DDL Zan, Barbara Masini di Forza Italia conferma il suo “voto sicuro” ma apre alle modifiche

Ma al di là del 'contenuto' delle modifiche, a mancare è il tempo per una 3a lettura. Con tutti i rischi del caso dinanzi ad una destra che vuole solo una cosa dal DDL Zan. Affossarlo.

DDL Zan, Barbara Masini di Forza Italia conferma il suo "voto sicuro" ma apre alle modifiche - DDL Zan in Forza Italia anche i sostenitori Elio Vito e Barbara Masini cedono alle modifiche - Gay.it
3 min. di lettura

Dopo essersi commossa in Senato nel ricordare la reazione della mamma al suo coming out, Barbara Masini, senatrice di Forza Italia, si è piegata alla linea dettata dal suo partito, Forza Italia. Esattamente come Anna Maria Bernini, capogruppo al Senato del partito, Masini ha aperto alle modifiche sul DDL Zan. A partire dal tanto discusso articolo 1, con Lega, FI e Italia Viva pronti a stralciare l’identità di genere: «Sono solo definizioni che esistono già nella giurisprudenza e non deve essere certo Zan a spiegarcele. È l’articolo 2 che dà le tutele. Poi toglierei il 4, non stravolge la legge. E sul 7 metterei dei limiti: nessuna educazione ai bambini delle elementari. Però siamo chiari: se la legge rimane così com’è io la voto tutta la vita». Criticata sui social, la senatrice ha poi dato ulteriori chiarimenti (a seguire).

DDL Zan, Barbara Masini di Forza Italia conferma il suo "voto sicuro" ma apre alle modifiche - E6lrvYTWQAUDoNX 1 - Gay.it

Attuale Ministro per il Sud e la coesione territoriale, e dal 2008 al 2011 Ministro per le pari opportunità, anche Mara Carfagna ha sposato la strada del ‘compromesso’, dalle pagine de LaRepubblica. “Chi insiste per una norma bandiera non fa il bene delle persone che dice di voler difendere, ma divide il Paese: l’errore più grave che si possa fare. Introduciamo i reati e togliamo di mezzo una definizione divisiva, quella sull’identità di genere“. Talmente ‘divisivo’, come concetto, dall’essere presente nella legislazione italiana, nel diritto europeo e nella giurisprudenza. Come possa essere ‘divisivo’ introdurre l’identità di genere tra le condizioni personali che potrebbero essere oggetto di violenza e discriminazione e che necessitano di tutela non è chiaro, se non a coloro che vogliono affossare il DDL Zan.

Anche Anna Maria Bernini, che in aula ha più volte chiesto a Pd, LeU e 5 Stelle di sedersi ad un tavolo con Lega e Forza Italia per ‘mediare’ sul DDL Zan, si è detta convinta sui social che “le persone transessuali debbano essere tutelate. Però la mediazione è fondamentale“, perché fino a poche settimane fa “non si parlava di limare il testo ma di cassarlo“.

L’unico parlamentare ‘berlusconiano’ fino ad oggi sempre in difesa del DDL Zan, ogni giorno con tweet puntualmente e interamente dedicati alla sua rapida approvazione, è stato Elio Vito. Dopo averlo votato alla Camera lo scorso novembre, Vito ha fatto sua una battaglia di pura civiltà, unica vera voce contraria all’interno di un partito che di “liberale” ed europeista ha ormai poco o niente, visto quanto pronunciato all’interno e all’esterno dei due palazzi nei confronti dell’attuale legge contro l’omotransfobia.

Io sono convinto che gli argomenti che la destra sta utilizzando “grotteschi” per non dire altro, e finiscono per essere controproducenti per chi li promuove“, ha ribadito Vito a NextQuotidiano. “Si coprono di ridicolo con cose che non hanno nulla a che vedere con la legge, come l’utero in affitto, lo smalto per gli uomini. Questo testimonia la grande difficoltà che hanno ad entrare nel merito. Perché nel merito è difficile opporsi a quei contenuti, che sono già presenti in risoluzioni del Parlamento europeo e che la destra ha anche votato. Ma se sui contenuti c’è poco da dire, allora votiamolo“.

