Daniel Franzese vs. Brendan Fraser in The Whale: “Perché non scegliere un attore gay?”

L'attore di Mean Girls si è definito "in conflitto" per l'interpretazione di Fraser nel film di Darren Aronofsky: "Acclamato per aver indossato un costume da persona grassa e queer?".

ascolta:
0:00
-
0:00
Brandon Fraser criticato per the whale
the whale Brandon Fraser
2 min. di lettura

Daniel Franzese vs. Brendan Fraser in The Whale: "Perché non scegliere un attore gay?" - the whale brendan fraser - Gay.it

Tra i titoli più amati (e chiacchierati) di Venezia79, The Whale è in pole position (qui potete leggere la nostra recensione in anteprima). L’ultimo film di Darren Aronofsky, si è portato a casa il cuore del pubblico e della critica, insieme ad una standing ovation per la performance di Brandon Fraser, talmente acclamato da essere già tra i papabili candidati agli Oscar 2023.

In The Whale, Fraser interpreta Charlie, padre e marito che abbandona la propria famiglia per un altro uomo e cerca di recuperare il rapporto con la figlia (Sadie Sink) dopo la morte del compagno. Ma nonostante le lodi, Fraser ha attirato anche una buona dose di critiche – dall’indossare una tuta per apparire obeso alla scelta di interpretare un personaggio gay nonostante sia etero.

L’ultima arriva direttamente da Daniel Franzese, per i più l’indimenticabile Damian di Mean Girls nel 2004, che si è definito “conflitto” riguardo l’interpretazione di Fraser: “Vederlo così modesto al Festival di Venezia e vivere quel momento, ero molto felice per lui. È un uomo adorabile, ed è una cosa bella. Ma perché? Perché arrivare lì, indossando una tuta di 400chili, e interpretando un uomo queer?”.

Franzese riporta l’attenzione sul fatto che molti attori etero continuano ad essere acclamati per interpretare ruoli queer, amplificando lo squilibrio all’interno dell’industria, dove numerosi attori e attrici LGBTQIA+ faticano a trovare reale spazio e inclusione: “Il più grande problema che abbiamo al momento nell’industria è che le persone come me, e i miei colleghi, non possono vendere film oltreoceano se siamo queer perché il mondo è omofobi” specificando “Anche se l’America è pronta ad avere un protagonista gay, hanno difficoltà a vendere questi film oltreoceano, e si spaventano“.

Franzese sottolinea come l’omosessualità o l’essere queer non è una maschera, ma una parte integrante dell’identità di una persona e non ha senso cercare di “interpetarla o recitarla”: “Sento fortemente che faccio recitare una storia a qualcun3, lo faccio per interpretare amante, nemico, una persona sotto droghe, un criminale o un santo. Ma non possono interpretare recitare l’omosessualità, perché recitare l’omosessualità richiede un paio di codici nella performance” per poi continuare “Non faresti interpretare ad una persona abile qualcuno sulla sedia a rotelle, o colorare di nero una persona bianca. L’autenticità ci sta portando in luoghi pieni di gioia”.

Già alla premiere veneziana, The Whale è stato criticato per aver sfruttato stereotipi triti e ritriti sul corpo grasso, demonizzandoli e ridicolizzandoli ancora una volta. Tuttavia, Fraser ha dichiarato di aver preso molto a cuore il personaggio di Charlie e di averlo trattato con grande cura: “Sfortunatamente, numerosi personaggi obesi nei media sono rappresentati in maniera rivoltante, umiliati, o ridicolizzati, come se vivessero nello squallore” dichiarò in un’intervista per Vanity Fair “Questo non ha mai riguardato Charlie. L’obesità è solo una parte di Charlie. Dopo 10 minuti passati insieme a lui, questa è la svolta che speriamo per gli spettatori”.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

GLORIA! (2024)

Le ragazze ribelli di Gloria! Tutto sul primo sovversivo film di Margherita Vicario

Cinema - Redazione Milano 22.2.24
transgender allattamento seno

Le mamme transgender e i genitori AMAB possono allattare: lo dice la scienza

Corpi - Francesca Di Feo 22.2.24
“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Mahmood, Evans, Keoghan, Bailey e altri - Specchio 8 - Gay.it

“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Mahmood, Evans, Keoghan, Bailey e altri

Culture - Redazione 23.2.24
John Cena è su Only Fans?

Ma John Cena è davvero su Only Fans?

Culture - Riccardo Conte 23.2.24
La storia di Radclyffe Hall: così fu censurato il primo romanzo lesbico della letteratura - Sessp 38 - Gay.it

La storia di Radclyffe Hall: così fu censurato il primo romanzo lesbico della letteratura

Culture - Federico Colombo 20.2.24
@giorgiominisini_

Giorgio Minisini contro gli stereotipi: perché essere maschio alfa, quando puoi stare bene? – L’intervista

Corpi - Riccardo Conte 21.2.24

I nostri contenuti
sono diversi

@ludovicadesantis_pht

Any Other e il diritto di ricordare, l’intervista

Musica - Riccardo Conte 31.1.24
Nicolas Maupas

Nicolas Maupas: “È una bella rivincita dare volto a personaggi maschili fragili”

Culture - Luca Diana 4.1.24
il-presepe-arcobaleno-di-don-vitaliano

Il presepe di Don Vitaliano avrà due mamme: “Le famiglie arcobaleno colpite da critiche e condanne disumane e antievangeliche”

Culture - Francesca Di Feo 19.12.23
orlando

Siamo tuttə Orlando: a Roma la marcia di Paul B. Preciado sul red carpet

Culture - Riccardo Conte 18.10.23
damiano gavino nudo andrea di luigi nuovo olimpo cover

Nuovo Olimpo, nudo integrale di Damiano Gavino e Andrea Di Luigi, a Ozpetek avevano detto “saranno c…. tuoi”

Cinema - Redazione Milano 1.11.23
ddlovato

Chi è la donna famosa con cui stava Demi Lovato?

Culture - Redazione Milano 18.9.23
@tracelysette

C’è possibilità per le attrici trans agli Oscar?

Cinema - Redazione Milano 29.9.23
Kristen Stewart per Rolling Stone (2024)

Kristen Stewart parla di fluidità di genere in jockstrap su Rolling Stone (e i repubblicani sono infuriati)

Culture - Redazione Milano 15.2.24