Cina: continua la crociata contro i giovani “effeminati”

Dopo il decreto di settembre, l'ottusa guerra culturale della Cina sembra sull'orlo del fallimento: così le giovani donne si fanno portatrici del cambiamento.

cina Xi Jinping partito comunista giovani
Cina: la lotta interna contro i giovani "effeminati"
4 min. di lettura

La Cina lotta contro l’effeminizzazione della sua popolazione. La battaglia interna più dura che la grande Comunista ha deciso di affrontare per prepararsi al futuro.

Un gioco di forza per combattere la corruzione dei costumi e forgiare i giovani cinesi (di sesso maschile), perché “una nazione è forte se i suoi giovani sono forti“, come più volte ripetuto dal Presidente Xi Jinping.

Così, sulla stessa scia la portavoce del Partito Comunista Cinese, Hua Chunying ha dichiarato che i giovani uomini devono avere “resistenza e forza“.

Sembra, e probabilmente lo è, una chiamata alle armi cristallizzata nel secolo scorso, in cui la dittatura di Jinping ancora opera e trae linfa. La censura ha deciso di eliminare dallo stile delle celebrità maschili qualsiasi rimando “all’abbigliamento femminile“, e allora via orecchini e capelli colorati, abiti eccentrici e scarpe col tacco.

Anche la super star Cai Xukun (@caixukun), idolo della GenZ cinese, ha dovuto adeguarsi ai nuovi canoni. Seppur con un enorme seguito e la possibilità di sensibilizzare i suoi follower sulla disastrosa decisione del Governo cinese. Xukun ha detto addio al trucco e alla frangia bionda, per abbracciare uno stile iper-mascolino: foto a bordo di auto di grossa cilindrata, abiti sartoriali, esposizione dei propri muscoli.

cina Xi Jinping partito comunista giovani
Cai Xukun, uno dei cantanti più famosi in Cina

La propaganda cinese vuole minare quella che è stata definita la “crisi della mascolinità“, appunto dovuta al dilagare di pop star, influencer e videogiochi che negli ultimi anni hanno fatto proprio uno stile fluido e senza barriere di genere.

Il decreto ufficiale, rilasciato a settembre, nelle ultime settimane ha preso una piega più dura. Il Governo è entrato in una vera e propria guerra culturale contro l’espressione maschile non ortodossa, prendendo il pieno controllo delle immagini diffuse sui media, dalla tv a TikTok.

In una direttiva carica di insulti, le autorità che regolamentano la televisione hanno vietato a “femminucce e varie estetiche anormali” di apparire nei canali TV. Poi, alla fine di novembre, hanno oscurato i profili online delle celebrità, i loro gruppi fan e la pubblicità, a causa della loro “estetica anormale“, con la minaccia di chiudere gli account online di coloro che non si sono ancora allineati ai nuovi canoni estetici.

L’obiettivo della Cina è di ritornare alla ribalta come super potenza internazionale, e di mantenere la sua egemonia nelle trattative economiche e culturali. Per farlo punta alle prossime generazioni, ma partendo da un assunto errato e senza alcun fondamento: gli uomini devono mostrare forza e vigore, non lasciarsi corrompere dalle mollezze della vita e dai vizi. Sembra di leggere un racconto ambientato nella Sparta del 300 a.C., invece è il 2022 e ancora una volta sentiamo il perpetuare della mascolinità tossica come unico modo per tenere in piedi una società; mentre la femminilità è segno di debolezza, corruzione e cattivi presagi per il futuro della nazione.

Lo “spirito maschile” richiede forma fisica e mentale, nonché “forte forza di volontà“, ha dichiarato il Ministero della Pubblica Istruzione. Mentre, in un editoriale pubblicato da un portavoce del partito, si legge che è vincente nella società chi “fissa obiettivi alti, osa assumersi responsabilità, affronta le difficoltà a testa alta e non si arrende mai facilmente“.

Ma come spesso accade, le prese di posizione e le censure sui costumi e sui corpi dei cittadini risultano l’ennesimo capro espiatorio per distrarre la popolazione e i partner internazionali dal fatto che la Cina non riesce a fornire risultati efficaci alla sua popolazione e non è in grado di affrontare seri problemi economici e sociali: mancanza di ascesa sociale o opportunità di carriera e alloggi a prezzi accessibili in alcune delle principali città.

gay.it Cina: la lotta interna contro i giovani "effeminati"

Col tempo, l’ottusa censura attuata dalla Cina mostra tutte le sue crepe. La crociata contro i “Sissy Men” o  i “Little Fresh Meat” – termine usato per indicare le celebrità maschili che fanno uso di make-up – sembra ripiegarsi su se stessa.

I “Little Fresh Meat” sono un vero e proprio fenomeno tra i giovani cinesi a cui, come nel resto della popolazione, è vietato parlare di politica. Così la cultura popolare e le sue icone assumono l’importanza di essere l’unica opportunità per un effettivo cambiamento dei costumi.

