Presidente Casellati, il DDL Zan la sta aspettando da una settimana. Che vogliamo fare?

Dopo una settimana non una parola, niente di niente. Ma è alla presidente del Senato che spetta la prossima mossa relativa al DDL Zan. Cosa sta aspettando?

Presidente Casellati, il DDL Zan la sta aspettando da una settimana. Che vogliamo fare? - Casellati 2 - Gay.it
2 min. di lettura

Mercoledì scorso, durante l’Ufficio di presidenza della Commissione Giustizia il presidente leghista Andrea Ostellari trovava un cavillo, ovvero l’articolo 51, comma 1, del Regolamento del Senato, per allungare ulteriormente i tempi nei confronti della calendarizzazione del DDL Zan.

Quando in Commissione sono presenti più testi di contenuto omogeneo, infatti, questi testi devono essere abbinati per la discussione. Ma se il DDL Zan era stato assegnato alla Commissione Giustizia “in sede redigente”, altri testi di analogo contenuto (firmati Monica Cirinnà, Alessandra Maiorino, Julia Unterberger ed Elvira Evangelista) erano stati assegnati alla Commissione “in sede referente”. La decisione sull’assegnazione è così passata alla presidente del Senato Maria Elisabetta Alberti Casellati, eletta con Forza Italia, conservatrice, cattolica e nel 2016 dichiaratamente contraria alla legge sulle unioni civili. Non propriamente ciò che si dice “alleata della comunità LGBT”.

Ebbene 7 giorni fa Alessandro Zan, deputato Pd, sottolineava come l’ufficio di presidenza avesse trovato “una sorta di mediazione per garantire la calendarizzazione del DDL per la settimana prossima“, ovvero questa, immaginando che Casellati potesse risolvere la questione in un paio di giorni al massimo. Questo perché si trattava di un passaggio tecnico di rapida soluzione. C’è un DDL già approvato alla Camera in attesa del via libera per la discussione in Commissione, in modo da poter poi sbarcare al Senato. Cosa altro c’è da aggiungere? Niente, in linea teorica.

Eppure domani saranno passati 7 giorni da quella mediazione in Commissione, con la presidente Casellati che non ha ancora proferito parola, mosso un dito. Ciò che la scorsa settimana sembrava un semplice passaggio tecnico in più voluto dalla Lega per allungare ulteriormente i tempi, sta confermando i timori iniziali ampliandoli ulteriormente, perché nessuno poteva immaginare che la seconda carica dello Stato non riuscisse a risolvere la questione nell’arco di una settimana. Domani si sarebbe dovuto tenere l’eventuale ufficio di presidenza per calendarizzare il DDL, nel caso in cui Casellati fosse intervenuta per tempo, ma questo non è accaduto. E a questo punto chissà quando accadrà. Nell’attesa il tempo passa, le lancette dell’orologio continuano a correre, i casi di omotransfobia si sommano e la vita della legislatura diminuisce sempre più.

Ed è qui che noi ci appelliamo alla presidente del Senato Maria Elisabetta Alberti Casellati, affinché possa/voglia risolvere nel più breve tempo possibile questo cavillo procedurale, in modo da sbloccare definitivamente l’insostenibile impasse che da mesi tiene in ostaggio una legge di civiltà che in qualunque modo la si pensi dovrebbe essere discussa, votata ed eventualmente approvata anche al Senato. Non è più lontanamente accettabile che la politica nostrana continui a giocare al burocrate di Palazzo che sposta una carta per nascondere un faldone sulla pelle di una comunità che quotidianamente viene discriminata, aggredita, insultata.

Il tempo del rimpiattino è finito. Calendarizzate il DDL Zan.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.
Avatar
Franzc Dereck 13.4.21 - 20:17

E' tutto nelle mani di questa nobile Signora il DL San , senza se e senza ma . E se organizzassimo un " mail bombing" per il n.2 della nostra Repubblica?

Trending

Federico Massaro, Grande Fratello

Grande Fratello, il percorso di Federico Massaro dopo l’uscita di Vittorio Menozzi

Culture - Luca Diana 27.2.24
Due megattere maschio fanno sesso, storico primo avvistamento alle Hawaii (FOTO) - Due megattere maschi fanno sesso storico primo avvistamento alle Hawaii - Gay.it

Due megattere maschio fanno sesso, storico primo avvistamento alle Hawaii (FOTO)

News - Redazione 1.3.24
FR*CINEMA

A Roma arriva FR*CINEMA, tra film queer e riappropriazione culturale

Cinema - Redazione Milano 28.2.24
Ghana legge anti LGBTI approvata dal parlamento

Ghana, il parlamento approva la legge anti-LGBTI, il Presidente Akufo-Addo firmerà?

News - Giuliano Federico 28.2.24
Rooy Charlie Lana

Vergognarsi e spogliarsi lo stesso: intervista con Rooy Charlie Lana, tra desiderio e non binarismo

Culture - Riccardo Conte 29.2.24
I SAW THE TV GLOW (2024)

I Saw The Tv Glow: guarda il trailer dell’attesissimo film horror trans* – VIDEO

Cinema - Redazione Milano 29.2.24

Leggere fa bene

reintegrato-coordinatore-cittadino-fdi-omofobo

Dentro Fratelli d’Italia se sei omofobo fai carriera: la storia di Alessio Butti

News - Francesca Di Feo 1.12.23
aggressione-omofoba-andria

Perse un occhio dopo aggressione omofoba, condannato a sei anni l’aggressore

News - Redazione 31.10.23
Modifica legge federale Stati Uniti Gay.it

L’ONU contro le leggi anti-LGBTQIA+ degli Stati Uniti: “Violano gli accordi sui diritti umani”

News - Redazione 16.11.23
Buttafuoco presidente della Biennale di Venezia: per lui gli omosessuali rivendicano diritti che hanno già - Progetto senza titolo e1698333924970 - Gay.it

Buttafuoco presidente della Biennale di Venezia: per lui gli omosessuali rivendicano diritti che hanno già

Culture - Redazione Milano 26.10.23
vittorio menozzi gay iti mirko brunetti grande fratello

Grande Fratello, omofobia su Vittorio Menozzi, le battute di Mirko e Marco

Culture - Francesca Di Feo 1.12.23
St. Vincent e Grenadine, l'Alta Corte conferma: "Il sesso gay è illegale, legge ragionevolmente necessaria" - Caraibi - Gay.it

St. Vincent e Grenadine, l’Alta Corte conferma: “Il sesso gay è illegale, legge ragionevolmente necessaria”

News - Redazione 19.2.24
ragazza-lesbica-aggredita-bojano

Prese a schiaffi e insultò coppia di donne lesbiche. Condannato a 5 mesi e 9 giorni di reclusione

News - Redazione 23.2.24
libano-diritti-lgbtqia

Libano: il deterioramento dei diritti LGBQIA+ come specchio di una crisi multidimensionale

News - Francesca Di Feo 14.9.23