Caso Taormina, Rete Lenford festeggia la conferma della condanna in Cassazione: “Una vittoria per l’eguaglianza”

Una sentenza che ha fissato principi di eguaglianza validi per tutti i gruppi di persone vittime di discriminazioni in ragione dei fattori vietati nel nostro ordinamento.

Caso Taormina, Rete Lenford festeggia la conferma della condanna in Cassazione: "Una vittoria per l’eguaglianza" - Carlo Taormina - Gay.it
2 min. di lettura

Come scritto ieri, la Cassazione ha rigettato il ricorso di Carlo Taormina che era stato condannato per aver dichiarato «Non assumo omosessuali nel mio studio», applicando i criteri dati dalla Corte di Giustizia lo scorso 23 aprile, mettendo così la parola fine sulla nota vicenda che era nata a seguito di un’azione avviata nel 2014 da Avvocatura per i diritti LGBTI – Rete Lenford. Che oggi giustamente festeggia, dopo anni di battaglie in tribunale.

L’esito, pur a fronte della sentenza della Corte di Giustizia, non era infatti del tutto scontato. La Cassazione ha enunciato un principio di diritto, ovvero che nel caso di discriminazioni collettive senza vittime identificabili le norme di diritto nazionale hanno una portata più ampia di quella prevista dal diritto dell’Unione Europea e l’interesse ad agire per avviare un’azione per accertare tale discriminazione è di tutte le associazioni rappresentative dell’interesse collettivo leso. La loro rappresentatività deve essere accertata nel merito “sulla base dell’esame dello statuto [dell’ente che propone l’azione], che deve contemplare la previsione univoca della finalità di tutela dell’interesse collettivo assunto a scopo dell’ente e del suo concreto operato”.

Nel merito delle dichiarazioni oggetto della causa, la Cassazione applica i criteri enunciati dalla Corte di giustizia, confermando che la Corte di merito aveva accertato la natura non ipotetica delle dichiarazioni e il loro contenuto discriminatorio, essendo il protagonista della vicenda “un avvocato molto noto e titolare di uno studio professionale, che rivela pubblicamente la propria scelta programmatica in tema di politica di assunzioni nel suo studio”; nella trasmissione radiofonica La Zanzara Taormina aveva ribadito a più riprese la precisa esclusione delle persone omosessuali pur a fronte dei tentativi “correttivi” di conduttore e co-conduttore. La condanna non si pone in contrasto con il diritto alla libertà di espressione di cui all’art. 21 della Costituzione, precisa la Cassazione, perché tale diritto deve essere contemperato con la tutela dei diritti inviolabili delle persone ai sensi dell’art. 2 e del principio di eguaglianza dell’art. 3 della Costituzione, nonché il diritto effettivo al lavoro tutelato dagli artt. 4 e 35 della Costituzione e quindi alla rimozione degli ostacoli sociali che impediscono il pieno sviluppo della persona umana e la partecipazione di tutti i lavoratori all’organizzazione politica, economica, sociale del Paese.

L’Associazione è molto felice che da una sua iniziativa sia sorto un leading case, che ha fissato principi di eguaglianza validi per tutti i gruppi di persone vittime di discriminazioni in ragione dei fattori vietati nel nostro ordinamento e ribadito la centralità del ruolo delle Associazioni nella lotta contro le discriminazioni“, ha dichiarato il presidente di Rete Lenford, l’avv. Vincenzo Miri. “Questa lunga vicenda giudiziaria é nata dall’intuizione giuridica di uno dei soci e portata avanti sin dal giudizio di primo grado, grazie anche al confronto con molti e molte nell’associazione, dalla socia avv.ta Caterina Caput e dal socio avv. Francesco Rizzi”. “Per questo risultato ringraziamo enormemente l’avvocato Alberto Guariso, massimo esperto in Italia di diritto antidiscriminatorio, che sin dal primo grado ha rappresentato l’Associazione, guidandola in un percorso di crescita formativa per cui gli siamo tutte e tutti grati”.“ Questa vittoria fissa un punto in un percorso ancora lungo per la piena affermazione dell’eguale dignità delle persone LGBTI, nel quale l’Associazione rinnova il suo impegno a fianco del nutrito e solido gruppo di associazioni LGBTI in Italia“.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Tiziano Ferro ospite di Voci Parallele

