Foto

Caso Morisi: le contraddizioni del presunto escort che ora si troverebbe a Dubai

Ricatto, mancato pagamento o malore? La ricostruzione delle Forze dell'Ordine sembra diversa da quella del ragazzo, che a quanto pare non è in Romania.

Caso Morisi: le contraddizioni del presunto escort che ora si troverebbe a Dubai - Luca Morisi escort droga foto1 - Gay.it
2 min. di lettura

Il caso di Luca Morisi non accenna a sgonfiarsi, anzi emergono ulteriori dettagli e ricostruzioni inedite che gettano sfumature in parte diverse sulla vicenda o quantomeno sulla meccanica della stessa.

Dagli scoop di Corriere e Repubblica, che nelle ore immediatamente successive allo scoppio dello scandalo sono riusciti a rintracciare ed intervistare uno dei due presunti escort, nome di battesimo P., sembrava che il ragazzo di origine Rumena si fosse rifugiato nel suo paese,  presso la propria famiglia per sfuggire ai media e alle conseguenze dei fatti di Belfiore.

In realtà Gay.it è venuto in possesso di alcuni immagini che svelerebbero un’altra verità: il ragazzo si troverebbe a Dubai, o almeno a Dubai sono state realizzate le foto che ha postato sui social negli ultimi giorni.

Nelle immagini si vede il ragazzo prendere il sole in una terrazza di un hotel,  in abbigliamento tipicamente arabeggiante ad una cena, e tutto sembra confermare che si troverebbe effettivamente negli Emirati.

In precedenza, il suo feed riporta effettivamente invece una presenza in Romania tra metà agosto e inizio settembre. Se questo non dimostra niente, e nessuno può dedurre qualcosa sul suo stato emotivo, di sicuro è un’incongruenza rispetto a quanto dichiarato ai giornali.

Inoltre, la sua versione sui motivi per cui sono stati chiamati i carabinieri in quel Ferragosto nella campagna Veronese, mostra alcune contraddizioni.

Secondo quanto riportato da Repubblica e da alcuni testimoni, l’intervento delle forze di polizia sarebbe stato richiesto dal ragazzo non per un malore, bensì per denunciare un ipotetico furto avvenuto proprio nella casa di Morisi, e ciò sarebbe dimostrato dai tabulati telefonici.

In realtà si tratterebbe non tanto di furto, ma del mancato pagamento dei due escort da parte di Morisi di una parte del compenso pattuito – secondo la versione dei ragazzi-, oppure il rifiuto, da parte di Morisi stesso, di cedere alla richiesta di un compenso più alto sotto la minaccia di ritorsioni.

Insomma, un ricatto, che potrebbe essere sorto quando i due si sono resi conto che il loro cliente era un personaggio molto in vista.

Resta ancora l’ambiguità sulla presenza del quarto uomo, “il cinquantenne”, come definito dai testimoni. Esiste davvero o no?

Nelle prossime ore è altamente probabile che emergano nuovi elementi.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.
Avatar
Franzc Dereck 1.10.21 - 17:00

Una cosa è certa . i " servizi" , quando vogliono avvantaggiare una parte politica , lavorano in maniera egregia ! Forse lo sgranare rosari non sempre aiuta.

Trending

15 persone famose che non sapevi fossero non binarie - 10 persone famose che non sapevi fossero non binarie - Gay.it

15 persone famose che non sapevi fossero non binarie

Corpi - Gio Arcuri 13.5.24
queer palm, festival di cannes, i vincitori

Festival di Cannes. Tutti i film vincitori della Queer Palm dal 2010 ad oggi

Cinema - Gio Arcuri 17.5.24
Rainbow Map 2024, l'Italia crolla al 36° posto su 49 Paesi per uguaglianza e tutela delle persone LGBT - rainbowmap - Gay.it

Rainbow Map 2024, l’Italia crolla al 36° posto su 49 Paesi per uguaglianza e tutela delle persone LGBT

News - Federico Boni 15.5.24
Essere gay e candidarsi come sindaco in provincia, attacchi omofobi a Riccardo Vannetti: "La risposta è l'educazione alle diversità" - INTERVISTA - riccardo vannetti - Gay.it

Essere gay e candidarsi come sindaco in provincia, attacchi omofobi a Riccardo Vannetti: “La risposta è l’educazione alle diversità” – INTERVISTA

News - Francesca Di Feo 17.5.24
Andrew Scott per Quinn (2024)

Andrew Scott presta la voce ad un’app di racconti erotici

Culture - Redazione Milano 16.5.24
Sethu, è uscito il suo primo album "Tutti i colori del buio"

Sethu e i colori del buio: “Canto per tendere una mano a me stesso e agli altri, dopo Sanremo la depressione” – Intervista

Musica - Emanuele Corbo 17.5.24

Hai già letto
queste storie?

Libri omocausto Gay.it

Storie dall’omocausto: cinque libri per saperne di più

Culture - Federico Colombo 24.1.24
Gabriel Attal: “Francesi vuol dire poter essere premier rivendicando apertamente la propria omosessualità” - VIDEO - Gabriel Attal 1 - Gay.it

Gabriel Attal: “Francesi vuol dire poter essere premier rivendicando apertamente la propria omosessualità” – VIDEO

News - Redazione 31.1.24
Vannacci nominato Capo di Stato maggiore, Zan: "Vergogna, è un pericolo per la Costituzione" - Vannacci - Gay.it

Vannacci nominato Capo di Stato maggiore, Zan: “Vergogna, è un pericolo per la Costituzione”

News - Redazione 4.12.23
Roma, il sindaco Gualtieri registra altri due atti di nascita formati all’estero di figlie di due mamme - Roma sindaco Gualtieri - Gay.it

Roma, il sindaco Gualtieri registra altri due atti di nascita formati all’estero di figlie di due mamme

News - Redazione 22.4.24
A Norma, storia di una sex worker trans peruviana tra desideri, aspettative e pregiudizi - Carlotta Cosmai a norma 2 - Gay.it

A Norma, storia di una sex worker trans peruviana tra desideri, aspettative e pregiudizi

Cinema - Federico Boni 21.11.23
romania-unioni-civili

Romania in ritardo sul riconoscimento delle coppie omo, cresce l’estrema destra: l’allarme dellə attivistə

News - Francesca Di Feo 18.12.23
Barbera, presidente Corte Costituzionale, al Parlamento: "Serve una legge sui figli delle famiglie arcobaleno" - Augusto Barbera - Gay.it

Barbera, presidente Corte Costituzionale, al Parlamento: “Serve una legge sui figli delle famiglie arcobaleno”

News - Redazione 18.3.24
Transgender triptorelina

Triptorelina, 35 associazioni trans* ed LGBTQIA+ chiedono di partecipare al tavolo tecnico per la revisione dei protocolli

Corpi - Francesca Di Feo 28.3.24