E se asterisco e schwa togliessero voce alla lingua?

Se lo chiede Maurizio Bettini dalle pagine di Repubblica

schwa
3 min. di lettura

L’editoriale del 10 agosto di Maurizio Bettini presente su Repubblica e dal titolo “Il caso. L’asterisco toglie voce all’italiano” afferma che lo schwa, il simbolo dell’IPA (Alfabeto Fonetico Internazionale) non ha un corrispettivo fonetico. Quindi, un simbolo creato per rappresentare un suono non avrebbe un suono.

Nell’occhiello sono scritte testuali parole: “In controtendenza con la storia dell’alfabeto lo schwa e gli altri segni grafici non hanno un corrispettivo fonetico”.

Lo schwa un suono lo ha (si legge come una vocale che risulta essere un mix tra a-e-o), come insegnano peraltro i manuali di linguistica dell’università, un corso pressoché presente in tutte le facoltà.

Questo simbolo non ha piuttosto un corrispettivo “fonematico” in italiano standard. Si tratta, tuttavia, di un suono presente in alcuni dialetti meridionali, ad esempio il barese e il napoletano. Un suono che, come afferma la linguista dell’Accademia della Crusca Vera Gheno, “spesso usiamo inconsapevolmente, per esempio quando in una frase c’è una parola tronca”. Non si tratta, quindi di una parola impronunciabile e, se c’è una parte della popolazione che si identifica come non binaria e che ha deciso di utilizzarlo, probabilmente è perché ha trovato il modo attraverso quel simbolo di esprimere sé stessa.

La lingua è in continuo mutamento e le sperimentazioni non ci devono spaventare, ma vanno tenute di certo in considerazione, soprattutto nei confronti di anziani e dislessici che possono avere problemi nella lettura dello schwa. L’utilizzo di questo simbolo (che ripetiamo possiede un suono), andrebbe utilizzato con parsimonia e quanto più l’esigenza del suo utilizzo sarà forte, tanto più esisteranno degli aggiornamenti per poterla soddisfare.

Ritornando all’articolo di Bettini, seppur l’occhiello risulti erroneo, è presente una lunga e interessante digressione sugli alfabeti, un excursus storico scritto da una persona che di analisi diacroniche delle lingue se ne intende.

Bettini parte dall’invenzione dell’alfabeto, che ha rappresentato il passaggio fondamentale dall’oralità alla scrittura e che secondo i Greci sarebbe stato inventato dal dio Hermes osservando il volo di uno stormo di gru. Giunge poi a descrivere l’alfabeto “misto”, ovvero quello fatto “di segni pittografici e fonetici”, un alfabeto logografico che assomiglia ai nostri rebus. Fino ad arrivare alla nascita dell’alfabeto fonetico, che nacque verso la fine del II millennio a.C. “in un’area che comprende l’Egitto e la costa del Medio Oriente”. Attraverso la composizione dei singoli suoni chiamati “fonemi” riusciamo a “dar vita alle singole parole”: un alfabeto che, come gli altri, ebbe una sua evoluzione grazie ai processi di diffusione e mescolanza tra le varie culture.

Bettini conclude l’articolo, tuttavia, in maniera alquanto drastica, affermando quanto segue: “Lungo i secoli infatti ci si è sforzati di creare segni capaci di catturare al meglio i suoni pronunciati in una data lingua; oggi invece si vuole introdurne dei nuovi i quali, con ogni probabilità, resteranno privi di un loro corrispettivo fonico reale”.

Questo editoriale segue un dibattito (con soltanto una voce a favore e tre critiche) che nasce da un articolo del giornalista Maggiani “Io non sono un asterisco”, articolo dove viene criticata la sigla LGBT+ (“gli acronimi vanno bene per le società di affari, per le infezioni, per le cose di moda, non vanno più bene nemmeno per i partiti politici, come lo potrebbero per anime e corpi viventi”) e dove scrive di “imposizione” grammaticale. Un dibattito nel quale è intervenuto anche il noto linguista Luca Serianni che con la giornalista Simonetta Fiori parlano di “ideologie” e “cambiamenti imposti dall’alto”.

Siamo di fronte all’esatto contrario. La discussione proviene proprio dal basso: da esigenze di chi, in particolare, non si sente a suo agio perché non si identifica nel tipico binarismo di genere.