Giuni Russo “Voci Parallele”: Tiziano Ferro, Irene Grandi e tutti gli ospiti del concerto in ricordo di un’artista immensa

Musica - Emanuele Corbo 12.6.24
Europee, Francia: il Rassemblement National di Le Pen e Jordan Bardella e i temi LGBTIQ+ - Screenshot 2024 06 10 143141 - Gay.it

Europee, Francia: il Rassemblement National di Le Pen e Jordan Bardella e i temi LGBTIQ+

News - Lorenzo Ottanelli 10.6.24
papa francesco e comunità lgbtq

Papa Francesco torna a insultare e conferma l’esclusione cattolica dei seminaristi gay

News - Francesca Di Feo 12.6.24
Marco Mengoni Carlo Conti Sanremo 2025 Gay.it

Marco Mengoni sul ritorno di Carlo Conti a Sanremo: “Senza Amadeus sarà diverso”

Culture - Emanuele Corbo 10.6.24
Tormentoni Queer estate 2024

Estate 2024, quali sono i tormentoni queer? La playlist di Gay.it

Musica - Luca Diana 4.6.24
Matt Bomer: "Non mi hanno fatto fare Superman perché sono gay" - Matt Bomer - Gay.it

Matt Bomer: “Non mi hanno fatto fare Superman perché sono gay”

Cinema - Redazione 12.6.24

Hai già letto
queste storie?

Lodi, "mi hanno messo vicino a un tavolo di gay e a un disabile". La replica della titolare alla recensione disumana - pizzeria recensione choc - Gay.it

Lodi, “mi hanno messo vicino a un tavolo di gay e a un disabile”. La replica della titolare alla recensione disumana

News - Redazione 12.1.24
Odio LGBTIAQ social network

L’odio social verso la comunità LGBTQIA+ ha conseguenze nella vita reale, ma Meta, X e TikTok non fanno abbastanza per arginarlo

News - Francesca Di Feo 25.1.24
Salerno, aggressione omofoba al grido "ricchi*ne, uomo di merd*, clandestino di merd*” - Omofobia 10 - Gay.it

Salerno, aggressione omofoba al grido “ricchi*ne, uomo di merd*, clandestino di merd*”

News - Redazione 3.5.24
Torino, in 20 aggrediscono la drag La Myss: "È stato di sicuro un attacco a sfondo omofobo" - la myss - Gay.it

Torino, in 20 aggrediscono la drag La Myss: “È stato di sicuro un attacco a sfondo omofobo”

News - Redazione 9.1.24
Islam LGBTIAQ musulmani Politecnico Milano

Seminari e incontri islamici anti-LGBTQIA+: bufera sul Politecnico di Milano, ecco cosa è successo

Culture - Francesca Di Feo 11.4.24
la-normalita-dell-amore

Il mio libro di risposta a Vannacci: “La normalità dell’amore”, così un ragazzo replica alle retoriche d’odio del generale

Culture - Francesca Di Feo 1.2.24
Perugia, in otto a processo per insulti omofobi sui social: “Odiare costa!” - Perugia Pride 2019 - Gay.it

Perugia, in otto a processo per insulti omofobi sui social: “Odiare costa!”

News - Redazione 26.1.24
Emanuele Pozzolo il post omofobico ai tempi dell'approvazione delle unioni civili. Nella foto insieme a Giorgia Meloni che lo scelse nelle liste elettorali del 25 Settembre 2022.

Emanuele Pozzolo, scelto da Meloni: ecco il post omofobico contro le unioni civili

News - Redazione Milano 3.1.24