Il potere culturale delle star della “Little Fresh Meat” è indiscutibile. Ciò che il partito sembra ignorare nell’attaccarli per presunta corruzione dei giovani uomini è che la loro fan base è prevalentemente femminile e situata in ricche metropoli come Pechino e Shanghai.

Per loro, la cultura pop è una forma di fuga e un luogo in cui è possibile esplorare identità diverse. Allora, mentre il governo tenta di controllare gli uomini e la loro virilità, le giovani donne cinesi si fanno portatrici di una fluidità di genere a 360°. Ben istruite e finanziariamente indipendenti, queste donne stanno contrastando le stesse norme di genere allontanandosi dal matrimonio e dalla maternità e stanno dimostrando di essere resistenti alla spinta del partito a promuovere matrimoni e nascite per compensare gli effetti dell’invecchiamento della popolazione.

In questo modo, mentre il Governo tenta di bloccare i “Little Fresh Meat” e censurare la sua popolazione con leggi e visioni arcaiche, i giovani continuano a essere l’emblema del vero cambiamento.

Provvedimenti di tale portata non potranno mai portare la Cina a ringiovanirsi e rinnovarsi nella forza e nell’egemonia internazionale. Nel corso della Storia, molti cambiamenti e rivoluzioni sono venuti da quel pezzo d’Oriente. E allora che il Governo accolga il cambiamento, lasci fluire la creatività e la libera espressione dei suoi cittadini per un futuro davvero giovane e aperto al rinnovamento tanto desiderato.

 

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Elezioni europee: "Io Voto! E porto la comunità LGBTIQ+ al voto", la campagna di Arcigay

Elezioni europee: “Io Voto! E porto la comunità LGBTIQ+ al voto”, la campagna di Arcigay

News - Gay.it 28.5.24
Elezioni Europee e voto LGBTI+, guida alle candidature che aderiscono a #ComeOut4EU il programma di Ilga Europe - cover wp - Gay.it

Elezioni Europee e voto LGBTI+, guida alle candidature che aderiscono a #ComeOut4EU il programma di Ilga Europe

News - Lorenzo Ottanelli 20.5.24
pride di modena, terni e alessandria

Come sono andati i Pride di Alessandria, Terni e Modena il 25 maggio – GALLERY

News - Gio Arcuri 28.5.24
Simona Fatima Cira Aiello

Chi è Simona Aiello donna trans candidata con Giorgia Meloni e Fratelli d’Italia alle comunali

News - Mandalina Di Biase 28.5.24
meloni orban

L’ascesa delle ultradestre e dei movimenti anti-LGBTQIA+ spiegata in 5 punti fondamentali

News - Francesca Di Feo 29.5.24
teramo-estorsione-uomini-gay-grindr

Reggio Calabria, uomo gay adescato tramite app picchiato, insultato e derubato da tre ragazzi

News - Redazione 28.5.24

Continua a leggere

Federico Fashion Style vittima di omofobia in treno. Calci e pugni al grido "fr*cio di merd*" - Federico Fashion Style - Gay.it

Federico Fashion Style vittima di omofobia in treno. Calci e pugni al grido “fr*cio di merd*”

News - Redazione 19.4.24
Sanremo 2024 serata duetti, le nostre cover preferite: trionfo Angelina, ma vince Geolier - photo1707525653 - Gay.it

Sanremo 2024 serata duetti, le nostre cover preferite: trionfo Angelina, ma vince Geolier

Musica - Federico Colombo 10.2.24
Olivia Rodrigo in bad idea right? (2023)

Olivia Rodrigo è la rockstar (e attivista) che meritiamo: il suo Guts Tour contro le leggi anti-aborto

Musica - Riccardo Conte 26.2.24
Russia, il primo caso di "estremismo LGBTQIA+" finirà in tribunale: arrestati manager e direttrice del club queer Pose - VIDEO - russia club pose orenburg - Gay.it

Russia, il primo caso di “estremismo LGBTQIA+” finirà in tribunale: arrestati manager e direttrice del club queer Pose – VIDEO

News - Francesca Di Feo 22.3.24
sondrio-manifesti-provita

Sondrio, anche qui spuntano i manifesti ProVita: “Basta confondere l’identità sessuale dei bambini”

News - Francesca Di Feo 11.12.23
russia lgbt estremisti

Russia, Corte Suprema dichiara estremista il movimento LGBT: escalation persecutoria

News - Redazione Milano 30.11.23
Ariana Grande (Billboard)

Nel nuovo singolo di Ariana Grande c’è un po’ di Madonna?

Musica - Redazione Milano 10.1.24
Beatrice Quinta, da X Factor al primo EP

Beatrice Quinta: “Parlo sempre di sesso perché ho scoperto che posso godere” – Intervista

Musica - Emanuele Corbo 20.5.24