Non è un paese per innocenti

Il rapporto shock dell'Istat racconta un paese tragicamente reale, dove essere vittime è l'unica colpa.

Non è un paese per innocenti - violenza donne istat - Gay.it
2 min. di lettura

Ieri, 25  novembre, si è celebrata la giornata mondiale contro la violenza sulle donne, e per l’occasione l’Istat ha divulgato una serie di dati statistici semplicemente agghiaccianti.

Anche se camminando per la strada, entrando nei bar, scorrendo i social, guardando la tv, e ascoltando i politici questi risultati non sorprendono più di tanto.

Non è solo un paese dove una ragazza violentata ha, per il 25% delle persone, la responsabilità di essersi vestita in modo provocante.

Non è solo un paese dove quasi metà (40%) delle persone pensa che se una donna volesse davvero, potrebbe sottrarsi ad una violenza sessuale (“quindi in fondo le va bene così dai“, strizzatina d’occhio)

E’ un paese per cui è una colpa la povertà, di chi magari non fugge da guerre ma da una vita di miseria, senza prospettive, e perciò merita di affogare in mare. Sono i rischi del mestiere, noi cosa c’entriamo?

E’ un paese dove essere gay o lesbiche o trans si sceglie: poteva farne a meno, scegliere di essere qualcos’altro, se l’è andata a cercare.

E’ una paese dove “sei troppo gay“, sei effemminato, sei una checca, e quindi meriti di essere ammazzato di botte.

Un paese dove persino chi è gay come te dice che potresti evitare di essere così tanto gay, di spogliarti al pride, perchè “sennò è ovvio che ci odiano“.

Un paese dove Elisa viene strozzata in un pollaio perchè ha scelto di essere lesbica.

Il carnefice va compreso: è umano, è nervoso, è stressato, ha perso il lavoro, è stato fatto cornuto, è ignorante. Poverino. La amava troppo.

La vittima no: poteva evitare di essere tale, se proprio voleva. Essere vittima è l’unica colpa.

In fondo poteva anche lei, la vittima, essere carnefice. Cosa ci vuole? Si può essere carnefici anche senza fare niente di eclatante, solo annuendo, o accodandosi, non dando nell’occhio, conformandosi, o mettendo un like, o un commento.

Per meritare la cittadinanza nel paese dei colpevoli, basta poco: unirsi al biasimo per le vittime. Perchè se la sono cercata.

Non è un paese per innocenti - feminism 295245 1280 - Gay.it

 

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.
Avatar
Franzc Dereck 26.11.19 - 14:43

La notizia che un quarto degli Italiani pensi che un abito troppo attillato o scollato possa " giustificare " uno stupro od un'aggressione sessuale , mi fa pensare che il sud del mondo viva in uno stato di repressione tale che un poco di pelle esibita sconvolga gli equilibri ormonali .

Trending

Rooy Charlie Lana

Vergognarsi e spogliarsi lo stesso: intervista con Rooy Charlie Lana, tra desiderio e non binarismo

Culture - Riccardo Conte 29.2.24
David Utrilla - da 37 anni vive con Hiv

A volte dimentico di avere l’Hiv: la nostra serie per raccontare l’importanza dell’equazione U=U

Corpi - Daniele Calzavara 2.3.24
I SAW THE TV GLOW (2024)

I Saw The Tv Glow: guarda il trailer dell’attesissimo film horror trans* – VIDEO

Cinema - Redazione Milano 29.2.24
The History of Sound, via alle riprese del film con Paul Mescal e Josh O’Connor innamorati - The History of Sound di Oliver Hermanus - Gay.it

The History of Sound, via alle riprese del film con Paul Mescal e Josh O’Connor innamorati

Cinema - Redazione 29.2.24
Eurovision 2024, Il Regno Unito vuole la vittoria con Dizzy di Olly Alexander. Il video ufficiale - olly alexander - Gay.it

Eurovision 2024, Il Regno Unito vuole la vittoria con Dizzy di Olly Alexander. Il video ufficiale

Culture - Redazione 1.3.24
Francesco Panarella

Francesco Panarella e il morbo di Kienbock: “Recitare mi ha salvato la testa”

Culture - Luca Diana 28.2.24

Hai già letto
queste storie?

governo-sunak-lgbtqia

Regno Unito: come la destra del governo Sunak distrugge decenni di progressi LGBTIQ+

News - Francesca Di Feo 23.10.23
vannacci-ultime-dichiarazioni

Vannacci e il tour paranoico tra omosessuali e graffitari, ecco gli ultimi deliri dell’esponente dell’esercito italiano

News - Redazione Milano 15.9.23
Pro Vita, un 2023 segnato dall'ossessione gender. Ripercorriamo 12 mesi di attacchi alla comunità LGBTQIA+ - 22I Figli non si comprano22 i manifesti di Pro Vita contro la GPA invadono le citta dItalia - Gay.it

Pro Vita, un 2023 segnato dall’ossessione gender. Ripercorriamo 12 mesi di attacchi alla comunità LGBTQIA+

News - Federico Boni 6.12.23
Martano, omofobia ai danni della drag queen Tekemaya: "Mi veniva da piangere e mi son sentita male" - Tekemaya - Gay.it

Martano, omofobia ai danni della drag queen Tekemaya: “Mi veniva da piangere e mi son sentita male”

News - Redazione 6.12.23
michela marzano intervista video

Dire “io ho subito” significa affermare la propria soggettività: intervista a Michela Marzano – VIDEO

Culture - Federico Colombo 23.10.23
libano-diritti-lgbtqia

Libano: il deterioramento dei diritti LGBQIA+ come specchio di una crisi multidimensionale

News - Francesca Di Feo 14.9.23
Gino Paoli, Elodie

Gino Paoli critica chi mostra il culo, Elodie risponde: “Fanno capolavori, ma nella vita sono delle merde”

Culture - Redazione Milano 15.12.23
angelo duro omosessuale

Il monologo di Angelo Duro intriso di omofobia: gay che dovrebbero picchiare omofobi, r*cch*oni eccetera – VIDEO

Culture - Redazione Milano 31.10.23