Valo: l’app di dating per cristiani che ammette con fatica l’omosessualità ma cancella arbitrariamente i profili

Valo, la terra promessa dei giovani cristiani eterosessuali in cerca d'amore.

ascolta:
0:00
-
0:00
Valo: l'app di dating per cristiani che ammette con fatica l'omosessualità ma cancella arbitrariamente i profili - Valo - Gay.it
3 min. di lettura

Il paradigma cristiano incoraggia da secoli uomini e donne – e sottolineiamo il dualismo chiave, binario e imperituro – ad andare e moltiplicarsi il più possibile. Oggi, tuttavia, il drastico calo di consensi verso le religioni monoteiste si pone come un annoso ostacolo alla questione.

Niente paura però: fortunatamente, i pii e timorati sviluppatori di Valo – app di dating esclusivamente per cristiani – hanno messo una pezza, creando un ambiente florido per la nascita di nuove coppie eteronormative sotto il benevolo cappello della religione.

Su Valo c’è un po’ di tutto: iconografie della Madonna, tantissimi no vax, teologi da oli essenziali e profili fake che non conoscono l’esistenza della ricerca per immagini di Google. Eppure, in questo calderone di umanità, fino a poco tempo fa l’unico ingrediente proibito era l’omosessualità. Vediamo cosa è successo.

Cos’è Valo e perché. In generale.

Avete presente il peccaminoso Tinder – satanico luogo di fornicazione e vilipendio matrimoniale? Bene, Valo funziona un po’ alla stessa maniera, ma senza la componente demoniaca né foto dei piedi: swipe left se non ti piace, swipe right se ti sconfinfera il verso della Bibbia inserito come biografia. Attenzione che non sia Ezechiele 25.17.

Qui, la promessa è quella di trovare l’amore perpetuo – e non è una battuta, la descrizione dell’app cita testuali parole. Incontri cristiani quindi, attenzione: qui non si mandano emoji con melanzane né pesche, non siamo dal fruttivendolo e Dio osserva. Ce lo fa notare anche Valo aggli stadi iniziali della registrazione: “Mantieni il sangue freddo”. Per dire, qui ci sono solo donne della salute, qualsiasi pensiero impuro va conservato unicamente per la prima notte di nozze.

Per registrarsi, è necessario attraversare un processo di profilazione che ci riporta un po’ al censimento dell’età di Giustiniano: scegli se sei un uomo o una donna – se sei altro, vai su Tinder. Stupisce la possibilità invece di scegliere un orientamento sessuale diverso dall’eteronormatività, ma il perché lo vedremo in seguito.

Dopodichè, sarà possibile scegliere fra la pletora di professioni cristiane disponibili – sia mai che un protestante abbia a che fare con un cattolico. Già vediamo, sulle carte del divorzio, una o due pagine che descrivono nei dettagli la causa scatenante della rottura matrimoniale: le tesi di Lutero.

Una volta completato il profilo, è il momento di trovare l’anima gemella, districandosi tra le centinaia di profilo fake creati dagli utenti di TikTok che nelle ultime settimane si sono impegnati a trasformare Valo in un meme.

La controversia di Valo sui profili cancellati

Come abbiamo sottolineato in precedenza, Valo permette la preferenza omosessuale. Ma non è detto che il tuo profilo non venga arbitrariamente bannato proprio per questa ragione: tantissimi utenti LGBTQIA+ hanno infatti riportato che il loro profilo sarebbe stato cancellato senza motivo.

I fondatori di Valo, Miika-Markus Järvelä ed Erkka Simolin sono gli stessi di Kotisatama, sito web di dating per incontri cristiani fondato ormai vent’anni orsono, ai tempi in cui era ancora socialmente accettato discriminare le persone in base all’orientamento sessuale.

Alle sue fasi iniziali, Valo si è quindi configurato all’interno di una bolla temporale simil medievale, in cui l’omosessualità non era ammessa. Trattandosi di un progetto finlandese e non a livello globale, la cosa è passata abbastanza in sordina per i primi mesi, ma poi sono arrivate le critiche.

Quindi, gli sviluppatori sono stati costretti ad introdurre la preferenza omosessuale, ignorando comunque qualsiasi tipo di identità di genere diversa da quella cisgender. Considerata però la natura del progetto, in molti si sono accontentati.

