Cos’è, cosa non è la cancel culture e come la usano contro di noi

Ti diranno che non si può più dire niente. Ecco perché non è così.

Cos'è, cosa non è la cancel culture e come la usano contro di noi - 4249 - Gay.it
4 min. di lettura

Cancel culture (traducibile in “cultura della cancellazione” o “cultura del boicotaggio”) significa stando alla Treccani:

“atteggiamento di colpevolizzazione, di solito espresso tramite i social media, nei confronti di personaggi pubblici o aziende che avrebbero detto o fatto qualcosa di offensivo o politicamente scorretto e ai quali vengono pertanto tolti sostegno e gradimento”.

È un termine che negli Stati Uniti viene utilizzato già da tempo: uno dei primi esempi fu nel film New Jack City del 1991, dove il gangster Nico Brown lascia la sua fidanzata con la frase “Cancel that bit*ch”.
Lo sceneggiatore, Barry Michaeal Cooper scrisse la frase ispirandosi alla canzone degli Chic Your Love is Canceled: ti cancello per il tuo comportamento terribile, per come mi hai trattato.

Biancaneve e cancel culture

Soprattutto nell’accezione che ne fanno in Italia, si crede che la cancel culture consiste nell’eliminare completamente le tracce di un passato – artistico, cinematografico, letterario-  dagli elementi problematici – che siano razzismo, omobitransfobia, misoginia, o abilismo o quant’altro.
In verità, come scrive Clyde Mcgrady per il Washington Post, più che cancellare davvero, si cambia semplicemente canale.
La cancel culture invita a non assecondare passivamente un’opera dai contenuti problematici, ma la contestualizza nel nostro periodo storico, con la possibilità di non normalizzare il danno come in passato.
Quindi non verrà vietato ai bambini di guardare Biancaneve, ma magari faremo sapere che nella vita non puoi baciare una donna solo perché non è cosciente.
Non verrà eliminato il contributo di Indro Montanelli nel mondo del giornalismo, ma verrà da chiederci quanto è il caso nel 2021 di dedicare una statua ad uno stupratore dichiarato, in un parco a suo nome dove vanno a giocare minorenni con la stessa età delle sue vittime.

Chi viene “cancellato” perde il lavoro? Possibile, ma è una scelta che ha ragioni oltre che politiche, soprattutto economiche. Se Amazon decide di non finanziare e rappresentare l’ultimo film di Woody Allen (da anni sotto processo dall’ex moglie Mia Farrow che l’ha accusato di aver violentato la figlia adottiva Dylan) lo fa per evitare perdite di fatturato, in associazione ad un nome pubblico che porterebbe tutto meno che buona pubblicit all’azienda.

Nel nostro paese “cancel culture” è stato convertito indittatura del politicamente corretto” che a conti fatti non significa letteralmente nulla. Politici o grandi nomi dello spettacolo, rivendicano la possibilità di poter dire quello che vogliono senza finire sotto accusa, in nome della libertà di parola o dell’ironia. Tre volte su quattro questa richiesta proviene da uomini bianchi, eterosessuali, cisgender, e abili, ovvero, la classe sociale più privilegiata nella nostra società. Per privilegio, non intendiamo automaticamente “cattivo”, ma esente da tutta una serie di discriminazioni che riguardano etnia, sessualità, o identità.

È una classe sociale che non si è mai dovuta preoccupare di subire attacchi omobitransfobici (è etero e anche cisgender), subire atti di misoginia (sono uomini) o risentire di battute razziste o abiliste (sono caucasici e con un corpo perfettamente abile). Il nostro sistema – in ogni contesto, dalla classe politica alla rappresentazione nei media – è sempre stato costruito, scritto, mosso in funzione del punto di vista di un uomo bianco cis-het, tanto da abituarci a considerare il suo punto di vista come l’unico possibile (quindi anche la parte lesa può aver assorbito o interiorizzato alcuni retaggi e riapplicarli inconsapevolmente).

white straight men

In realtà, questa è un’epoca in cui finalmente ogni minoranza può controbattere, senza assorbire battute, commenti, o approcci che ne ledono e svalutano la persona, bensì spiegando (incazzandosi o meno) perché non va bene, che sia un film del 1961 o la battuta di un comico in prima serata.
Cancel culture non significa non poter dire più niente, bensì porsi una domanda in più prima di dirlo, chiederci se fa davvero ridere tutti o solo chi non ne risente sulla propria pelle. Ci invita a riflettere su come la nostra esperienza non sia l’unica al mondo e quello che riteniamo innocente e bonario ha invece ripercussioni negative e pesanti sulla quotidianità di qualcun altr*.
Dire fr*cio o la n word, fare una battuta abilista o misogina, non è diventato offensivo dall’oggi al domani, le minoranze risentono di questo modus operandi da secoli, solo che oggi si ha la possibilità di farlo notare.

