Cecenia, indagava su persecuzioni gay, picchiata la giornalista Elena Milashina

Come Anna Politkovskaja anche Elena indagava sulle persecuzioni dei gay da parte del regime di Kadyrov.

ascolta:
0:00
-
0:00
Elena Milashina gay it
Elena Milashina gay it
2 min. di lettura

La giornalista Elena Milashina, considerata l’erede della giornalista uccisa da russi e ceceni Anna Politkovskaja, è stata attaccata e picchiata selvaggiamente in Cecenia, dove attualmente è ricoverata.

Una foto apparsa su Twitter mostra Milashina con la testa rasata, le mani fasciate e coperta da una sostanza verde (un antisettico). Ha subito la frattura di alcune dita delle mani.

Le persecuzioni dei gay nella Cecenia del feroce Kaydorv sono ormai storia. Circa un anno avevamo intervistato Miron Rozanov, addetto stampa di Crisis Group “NC SOS”, organizzazione che dal 2017 aiuta la comunità Lgbt+ in quell’area del mondo. In Cecenia, la persecuzione verso le persone LGBTQIA+ è un protocollo istituzionale: in questo articolo alcuni video esplicativi (TRIGGER WARNING)

Era il 2017 quando Gay.it diede la prima notizia:
Cecenia: aperto un campo di concentramento per omosessuali

Ma lo sguardo del mondo interò si spalancò sull’orrore soltanto un paio d’anni dopo. Il 1° aprile del 2017 il mondo scopriva l’omocausto ceceno. Una repressione voluta e guidata da Ramzan Achmadovič Kadyrov, da tempo considerato il più fedele alleato di Vladimir Putin il quale, come ogni tiranno sul viale del tramonto, vede ora anche la Cecenia e l’esercito privato di Kadyrov come potenziali traditori, come già avvenuto per la Wagner di Prigozhin (a sua volta travolto da una propaganda omofobica nel video “È un fr*cio, l’ho scop**** in bocca”: vedi qui).

A quanto si apprende Elena Milashina si trovava sulla strada che collega l’aeroporto a Grozny e stava lavorando per Novaya Gazeta a un’inchiesta sulla persecuzione dei gay in Cecenia, quando la sua auto è stata circondata da un gruppo di uomini mascherati che l’hanno prima picchiata e poi le hanno rasato i capelli. Oggi Elena avrebbe voluto documentare il responso contro Zarema Musaeva, moglie dell’ex giudice di origine cecena Saidi Jangulbaev che si era opposto alla ferocia di Kadyrov.

Al momento dell’aggressione Elena Milashina era accompagnata dall’avvocato Alexander Nemov, che a sua volta è sta picchiato e ferito con una coltellata alla gamba. Prima di andarsene, gli aggressori hanno gridato: “Sei stata avvertita, vattene da qui e non scrivere niente”.

Qualche tempo fa avevamo raccontato la storia di Salman, deportato e massacrato per presunta omosessualità.

Da anni raccontiamo senza sosta quanto accade in Cecenia, qui tutto lo storico >

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Close to You, recensione. Il ritorno di Elliot Page, tanto atteso quanto deludente - close to you 01 - Gay.it

Close to You, recensione. Il ritorno di Elliot Page, tanto atteso quanto deludente

Cinema - Federico Boni 19.4.24
Federico Fashion Style vittima di omofobia in treno. Calci e pugni al grido "fr*cio di merd*" - Federico Fashion Style - Gay.it

Federico Fashion Style vittima di omofobia in treno. Calci e pugni al grido “fr*cio di merd*”

News - Redazione 19.4.24
Sandokan, c'è anche Samuele Segreto nella serie Rai con Can Yaman, Ed Westwick e Alessandro Preziosi - Sandokan - Gay.it

Sandokan, c’è anche Samuele Segreto nella serie Rai con Can Yaman, Ed Westwick e Alessandro Preziosi

Serie Tv - Redazione 18.4.24
free willy, locali gay amsterdam

“Free Willy”, il nuovo locale queer ad Amsterdam dedicato agli amanti del nudismo

News - Redazione 19.4.24
Challengers Guadagnino Josh O Connor Mike Faist Zendaya

Challengers, lo sceneggiatore Justin Kuritzkes: “Il tennis è davvero omoerotico”

Cinema - Mandalina Di Biase 15.4.24
Guglielmo Scilla, intervista: "Mi sconsigliarono di fare coming out. Potessi tornare indietro lo farei prima" - Guglielmo Scilla foto - Gay.it

Guglielmo Scilla, intervista: “Mi sconsigliarono di fare coming out. Potessi tornare indietro lo farei prima”

Culture - Federico Boni 18.4.24

I nostri contenuti
sono diversi

Rizvan Dadayev, dopo mesi di torture un ragazzo gay ceceno è finalmente riuscito a lasciare la Russia - Rizvan Dadayev - Gay.it

Rizvan Dadayev, dopo mesi di torture un ragazzo gay ceceno è finalmente riuscito a lasciare la Russia

News - Redazione 23.1.24
cecenia-salekh-ismail-all-out

Cecenia, persecuzioni LGBTIQ+: Salekh e Ismail sono ancora in carcere dal 2021

News - Francesca Di Feo 14.11.23
Russia elezioni 2024 Cecenia Vladimir Putin Ramzan Kadyrov

Russia, la Cecenia dell’omocausto ha dato a Putin un plebiscito mai visto

News - Francesca Di Feo 18.3.24