DDL Zan, Monica Cirinnà commossa in aula legge le parole di Porpora Marcasciano – VIDEO

Con la voce rotta dall'emozione, la senatrice Pd ha portato in aula la voce della comunità trans.

DDL Zan, Monica Cirinnà commossa in aula legge le parole di Porpora Marcasciano - VIDEO - Cirinnà Porpora cover - Gay.it
3 min. di lettura

Un lungo, commosso, accorato intervento. Monica Cirinnà, senatrice del Partito Democratico, è oggi intervenuta in Senato, smontando una ad una le tante, troppe fake news che ancora oggi circolano sul DDL Zan. Proprio tra i banchi di Palazzo Madama.

Mascherina rainbow sul volto, Cirinnà ha sottolineato come il testo Zan si occupi di “uguaglianza, di parità sociale, cioè di eguaglianza“. E niente più. “Aver dovuto votare l’incardinamento è una cosa inaudita, e si è sbloccato solo grazie agli influencer che tanti blandiscono, e temono, all’opinione pubblica e alle mobilitazioni del movimento LGBT e femminista“. “Il DDL Zan Si occupa di dare attuazione all’articolo 3 della Costituzione, una norma fondamentale, sulla quale non dovrebbero esserci differenze. Lo fa estendendo le norme penali già esistenti – quelle contenute nella legge Mancino – per proteggere alcune fondamentali dimensioni della personalità: sesso, genere, orientamento sessuale, identità di genere e disabilità. Niente altro, nessuna delle fake news che vengono continuamente agitate. Fake news che sono gravissime perché ognuna di esse è una coltellata alla dignità delle persone LGBT+ nel nostro Paese“.

Cirinnà ha fatto presente come “114 associazioni LGBT” abbiano chiesto ai senatori della Repubblica di approvare il DDL Zan senza alcuna modifica. “Il movimento LGBT italiano, in modo praticamente unitario, dice meglio nessuna legge piuttosto che una cattiva legge. Non ci accontentiamo dell’aggravante semplice dell’articolo 61, abbiamo bisogno di tutele più forti per queste soggettività. Si resterà liberi di dire quel che si pensa, ma non si sarà liberi di istigare all’odio e alla violenza. Il DDL Zan non mette a rischio la libertà di espressione, non si occupa di regolare la circolazione delle idee nello spazio pubblico di questo Paese, ma solo e soltanto di proteggere la dignità delle persone, punendo solo le condotte idonee a determinare un concreto politico di violenza e discriminazione“.

Non è vero che si introducono nuovi reati, se ne estendono altri già esistenti, viene esteso il reato di propagande delle idee. Su cosa dobbiamo ancora discutere, abbiamo mediato sull’identità di genere, sulle scuole, sulla libertà del pensiero, perché cambiare idea adesso dopo averlo già votato alla Camera“, si è domandata la senatrice Pd, poi segnata dalla commozione nel leggere una lettera scritta da Porpora Marcasciano, storica attivista LGBT nazionale e presidente del MIT.

Con la voce rotta dall’emozione, Cirinnà ha chiesto di poter portare in aula la voce delle persone trans, che chiedono protezione allo Stato.

Mi chiamo Porpora Marcasciano, sono presidente del MIT. Attivista militante dagli anni ’70, la mia voce è la stessa di 400.000 persone trans. La stima è dell’istituto superiore di sanità, ferma al 2019. Vi chiedo di non bloccare il DDL Zan, che arginerebbe soprusi e violenze, che quotidianamente siamo costretti a subire. Prima di pronunciarvi, vi chiedo di comprendere o quantomeno di approfondire il significato che ha per noi la frase identità di genere. Nessuno ci ha convocato, ascoltato. I nostri vissuti non vi sono arrivati. Lo avremmo gradito, perché state legiferando sulla nostra vita. L’Italia è il primo posto in Europa per numero di vittime di transfobia. I trans italiani chiedono ai parlamentari di adeguarsi ai tempi e di vedersi attorno, agli altri Paesi. Dare a noi non significa togliere ad altri, significa dare a noi, a tutti e tutte, una società più bella e più giusta.

