Cecenia, la storia di Salman: deportato e massacrato per presunta omosessualità

Salman Mukaev è l'ennesima vittima della furia anti-LGBTQ+ in Cecenia, il suo arresto è stato una trappola per decine di omosessuali del suo Paese.

persecuzioni gay cecenia
4 min. di lettura

Salman Mukaev è un ragazzo ceceno di 39 anni, da un anno a questa parte vive in uno stato di terrore a causa della persecuzione, in Cecenia, delle persone LGBTQ+.

Salman in verità non è omosessuale, è sposato con una donna e prima di finire nel vortice delle persecuzioni, ha lavorato in un negozio di abbigliamento come esperto di materie prime.

“Hanno detto che ero gay, io ho spiegato che non capivo di cosa stessero parlando, ma mi avevano già buttato a terra e agganciato dei cavi alle dita. Hanno iniziato a praticare l’elettroshock. Chiunque sia vittima di tortura probabilmente sa che usano una moltitudine di metodi molto elaborati che arrivano fino allo stupro in senso stretto”.

persecuzioni gay cecenia
Manifestazione lgbtq+ contro le persecuzioni in Cecenia

Nel 2020, Salman Mukaev è stato incarcerato e torturato dalla polizia cecena perché sospettato di essere gay. In realtà il suo arresto è stato un escamotage per raggiungere un più alto numero di omosessuali ceceni.

“La missione è stata di registrarmi sul sito web di Meet24 e incontrare uomini gay, per poi denunciarli”, dice Salman.

Dopo 7 giorni di torture, è stato costretto a firmare dei fogli che lo accusavano di deposito illegale di munizioni. Nel mentre, un ufficiale – o presunto tale – dell’FSS (Federal Security Services) lo ha rilasciato a patto di collaborare con la polizia cecena per scovare altri ragazzi omosessuali da consegnare alle loro torture.

Salman non lo ha fatto e ha lasciato la Cecenia lo stesso giorno in cui è stato rilasciato. 

Al momento Salman si trova in Armenia, Paese vicino all’Unione Europea pronto ad accoglierlo e a concedergli asilo. Mukaev vorrebbe partire dell’Armenia per raggiungere l’Europa, ma ciò non gli è concesso a causa del finto procedimento penale avviato in Russia.

L’Armenia minaccia di mandare Salman in Russia. Lì sarà consegnato alle forze di sicurezza cecene, il che significa ancora tortura e, potenzialmente, anche esecuzione extragiudiziale. In una situazione simile si sono ritrovati due ragazzi di 20 e 17 anni lo scorso febbraio.

In questo momento, sono in Armenia e la mia vita è in pericolo, perché è stata intentata una causa contro di me e un avviso di ricerca è stato lanciato contro di me“, dice Salman.

Salman è la prima persona eterosessuale pronta a parlare apertamente delle torture subite in Cecenia a causa del sospetto di omosessualità.

Negli ultimi mesi gli è stato diagnosticato un tumore ai polmoni, che – stando alle sue attuali condizioni – non potrà essere curato.

cecenia
Ramzan Kadyrov, capo paramilitare della Cecenia e attuale presidente della Repubblica Cecena

Dal 2017, grazie alle inchieste della rivista russa indipendente Novaya Gazeta, siamo venuti a conoscenza della persecuzione verso la popolazione lgbtqia+ in Cecenia perpetuate dal Presidente Ramzan Kadyrov. Quest’ultimo, omofobo e autoritario, nonché lacchè di Putin, ha più volte dichiarato che nel suo Paese “non esistono omosessuali, anche se fonti certe parlano di campi di concentramento per le persone lgbtqia+.

Nel 2019, il britannico The Guardian, citando alcune associazioni LGBTQIA+ russe, ha riferito che, in Cecenia, due persone sono state uccise e quasi 40 portate in galera.

“Mi hanno urlato contro. Uno di loro ha iniziato a prendermi a calci, sono caduto a terra. Un altro poi mi ha picchiato con un bastone, dalla vita in giù, colpendomi fortissimo per circa cinque minuti.Poi mi hanno fatto inginocchiare sul pavimento e hanno messo delle pinze metalicche sui miei pollici. I fili erano agganciati a un dispositivo che rilasciava scosse elettriche, hanno girato la manopola del dispositivo, prima lentamente e poi sempre più velocemente. Ad ogni turno, le mie mani sobbalzavano, con il dolore lancinante che le attraversava. Si sono fermati quando ho detto loro che il mio cuore stava per scoppiare. Hanno tolto le pinze e le mie mani erano così pesanti, erano come morte. Erano tre o cinque poliziotti, non ricordo affatto, ma uno di loro, Maga, aveva un bastone con una maniglia nera. Ordinarono ad Aslanbek, un altro detenuto e me, di alzarci. Cominciarono a umiliarci, verbalmente, usando parole oscene, chiamandoci fro*i, chiedendo quale di noi era attivo, quale passivo, se provassimo piacere dall’avere rapporti sessuali con un uomo. E tutti i detenuti stavano guardando. Ci colpivano sulla testa con i loro bastoni. Poi se ne sono andati, ma altri tre ufficiali entrarono al posto loro. Venivano in gruppo. Si divertivano prendendosi gioco di noi, picchiandoci“, 

