisse revocata, nel tentativo di difendere la comunità LGBT locale vittima delle politiche d’odio di Orban.

Le normative dell’Unione Europea, infatti, prevedono che tutti gli Stati membri debbano garantire negli ambiti prestabiliti nei vari trattati e direttive l’uguaglianza tra le persone eterosessuali e omosessuali. Nei mesi trascorsi dalla notizia, l’Ungheria non ha mostrato la minima intenzione di revocare o modificare la legge che, Orban continua a sostenere, non è contro l’omosessualità. I fatti dicono tutt’altro, e così nella giornata di lunedì 13 febbraio è stato pubblicato sulla Gazzetta ufficiale dell’Unione Europea il documento contenente la procedura di infrazione con cui l’Ungheria comparirà di fronte alla Corte di giustizia nell’imminente processo.

La mossa di Bruxelles, che si è subito attivata contro le politiche omotransfobiche di Orban, ha fatto seguito a una petizione organizzata da tre Ong che operano per i diritti umani e civili della comunità LGBTQ+ nel mondo. Si tratta di Forbidden Colours Háttér Society e Reclaim, che con la petizione vogliono spingere almeno 20 Paesi membri dell’UE a schierarsi contro l’Ungheria e la sua legge contro la propaganda LGBT, dando vita a un’azione congiunta che dia voce e protegga la comunità queer ungherese.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Forbidden Colours (@forbiddencoloursfund)

La ministra belga per gli affari europei, Hadja Lahbib, ha commentato: «La lotta alla discriminazione basata sull’orientamento sessuale, l’identità di genere e l’espressione di genere è sempre stata una priorità per il nostro Paese. Vediamo che i diritti della comunità LGBTQI+ sono sottoposti a crescenti pressioni in molti luoghi, anche in Europa. Ciò ci è stato chiarito nuovamente la scorsa settimana durante un incontro con altre organizzato su mia richiesta durante la mia visita in Ungheria».

Secondo la proceduta di infrazione iniziata da Bruxelles, con la legge contro la propaganda LGBTQ+ l’Ungheria ha violato gli “obblighi che le incombono in forza del diritto dell’Unione”:

  • “Nel prevedere il divieto che i minori accedano a contenuti che promuovono o presentano la deviazione dall’identità di genere corrispondente a quella assegnata alla nascita, il cambiamento di sesso o l’omosessualità”
  • “Nell’imporre ai fornitori di servizi di media che forniscono servizi di media lineari l’obbligo di classificare nella categoria V tutti i programmi il cui elemento definitorio sia la promozione o la presentazione della deviazione dall’identità di genere corrispondente a quella assegnata alla nascita, del cambiamento di sesso o dell’omosessualità, — e quindi l’obbligo di limitarne la diffusione tra le 22.00 e le 5.00 — e nell’escludere tale tipo di programmi dalla classificazione come comunicazione di interesse pubblico o pubblicità a fini sociali”
  • “Nell’imporre al Consiglio per i media (Médiatanács) l’obbligo di chiedere allo Stato membro avente giurisdizione sul fornitore di servizi di media che lo stesso adotti misure e azioni efficaci per porre fine alle violazioni riscontrate dal Consiglio per i media”
  • “Nel prevedere il divieto che le professioni relative alla cultura sessuale, alla vita sessuale, all’orientamento sessuale e allo sviluppo sessuale possano mirare a promuovere la deviazione dall’identità di genere corrispondente a quella assegnata alla nascita, il cambiamento di sesso o l’omosessualità”

Le Ong che hanno fatto partire la petizione si aspettano ora che i Paesi membri rispondano all’appello. Se così fosse, il caso dell’Ungheria diventerebbe la più grande procedura sulla violazione dei diritti umani mai portata davanti alla Corte di giustizia dell’Unione europea.

Per supportare la petizione promossa dalle Ong contro l’Ungheria è possibile firmare a questo link.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Guglielmo Scilla e la trasformazione fisica: "Allenarmi è diventato un viaggio liberatorio, ho faticato ad accettarmi" (VIDEO) - Guglielmo Scilla 2 - Gay.it

Guglielmo Scilla e la trasformazione fisica: “Allenarmi è diventato un viaggio liberatorio, ho faticato ad accettarmi” (VIDEO)

Corpi - Redazione 19.6.24
Ariete sorprende i fan

Ariete offre la colazione ai fan che la aspettano da 24 ore: “Per voi ci sarò sempre”

Musica - Emanuele Corbo 20.6.24
Mahmood coming out_ Foto dalla sfilata di Prada

Quella specie di coming out di Mahmood in inglese: media italiani impazziti

Musica - Mandalina Di Biase 20.6.24
Justin Timberlake Arrestato Ubriaco Gossip Droghe

Justin Timberlake arrestato, guidava ubriaco. Il gossip impazza: “Popper e Truvada nel sangue”. Ma è davvero così?

Musica - Emanuele Corbo 19.6.24
Cosa significa Rainbow Washing_

Cos’è il rainbow washing, quali forme assume e come evitarlo

News - Francesca Di Feo 20.6.24
Carmine Alfano, le frasi choc del candidato sindaco di Torre Annunziata: "I ricchi*ni nel forno crematorio" - Carmine Alfano - Gay.it

Carmine Alfano, le frasi choc del candidato sindaco di Torre Annunziata: “I ricchi*ni nel forno crematorio”

News - Redazione 18.6.24

I nostri contenuti
sono diversi

orban ungheria

Come l’Ungheria è diventata illiberale, Orban e l’attacco alla democrazia

News - Lorenzo Ottanelli 1.2.24
Europee 2024: il Pd candida Marco Tarquinio, ex direttore dell'Avvenire contrario al matrimonio egualitario? - Marco Tarquinio - Gay.it

Europee 2024: il Pd candida Marco Tarquinio, ex direttore dell’Avvenire contrario al matrimonio egualitario?

News - Federico Boni 28.3.24
Armenia LGBT

Cos’è la Gayropa: “Quasi tutti gli Europei sono gay, noi no!”, così parlano i giovani in Armenia

News - Redazione Milano 8.5.24
Elezioni europee: "Io Voto! E porto la comunità LGBTIQ+ al voto", la campagna di Arcigay

Elezioni europee: “Io Voto! E porto la comunità LGBTIQ+ al voto”, la campagna di Arcigay

News - Gay.it 28.5.24
Elly Schlein Partito Democratico Europee 2024

Il PD di Elly Schlein dica subito “Mai alleati di Giorgia Meloni nell’Unione Europea”

News - Giuliano Federico 10.6.24
Unione Europea LGBT Italia

L’Italia non firma la dichiarazione dell’UE a favore dei diritti LGBTI+ perché somiglia al Ddl Zan e include l’identità di genere

News - Redazione Milano 17.5.24
Alessandro Zan PD Elezioni Europee

Europee 2024, intervista ad Alessandro Zan: “Faremo l’Europa più politica, Meloni come Orban, Vannacci come il Ku Klux Klan”

News - Federico Boni 15.5.24
Viktor Orban - Giorgia Meloni - Ungheria, la legge anti-LGBTI+ ha un impatto devastante sulla nostra comunità

Ungheria, impatto devastante della legge anti-LGBTI+, il rapporto di Amnesty

News - Francesca Di Feo 28.2.24