Video

Chrissy Judy, recensione. Solitudine e resilienza di una drag queen

Costato appena 20.000 dollari e film d'apertura del Lovers Film Festival di Torino, Chrissy Judy è un divertente, malinconico e sorprendente esordio, con Todd Flaherty suo splendido regista, sceneggiatore, protagonista e montatore.

ascolta:
0:00
-
0:00
3 min. di lettura

Chrissy Judy, recensione. Solitudine e resilienza di una drag queen - Chrissy Judy - Gay.it

Ad inaugurare la 38° edizione del Lovers Film Festival di Torino, il più antico festival italiano sui temi LGBTQI+ diretto da Vladimir Luxuria e fondato da Giovanni Minerba e Ottavio Mai, è stato una piccola delizia di film, costato appena 20.000 dollari, girato in 16 giorni tra New York e Provincetown, con un bianco e nero volutamente alleniano a dare ancor più eleganza ad una storia d’amicizia queer.

Protagonista è Judy, ragazzo over 30 che si barcamena tra un lavoretto e l’altro con un’unica ambizione. Esplodere come drag queen. Judy è tanto, forse ‘troppo’, agli occhi di molti, perché volutamente e costantemente sopra le righe. Insieme a Chrissy, suo miglior amico, forma un duo drag che ambisce alla popolarità. Nell’attesa si esibiscono in localetti mezzi vuoti dove raccolgono paghe da fame e misere mance. Chrissy e Judy si sono ripromessi che se mai dovessero arrivare ai 40 ancora single si sposeranno, in amicizia, perché inseparabili. Ma dal passato sentimentale di Chrissy rispunta un ex, che lo convince a lasciare New York per Philadelphia. Judy si ritrova così da solo, improvvisamente, al cospetto di un’esistenza da vivere alla giornata, tra difficoltà d’affitto, professionali e sentimentali.

Chrissy Judy, recensione. Solitudine e resilienza di una drag queen - chrissy judy bfi flare todd flaherty drag performer - Gay.it

Dark comedy ironica dal taglio malinconico, Chrissy Judy è sicuramente un miracolo produttivo, perché costato niente. Todd Flaherty, ospite del Lovers di Torino, l’ha scritto, diretto, interpretato e montato. Ed è riuscito a fare tutto questo splendidamente, interpretando magnificamente gli abiti di una bellissima drag che canta canzoni degli anni ’50, che non ha timore di mostrarsi per quello che è, sempre, che non ha paura della solitudine, di una visiona monogoma del rapporto di coppia che non sente sua, di una ricerca ossessiva dell’amore che rischierebbe di tramutarsi in gabbia, perché non del tutto veritiera.

Todd Flaherty ha scritto un film che prende di petto con ironia le complicate interazioni all’interno della stessa comunità gay, abbracciando difficoltà e successi che gli omosessuali d’America affrontano nella loro “disperata” ricerca dell’amore, dell’accettazione, del romanticismo e dell’identità. Ambientato tra Manhattan e Fire Island, Chrissy Judy è un film privo di gratuiti sentimentalismi eppure dal cuore traboccante, con protagonista un giovane adulto in crisi d’identità, alla ricerca di se stesso e del proprio ruolo nel mondo, costretto af affrontare l’incertezza del futuro che è ormai alle porte, con i sogni a lungo cullati che chiedono riscatto o abbandono immediato.

Onesto, diverso da tanti altri titoli queer e divertente, Chrissy Judy è un film piccolissimo, a micro-budget, eppure così ambizioso nel guardare ad opere di un’altra era, a quelle commedie romantiche dimenticate nel tempo, con Todd Flaherty suo incredibile mattatore. La sua Judy ipnotizza per bellezza e sensualità, con l’alter-ego maschile così sicuro di sè e al tempo stesso fragile, barca alla deriva in un mare di ipocrisia che superata una certa età tende ad inondarti, lasciandoti senza fiato, quasi costringendosi ad aggrapparti a qualsivoglia galleggiante onde evitare di affondare nella solitudine estrema.