questa è la dichiarazione di uno dei pochi sopravvissuti alle torture della polizia cecena.

La condizione della popolazione lgbtqia+ in Cecenia, peggiora in maniera esponenziale. Molte associazioni e gruppi non governativi denunciano le torture, i lager e la repressione, ma poco è stato fatto. Su questo territorio aleggia la presenza di Putin che rende, ad oggi, intoccabile la disumana condizione delle persone lgbtqia+.

cecenia

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Queer Planet, il trailer del doc sugli animali LGBTI+ scatena i conservatori d'America (VIDEO) - Queer Planet Official Trailer - Gay.it

Queer Planet, il trailer del doc sugli animali LGBTI+ scatena i conservatori d’America (VIDEO)

News - Redazione 21.5.24
Nemo vincitore Eurovision 2024

Nemo dopo l’Eurovision vola alla conquista degli States, ma “The Code” (per ora) non fa il botto

Musica - Emanuele Corbo 20.5.24
HUGO™ 2: recensione dei due nuovi massaggiatori prostatici della LELO (che gli uomini sposati amano) - 1000056146 01 - Gay.it

HUGO™ 2: recensione dei due nuovi massaggiatori prostatici della LELO (che gli uomini sposati amano)

Corpi - Gio Arcuri 29.1.24
Essere gay e candidarsi come sindaco in provincia, attacchi omofobi a Riccardo Vannetti: "La risposta è l'educazione alle diversità" - INTERVISTA - riccardo vannetti - Gay.it

Essere gay e candidarsi come sindaco in provincia, attacchi omofobi a Riccardo Vannetti: “La risposta è l’educazione alle diversità” – INTERVISTA

News - Francesca Di Feo 17.5.24
©AFP

Meryl Streep è nessunə e tuttə noi

Cinema - Riccardo Conte 20.5.24
Billie Eilish, è uscito il nuovo album "Hit Me Hard and Soft"

Billie Eilish ritrova se stessa e plasma di nuovo il pop alla sua (gigante) maniera

Musica - Emanuele Corbo 21.5.24

Continua a leggere

Russia LGBT - terapia riparativa

Russia: “curare le persone LGBTI”, smascherati 12 enti che operano indisturbati tra abusi fisici, sessuali e psicologici

Corpi - Francesca Di Feo 5.3.24
Russia, Putin vieta ai minori i Mini Pony perché LGBTQIA+ e si ricandida alle elezioni del 2024 - Vladimir Putin Miny Pony 3 - Gay.it

Russia, Putin vieta ai minori i Mini Pony perché LGBTQIA+ e si ricandida alle elezioni del 2024

News - Redazione 11.12.23
Russia LGBTI donna arrestata per orecchini rainbow

Russia: iniziano gli arresti alle persone LGBTI+, una donna incriminata per gli orecchini arcobaleno

News - Francesca Di Feo 2.2.24
Russia LGBTQI+ Repressione 2023 - foto di Politico.com (2015)

Russia, irruzione della polizia nei bar e club LGBT di Mosca, arresti

News - Redazione Milano 2.12.23
Russia elezioni 2024 Cecenia Vladimir Putin Ramzan Kadyrov

Russia, la Cecenia dell’omocausto ha dato a Putin un plebiscito mai visto

News - Francesca Di Feo 18.3.24
Repubblica Dominicana LGBT depenalizzazione

La Dominica depenalizza l’omosessualità: “È solo l’inizio di una guerra”

News - Redazione Milano 23.4.24
albania-diritti-lgbtqia

Albania, tutte le promesse non mantenute dal governo in ambito di diritti LGBTQIA+

News - Francesca Di Feo 5.1.24
Veganuary - Di Pazza e la cucina vegetale

Di Pazza: cos’è il Veganuary e l’insostenibile leggerezza del vegetale

Culture - Emanuele Cellini 11.1.24