Cancel culture, al di là di ogni estremismo del caso, è l’occasione per metterci in discussione e proporre qualcosa di nuovo senza ricalcare un approccio ormai anacronistico per la nostra epoca.

Se un maschio bianco etero cisgender e abile si sente “imbavagliato”, e solo perché per la prima volta si rende conto che ci sono conseguenze per tutto quello che dice o fa, che non ha un passe-partout per ogni battuta, racconto, o commento che esce dalla propria bocca, e soprattutto che la sua visione del mondo non è universale.
È costretto a porsi delle domande, destrutturare dei bias che ha così normalizzato fino a renderli invisibili, e scendere da quel piedistallo, su cui consapevolmente o meno, si è crogiolato per una vita.
Ma per farlo, deve prima di tutto accorgersene.

Piaccia o meno, oggi c’è qualcun* che glielo ricorda. 


Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Lorenzo Licitra è Gesù in Jesus Christ Superstar, la prima foto ufficiale - Lorenzo Licitra e Gesu - Gay.it

Lorenzo Licitra è Gesù in Jesus Christ Superstar, la prima foto ufficiale

Culture - Redazione 28.2.24
Gloria e la felice rappresentazione di una coppia gay, con annesso bacio da unione civile (senza censura) - Gloria bacio gay - Gay.it

Gloria e la felice rappresentazione di una coppia gay, con annesso bacio da unione civile (senza censura)

Culture - Federico Boni 28.2.24
Hiv sentenza Bari su U uguale U Gay.it

U = U, sentenza storica, assolto un uomo accusato di aver trasmesso l’Hiv: se non è rilevabile non si può trasmettere

Corpi - Daniele Calzavara 28.2.24
Lessons in Tolerance, la prima commedia ucraina contro l'omofobia esce al cinema tra plausi e proteste - Lessons in Tolerance film - Gay.it

Lessons in Tolerance, la prima commedia ucraina contro l’omofobia esce al cinema tra plausi e proteste

Cinema - Federico Boni 28.2.24
Foto: SchiDechDaily

Parità di genere nella Preistoria? Le donne erano cacciatrici come gli uomini (e anche meglio!)

News - Redazione Milano 20.2.24
Ghana legge anti LGBTI approvata dal parlamento

Ghana, il parlamento approva la legge anti-LGBTI, il Presidente Akufo-Addo firmerà?

News - Giuliano Federico 28.2.24

I nostri contenuti
sono diversi

Gabriel Attal

Gabriel Attal, luci e ombre del Primo Ministro francese gay che piace alla destra

News - Lorenzo Ottanelli 11.1.24
Fedez in lacrime al governo Meloni: "La salute mentale è un'emergenza, non tagliate il bonus psicologo" - VIDEO - fedez - Gay.it

Fedez in lacrime al governo Meloni: “La salute mentale è un’emergenza, non tagliate il bonus psicologo” – VIDEO

Corpi - Redazione 30.10.23
Addio a Giorgio Napolitano, il presidente che per primo si spese contro l'omobitransfobia - Presidente Napolitano - Gay.it

Addio a Giorgio Napolitano, il presidente che per primo si spese contro l’omobitransfobia

News - Redazione 22.9.23
sondrio-manifesti-pro-vita-risposta-lgbtqia

“Manifesti Pro Vita disumani” la risposta LGBTQIA+ a Sondrio è esemplare

News - Francesca Di Feo 12.12.23
Belgrado Pride 2023, migliaia di persone in piazza sfidano l'omobitransfobico presidente Vučić - Belgrado Pride 2023 migliaia di persone in piazza sfidano lomobitransfobico presidente Vucic - Gay.it

Belgrado Pride 2023, migliaia di persone in piazza sfidano l’omobitransfobico presidente Vučić

News - Redazione 12.9.23
Eric Zemmour, il candidato presidenziale francese di estrema destra condannato per omofobia - Eric Zemmour - Gay.it

Eric Zemmour, il candidato presidenziale francese di estrema destra condannato per omofobia

News - Redazione 10.10.23
6 elettori statunitensi su 10 sono favorevoli all’introduzione di leggi a protezione della comunità LGBTQIA+ - Trump vs. Biden - Gay.it

6 elettori statunitensi su 10 sono favorevoli all’introduzione di leggi a protezione della comunità LGBTQIA+

News - Federico Boni 12.10.23
Finlandia, gay e unito civilmente Pekka Haavisto vola al ballottaggio presidenziale contro Alex Stubb - Pekka Haavisto - Gay.it

Finlandia, gay e unito civilmente Pekka Haavisto vola al ballottaggio presidenziale contro Alex Stubb

News - Federico Boni 29.1.24