Quello che a nostro parere bisognerebbe fare è combattere un po’ di pigrizia nei confronti di un suono che non è totalmente estraneo al nostro apparato fonetico.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.
Avatar
valium 12.8.21 - 1:07

Un'altra considerazione: frasi come "non sono abbastanza studiato", "vado a docciarmi" e la progressiva sparizione del congiuntivo sono quelle che definirei "esigenze dal basso" e sono frutto di una lenta modifica del linguaggio parlato. Non faccio invece fatica a capire chi, a mio parere a ragione, pensa che questi metodi per il superamento del binarismo di genere, ammesso che ve ne sia l'impellenza di superarlo, vengano visti come un qualcosa di imposto dall'alto.

Avatar
valium 12.8.21 - 0:44

Al di là del solito dibattito sulle lettere dell'alfabeto (se si vuole una parità di genere nelle parole penso a questo punto sia più utile eliminare il femminile dalla lingua italiana come nella lingua inglese), mi dico d'accordo sul fatto che la sigla LGBTecc sia un'accozzaglia storica che si è negli anni via via complicata e nella quale mi sono sempre sentito poco rappresentato. Sarebbe più utile visti i tempi creare una nuova parola per indicare quelle persone che nel passato nel presente e nel futuro i vogliono o si possano rappresentare con una identità sessuale non dominante, che alla fine è proprio quello che la sigla LGBT+ dovrebbe rappresentare senza dover aggiungere pezzettini ad ogni nuova sottocultura. Ricordiamoci che semplificare è meglio di complicare.

Trending

The Darkness Outside Us, Elliot Page porta al cinema il romanzo queer sci-fi di Eliot Schrefer - The Darkness Outside Us - Gay.it

The Darkness Outside Us, Elliot Page porta al cinema il romanzo queer sci-fi di Eliot Schrefer

Cinema - Redazione 22.4.24
Prisma 2, il silenzioso ma potentissimo teaser trailer con protagonisti Marco e Daniele - Prisma - Gay.it

Prisma 2, il silenzioso ma potentissimo teaser trailer con protagonisti Marco e Daniele

Serie Tv - Redazione 22.4.24
Consumo di contenuti p0rn0 con persone trans nel mondo - dati forniti da Pornhub

L’Italia è la nazione che guarda più p0rn0 con persone trans*

News - Redazione Milano 20.4.24
Justin Bieber Jaden Smith

Il video del corpo a corpo d’amore tra Justin Bieber e Jaden Smith infiamma gli animi e scatena gli omofobi

Musica - Mandalina Di Biase 22.4.24
Lil Nas X: Long Live Montero, recensione. Essere icona queer, orgogliosa e rivoluzionaria - Lil Nas X - Gay.it

Lil Nas X: Long Live Montero, recensione. Essere icona queer, orgogliosa e rivoluzionaria

Cinema - Federico Boni 22.4.24
Angelina Mango Marco Mengoni

Angelina Mango ha in serbo una nuova canzone con Marco Mengoni e annuncia l’album “poké melodrama” (Anteprima Gay.it)

Musica - Emanuele Corbo 18.4.24

Hai già letto
queste storie?

Lingua e comunità LGBTQIA+

Lingua e comunità LGBTQIA+: non chiamatelo omofobo, è un misomosessuale, perché non è fobia, è odio

Guide - Emanuele Bero 5.12.23
blanco instagram

Blanco, perché il coniglietto punk ha svuotato Instagram

Musica - Mandalina Di Biase 24.10.23
Tutto ciò che accade è umano: intervista a Donatella Di Pietrantonio - Sessp 15 - Gay.it

Tutto ciò che accade è umano: intervista a Donatella Di Pietrantonio

Culture - Federico Colombo 1.1.24
x-politiche-deadnaming-misgendering

X reintroduce le politiche di moderazione contro deadnaming e misgendering

News - Francesca Di Feo 6.3.24
Ethan Alexander, il prete gay, palestrato e tatuato diventato virale su Instagram (VIDEO) - Ethan Alexander - Gay.it

Ethan Alexander, il prete gay, palestrato e tatuato diventato virale su Instagram (VIDEO)

News - Redazione 21.3.24
Il viaggio di auto-scoperta: comprendere il "Questioning" nell'ampio ventaglio degli orientamenti affettivi, sessuali e identità di genere - gender questioning - Gay.it

Il viaggio di auto-scoperta: comprendere il “Questioning” nell’ampio ventaglio degli orientamenti affettivi, sessuali e identità di genere

Guide - Gay.it 16.11.23
metoogarcons-violenza-sugli-uomini

#MeTooGarçons e le violenze subite dagli uomini: “Un tema molto nascosto nella comunità LGBTIQ+”

Corpi - Francesca Di Feo 26.3.24
halloween-gay-meme

I hate Gay Halloween: i migliori meme della #SpookySeason2023 in salsa queer

Culture - Gay.it 31.10.23