Banditi e bloccati, decine di siti LGBTQ+ censurati dalla Russia all’Indonesia

Russia, Indonesia, Malesia, Iran, Arabia Saudita ed Emirati Arabi Uniti i Paesi presi in esame. Con la censura a farla da padrona.

Banditi e bloccati, decine di siti LGBTQ+ censurati dalla Russia all'Indonesia - antilgtb 1280x720 1 - Gay.it
2 min. di lettura

Secondo quanto riportato da un importante rapporto globale pubblicato questa settimana da tre organizzazioni per i diritti, decine e decine di siti web LGBTQ+ sono stati bloccati almeno una volta sui provider Internet russi tra la metà del 2016 e la metà del 2020. La censura, causa “legge contro la propaganda gay” attiva dal 2013, prosegue.

I siti web di notizie su argomenti relativi alle persone LGBTIQ sono stati più comunemente bloccati, seguiti da siti culturali e sui diritti umani“, afferma il rapporto pubblicato da OutRight Action International, Citizen Lab dell’Università di Toronto e Open Observatory of Network Interference (OONI). “I governi filtrano i siti Web LGBTIQ utilizzando una varietà di metodi“, ha affermato Irene Poetranto, ricercatrice senior presso il gruppo per i diritti umani di Citizen Lab e tra i coautori del rapporto.

Oltre alla Russia, il rapporto si è concentrato su Indonesia, Malesia, Iran, Arabia Saudita ed Emirati Arabi Uniti (UAE), utilizzando un software sviluppato da OONI che misura diverse forme di censura su Internet. I sei Paesi sono stati scelti perché tristemente noti sul piano omotransfobico.

Secondo il rapporto, i divieti dei siti web violano l’articolo 19 del Patto internazionale sui diritti civili e politici (ICCPR), di cui Indonesia, Iran e Russia sono firmatari. Il trattato multilaterale afferma che “ognuno ha diritto alla libertà di espressione… (inclusa) la libertà di cercare, ricevere e diffondere informazioni e idee di ogni tipo, indipendentemente dalle frontiere”.

Tra i Paesi analizzati, l’Iran ha bloccato il maggior numero di indirizzi di siti web collegati a contenuti LGBTQ+. “In totale, 75 URL LGBTIQ univoci sono stati rilevati come bloccati in (Iran), seguiti dagli Emirati Arabi Uniti, dove sono stati trovati 51 URL LGBTIQ univoci bloccati”.

Cinque anni fa, il governo indonesiano ha dichiarato che avrebbe deciso di vietare i siti LGBT+ e almeno 38 siti LGBT+ sono attualmente bloccati nel Paese, che conta 270 milioni di abitanti. Grindr, tra le app di incontri gay più popolari al mondo, è stata bandita in Indonesia, Libano, Qatar, Arabia Saudita, Turchia ed Emirati Arabi Uniti.

Fonte: GayTimes

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.
Avatar
Anonimo 1.9.21 - 18:57

In Russia sono cristiani ortodossi e i gay non se la passano certo meglio.

Avatar
Franzc Dereck 1.9.21 - 15:30

Islam ( sottomissione , consegna totale a Dio) il nemico vero , concreto ed imminente , oltre che immanente di noi Gay.

Trending

discorso-d-odio-politici-europei

Discorso d’odio anti-LGBTQIA+ in crescita nelle aule istituzionali europee: “I diritti umani sono in discussione”

News - Francesca Di Feo 1.3.24
Due megattere maschio fanno sesso, storico primo avvistamento alle Hawaii (FOTO) - Due megattere maschi fanno sesso storico primo avvistamento alle Hawaii - Gay.it

Due megattere maschio fanno sesso, storico primo avvistamento alle Hawaii (FOTO)

News - Redazione 1.3.24
Cannes 2024, Xavier Dolan presidente di giuria Un Certain Regard - Xavier Dolan - Gay.it

Cannes 2024, Xavier Dolan presidente di giuria Un Certain Regard

News - Federico Boni 1.3.24
Francesco Panarella

Francesco Panarella e il morbo di Kienbock: “Recitare mi ha salvato la testa”

Culture - Luca Diana 28.2.24
stati-uniti-transfobia-omofobia-antisemitismo-e-suprematismo-bianco-dilagano-nelle-fila-del-partito-repubblicano (2)

Stati Uniti: transfobia, omofobia, antisemitismo e suprematismo bianco dilagano nel Partito Repubblicano

News - Francesca Di Feo 1.3.24
Mary & George, Oliver Hermanus e le scene di sesso gay: "Orge difficili da coreografare, le volevo autentiche" - Mary e George cover - Gay.it

Mary & George, Oliver Hermanus e le scene di sesso gay: “Orge difficili da coreografare, le volevo autentiche”

Serie Tv - Federico Boni 1.3.24

Leggere fa bene

Russia, Putin vieta ai minori i Mini Pony perché LGBTQIA+ e si ricandida alle elezioni del 2024 - Vladimir Putin Miny Pony 3 - Gay.it

Russia, Putin vieta ai minori i Mini Pony perché LGBTQIA+ e si ricandida alle elezioni del 2024

News - Redazione 11.12.23
Russia, emesso mandato d'arresto per lə giornalista trans no-binary Masha Gessen - Masha Gessen - Gay.it

Russia, emesso mandato d’arresto per lə giornalista trans no-binary Masha Gessen

News - Redazione 12.12.23
Padova, via alle cause contro le famiglie arcobaleno: "Sarà una battaglia di civiltà giuridica e umana" - Padova via alle cause contro le famiglie arcobaleno - Gay.it

Padova, via alle cause contro le famiglie arcobaleno: “Sarà una battaglia di civiltà giuridica e umana”

News - Redazione 14.11.23
pro-vita-manifesti-como-brescia

Pro Vita e Famiglia, nuovi manifesti “anti-gender” a Como e Brescia: la risposta di Arcigay

News - Francesca Di Feo 6.1.24
elezioni-indonesia-2024

Indonesia, estrema destra anti-LGBTI+ verso la vittoria, chi è Prabowo Subianto leader di Gerindra

News - Francesca Di Feo 16.2.24
Famiglia si trasferisce in Russia per fuggire dalle persone LGBTQIA+. Ma la Russia gli congela i conti bancari - Famiglia canadese di destra si trasferisce in Russia per fuggire dalle persone LGBTQIA1 - Gay.it

Famiglia si trasferisce in Russia per fuggire dalle persone LGBTQIA+. Ma la Russia gli congela i conti bancari

News - Federico Boni 22.2.24
africarivista.it

Mauritius, la Corte Suprema ha depenalizzato l’omosessualità

News - Redazione 6.10.23
graeme-reid-sogi

Difesa dei diritti LGBTIQA+ in Europa: eletto Graeme Reid in SOGI, ecco chi è e di cosa si occupa

News - Francesca Di Feo 20.10.23