Ecco perché la cosiddetta mediazione, non va bene. E il testo Scalfarotto, non va bene. Non è la stessa cosa parlare di transfobia e identità di genere, ha concluso Monica Cirinnà. “Se la questione oggetto della norma non è nominata, la questione non esiste. La comunità chiede di esistere e di essere protetta.“.

DDL Zan, Monica Cirinnà commossa in aula legge le parole di Porpora Marcasciano - VIDEO - Monica Cirinna - Gay.it

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Queen Madonna, è suo il tour con i maggiori incassi del 2024. La TOP10 - Madonna - Gay.it

Queen Madonna, è suo il tour con i maggiori incassi del 2024. La TOP10

Musica - Federico Boni 25.6.24
Fuori, Elodie attrice nel nuovo film di Mario Martone dedicato a Goliarda Sapienza - Fuori film con Elodie - Gay.it

Fuori, Elodie attrice nel nuovo film di Mario Martone dedicato a Goliarda Sapienza

Cinema - Redazione 25.6.24
Alessandra Valeri Manera Cartoni animati queer

Addio ad Alessandra Valeri Manera, la resistente che ha combattuto per noi bambinə diversə

Culture - Giuliano Federico 24.6.24
Tale e Quale Show 2024, primi rumor sul cast. Da Federico Fashion Style alle Karma B e Giulia De Lellis - Tale e Quale Show 2024 - Gay.it

Tale e Quale Show 2024, primi rumor sul cast. Da Federico Fashion Style alle Karma B e Giulia De Lellis

Culture - Redazione 24.6.24
Libri LGBTQIA+, le novità: di euforia, di santi, diavoli, altricorpi e femminielli - Matteo B Bianchi3 - Gay.it

Libri LGBTQIA+, le novità: di euforia, di santi, diavoli, altricorpi e femminielli

Culture - Federico Colombo 22.6.24
Calafiori Gay.it

Riccardo Calafiori, la ‘gioia incontenibile’ per il gol non passa inosservata: “Avvistata la torre di Pisa”

Corpi - Emanuele Corbo 25.6.24

Continua a leggere

donald-trump

Cancellata la norma voluta da Donald Trump che consentiva ai medici di negare le cure ai pazienti LGBT+

News - Redazione 12.1.24
Galatina, insulti omofobi sul muro della sede Pd: "Meglio leghista che comunista fr*cio" - NON TOLLERIAMO ANCORA OMOFOBIA IN CAMPAGNA ELETTORALE - Gay.it

Galatina, insulti omofobi sul muro della sede Pd: “Meglio leghista che comunista fr*cio”

News - Redazione 27.5.24
Leo Varadkar, il primo storico premier gay d'Irlanda si è dimesso: "Ragioni politiche e personali" - Scaled Image 100 - Gay.it

Leo Varadkar, il primo storico premier gay d’Irlanda si è dimesso: “Ragioni politiche e personali”

News - Redazione 21.3.24
La Lega presenta una proposta di legge per "vietare l'insegnamento delle teorie gender nelle scuole" - Laura Ravetto - Gay.it

La Lega presenta una proposta di legge per “vietare l’insegnamento delle teorie gender nelle scuole”

News - Redazione 24.5.24
Vittorio Sgarbi, selfie con due minorenni e insulto omofobo: "Non siete fin*cchi? W la f*ga" (VIDEO) - Vittorio Sgarbi 2 - Gay.it

Vittorio Sgarbi, selfie con due minorenni e insulto omofobo: “Non siete fin*cchi? W la f*ga” (VIDEO)

News - Redazione 12.4.24
Aleksander Miszalski al cracovia pride

Polonia, il nuovo sindaco di Cracovia si unirà al Pride e isserà la bandiera rainbow sul Municipio

News - Francesca Di Feo 10.5.24
famiglie omogenitoriali

Governo pronto al ricorso in Cassazione sulla dicitura “genitori” sui documenti dei minori. Informativa di Piantedosi

News - Redazione 10.4.24
Francia, il ministro della giustizia si scusa per le leggi omofobe passate. Primo via libera al risarcimento - Parigi rainbow Pride - Gay.it

Francia, il ministro della giustizia si scusa per le leggi omofobe passate. Primo via libera al risarcimento

News - Redazione 14.3.24