Come regista Flaherty si dimostra sicuro e ispirato, come sceneggiatore appare autentico e sfrontato, come attore è semplicemente sublime. Ci sono alcuni momenti, squarci di film, in cui Chrissy Judy graffia l’animo dello spettatore, perché così onesto e brutale nel mostrare situazioni spesso dimenticate dalla cinematografia queer contemporanea. Perché Judy sfugge all’amore, pur accarezzando spesso l’idea di poterla un giorno incontrare, culla un sogno che anno dopo anno diventa sempre più improbabile, non cede mai a compromessi, impara a convinvere con una solitudine che con il tempo è diventata ingombrante compagna di viaggio. E se domani è sempre un altro giorno, come Rossella O’Hara ha insegnato al mondo, il domani di Judy è una pagina bianca ancora da scrivere.  Costantemente e faticosamente. Ma sempre a testa alta.

Chrissy Judy, recensione. Solitudine e resilienza di una drag queen - Chrissy Judy – Dark Star Pictures 5 - Gay.itChrissy Judy, recensione. Solitudine e resilienza di una drag queen - Chrissy Judy – Dark Star Pictures 10 - Gay.it

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Eurovision 2024, Angelina Mango vola secondo i bookmakers. Le ultime quote - Angelina Mango - Gay.it

Eurovision 2024, Angelina Mango vola secondo i bookmakers. Le ultime quote

News - Redazione 23.2.24
La storia di Radclyffe Hall: così fu censurato il primo romanzo lesbico della letteratura - Sessp 38 - Gay.it

La storia di Radclyffe Hall: così fu censurato il primo romanzo lesbico della letteratura

Culture - Federico Colombo 20.2.24
thailandia-matrimonio-egualitario

La Thailandia verso il matrimonio egualitario: approvazione del disegno di legge entro fine anno

News - Francesca Di Feo 19.2.24
Marco Mengoni e Mahmood una canzone insieme

Marco Mengoni e Mahmood, una canzone insieme

Musica - Mandalina Di Biase 23.2.24
GLORIA! (2024)

Le ragazze ribelli di Gloria! Tutto sul primo sovversivo film di Margherita Vicario

Cinema - Redazione Milano 22.2.24
transgender allattamento seno

Le mamme transgender e i genitori AMAB possono allattare: lo dice la scienza

Corpi - Francesca Di Feo 22.2.24

Hai già letto
queste storie?

Martano, omofobia ai danni della drag queen Tekemaya: "Mi veniva da piangere e mi son sentita male" - Tekemaya - Gay.it

Martano, omofobia ai danni della drag queen Tekemaya: “Mi veniva da piangere e mi son sentita male”

News - Redazione 6.12.23
Sei nell'Anima, data d'uscita e primo teaser trailer del film dedicato alla vita di Gianna Nannini - Gianna Nannini SEI NELLANIMA. Il biopic 1 - Gay.it

Sei nell’Anima, data d’uscita e primo teaser trailer del film dedicato alla vita di Gianna Nannini

Cinema - Redazione 1.2.24
I più dolci e indimenticabili baci queer del 2023 tra serie tv e cinema - Baci 2023 - Gay.it

I più dolci e indimenticabili baci queer del 2023 tra serie tv e cinema

Serie Tv - Federico Boni 22.12.23
Our Son, primo trailer per il film con Luke Evans e Billy Porter coppia gay divorziata in guerra per il figlio - Our Son - Gay.it

Our Son, primo trailer per il film con Luke Evans e Billy Porter coppia gay divorziata in guerra per il figlio

Cinema - Redazione 22.11.23
Wish, esce al cinema il nuovo classico animato Disney con le voci di Gaia e Amadeus - WISH ONLINE USE 390.0 107.00 frame56 2K - Gay.it

Wish, esce al cinema il nuovo classico animato Disney con le voci di Gaia e Amadeus

Cinema - Redazione 19.12.23
Cannes 2024, Lukas Dhont presidente di giuria Queer Palm: "Non sarei quello che sono senza l’arte queer" - Cannes 2024 Lukas Dhont presidente di giuria della Queer Palm - Gay.it

Cannes 2024, Lukas Dhont presidente di giuria Queer Palm: “Non sarei quello che sono senza l’arte queer”

Cinema - Federico Boni 21.2.24
Christian Dior, il biopic sullo stilista racconterà anche la sua storia d'amore con Jacques Benita - Christian dior 4 - Gay.it

Christian Dior, il biopic sullo stilista racconterà anche la sua storia d’amore con Jacques Benita

Cinema - Redazione 5.9.23
Sundance Film Festival 2024, i film LGBTQIA+ più attesi - Sundance 2024 - Gay.it

Sundance Film Festival 2024, i film LGBTQIA+ più attesi

Cinema - Federico Boni 19.1.24