Il nostro servizio è stato sviluppato vent’anni fa, ed è fondato sugli ideali e i valori dell’epoca. Ad oggi, il faro rimane sempre la nostra visione della religione cristiana, anche se abbiamo dovuto aggiornare i termini di servizio a seconda dei valori moderni” hanno spiegato gli sviluppatori.

Eppure, dopo poche settimane dall’introduzione della nuova funzione, gli speranzosi utenti omosessuali di Valo hanno visto il proprio profilo scomparire dalla mappa – ed insieme ad esso, qualsiasi speranza di trovare l’amore in un ambiente casto e pio.

Gli sviluppatori, però, sembrano aver ignorato completamente la questione, parlando di problemi tecnici oggi risolti. Spiegazione quantomeno assurda, considerando che solo i profili con preferenza omosessuale sarebbero stati vittima di questi malfunzionamenti.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

glaad-gaming-report

Il 17% dellǝ appassionatǝ di videogames è queer, ma l’industria ci rappresenta? Il rapporto di GLAAD

Culture - Francesca Di Feo 14.2.24
Lux Pascal, la sorella di Pedro Pascal nel cast di Summer War. Sarà il suo primo film dopo il coming out - Lux Pascal e Pedro - Gay.it

Lux Pascal, la sorella di Pedro Pascal nel cast di Summer War. Sarà il suo primo film dopo il coming out

News - Redazione 23.2.24
GLORIA! (2024)

Le ragazze ribelli di Gloria! Tutto sul primo sovversivo film di Margherita Vicario

Cinema - Redazione Milano 22.2.24
“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Mahmood, Evans, Keoghan, Bailey e altri - Specchio 8 - Gay.it

“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Mahmood, Evans, Keoghan, Bailey e altri

Culture - Redazione 23.2.24
John Cena è su Only Fans?

Ma John Cena è davvero su Only Fans?

Culture - Riccardo Conte 23.2.24
adolescente-non-binari-aggressione-oklaoma (1)

USA, Nex Benedict, sedicenne non binariǝ, muore dopo un’aggressione transfobica a scuola

News - Francesca Di Feo 21.2.24

Hai già letto
queste storie?

"I gay sono dei perveriti", e la Corte bulgara dà ragione alla cantante Milena Slavova - Milena Slavova - Gay.it

“I gay sono dei perveriti”, e la Corte bulgara dà ragione alla cantante Milena Slavova

News - Redazione 13.10.23
sondrio-manifesti-pro-vita-risposta-lgbtqia

“Manifesti Pro Vita disumani” la risposta LGBTQIA+ a Sondrio è esemplare

News - Francesca Di Feo 12.12.23
Karma B, ondata di omofobia social: "Fate schifo e orrore, repellenti, comportatevi da uomini veri" - Karma B 5 - Gay.it

Karma B, ondata di omofobia social: “Fate schifo e orrore, repellenti, comportatevi da uomini veri”

News - Federico Boni 31.8.23
pro-vita-manifesti-como-brescia

Pro Vita e Famiglia, nuovi manifesti “anti-gender” a Como e Brescia: la risposta di Arcigay

News - Francesca Di Feo 6.1.24
torino i genitori non accettano l'omosessualità lui tenta il suicidio

Nichelino, coppia gay perseguitata dopo l’unione civile

News - Redazione 22.11.23
100 giorni di esternazioni omobitransfobiche di Roberto Vannacci, da generale a Capo di Stato maggiore - roberto vannacci - Gay.it

100 giorni di esternazioni omobitransfobiche di Roberto Vannacci, da generale a Capo di Stato maggiore

News - Redazione 7.12.23
burkina-faso-lgbt-africa

Africa, in Burkina Faso il filorusso Traorè vieta le trasmissioni LGBTQIA+

News - Francesca Di Feo 28.8.23
L'estate italiana dell'omobitransfobia, Zan: "Il Governo Meloni è corresponsabile, chi lo nega è complice" - alessandro zan - Gay.it

L’estate italiana dell’omobitransfobia, Zan: “Il Governo Meloni è corresponsabile, chi lo nega è complice”

News - Federico Boni 8.9.23