Anche Vito, però, ha alla fine ceduto alla strada delle modifiche, pur di portare a casa una legge, sposando le proposte presentate dalla collega Masini: “Io ho votato il testo alla Camera, e Barbara dice che il testo lo voterebbe al Senato. Ma se proprio c’è da modificarlo, noi abbiamo fatto le nostre proposte, per non essere succubi di quelle della Lega e Italia Viva che eliminerebbero l’identità di genere, escludendo un sacco di persone dalle tutele della legge. Noi vorremmo togliere l’articolo 1, perché contiene tutte definizioni già acquisite nel nostro ordinamento. Togliamo un alibi ai detrattori della legge e li mettiamo alla prova del voto. Per quanto riguarda l’articolo 4, Mariastella Gelmini disse a Zan che se non ci fosse stato Forza Italia avrebbe votato la legge. Preciso che si tratta solo di una giornata di sensibilizzazione, non c’è nessun “indottrinamento gender”. La giornata contro l’omotransfobia c’è in tutto il mondo, se ritengono che sia prematuramente affrontato la togliamo dalle elementari la mettiamo alle medie. È una mediazione accettabile e ragionevole, anche Zan la pensa così“.

Tutto ciò, cosa che la stragrande maggioranza degli oppositori al DDL Zan finge di non sapere, con l’incubo del calendario all’orizzonte. Perché a poco più di un anno e mezzo dalla fine della legislatura, qualsiasi modifica obbligerebbe il DDL a ricominciare l’iter alla Camera dei deputati, dove inizialmente è rimasto un anno, per poi tornare al Senato. Checché ne dica Matteo Renzi, convinto che “bastano 15 giorni per votarlo”, a mancare è proprio il tempo (legato ad una concreta volontà). D’altronde nessuno, tra Lega e Forza Italia, ha mai proposto tempi certi e blindati dinanzi a modifiche ‘condivise’, in modo da garantire una rapida approvazione del DDL con terza lettura. Chiunque proponga accordicchi di qualsiasi tipo aggirando il problema delle più ovvie e dirette conseguenze parlamentari, gioca sporco sulla pelle dei più discriminati tra i discriminati.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

transgender allattamento seno

Le mamme transgender e i genitori AMAB possono allattare: lo dice la scienza

Corpi - Francesca Di Feo 22.2.24
@giorgiominisini_

Giorgio Minisini contro gli stereotipi: perché essere maschio alfa, quando puoi stare bene? – L’intervista

Corpi - Riccardo Conte 21.2.24
Foto: SchiDechDaily

Parità di genere nella Preistoria? Le donne erano cacciatrici come gli uomini (e anche meglio!)

News - Redazione Milano 20.2.24
adolescente-non-binari-aggressione-oklaoma (1)

USA, Nex Benedict, sedicenne non binariǝ, muore dopo un’aggressione transfobica a scuola

News - Francesca Di Feo 21.2.24
Steven Miles, il pornodivo bisessuale, Proud Boy e trumpiano, condannato a 24 mesi di carcere per l'assalto a Capitol Hill - Steven Miles - Gay.it

Steven Miles, il pornodivo bisessuale, Proud Boy e trumpiano, condannato a 24 mesi di carcere per l’assalto a Capitol Hill

News - Redazione 20.2.24
“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Mahmood, Evans, Keoghan, Bailey e altri - Specchio 8 - Gay.it

“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Mahmood, Evans, Keoghan, Bailey e altri

Culture - Federico Boni 23.2.24

Hai già letto
queste storie?

San Lazzaro di Savena, la sindaca Conti registra il figlio di PierFilippo e Nino: "Non potevo restare indifferente" - San Lazzaro di Savena la sindaca Conti registra il figlio di PierFilippo e Nino - Gay.it

San Lazzaro di Savena, la sindaca Conti registra il figlio di PierFilippo e Nino: “Non potevo restare indifferente”

News - Federico Boni 14.12.23
Modifica legge federale Stati Uniti Gay.it

2023, l’anno nero per i diritti LGBTQIA+ negli Stati Uniti d’America

News - Redazione 27.12.23
decreto genitori

Corte d’Appello smentisce il decreto Salvini sulle carte d’identità dei minori: “Applicare la dicitura “genitori””

News - Redazione 15.2.24
bandiera progress pride

Le conquiste internazionali sui diritti LGBTQIA+ del 2023

News - Federico Boni 19.12.23
Addio a Giorgio Napolitano, il presidente che per primo si spese contro l'omobitransfobia - Presidente Napolitano - Gay.it

Addio a Giorgio Napolitano, il presidente che per primo si spese contro l’omobitransfobia

News - Redazione 22.9.23
Alessandro Zan intervistato da Report a proposito del suo ruolo nell'ambito dell'organizzazione del Padova Pride Village

Inchiesta di Report su Alessandro Zan e il Padova Pride Village

News - Redazione Milano 10.12.23
sondrio-manifesti-provita

Sondrio, anche qui spuntano i manifesti ProVita: “Basta confondere l’identità sessuale dei bambini”

News - Francesca Di Feo 11.12.23
Credit: Steve Russell

Affermazione di genere, il Governo manda gli ispettori al Careggi di Firenze. Zan: “Crociata ideologica e politica”

News - Redazione 24.1.24