La Francia commemora Josephine Baker: è la prima donna nera a entrare nel Pantheon

Negli anni numerose petizioni e finalmente un gesto dovuto. Josephine Baker è stata un’icona bisessuale, attivista contro il razzismo, l’antisemitismo e parte della resistenza francese nella Seconda Guerra Mondiale. Il suo monumento al Pantheon è un traguardo storico.

La Francia commemora Josephine Baker: è la prima donna nera a entrare nel Pantheon - Josephine Baker 3 - Gay.it
3 min. di lettura

Se ti chiami Josephine Baker, davvero l’unico posto in cui dovresti riposare per l’eternità è il Pantheon. Finalmente lo ha capito anche il governo francese che, in una cerimonia ufficiale il 30 novembre, ha accolto all’interno del famoso edificio sulla Senna – che contiene i resti dei più grandi eroi di Francia – un cenotafio dell’artista. I suoi veri resti, per volere della famiglia, resteranno a Monaco. Diventa così la prima donna nera ad essere accolta nel Pantheon.

Josephine Baker Gay.it

La decisione è arrivata dopo che negli anni diverse petizioni avevano chiesto questo riconoscimento, anche se solo l’ultima di Lauren Kupferman è stata ascoltata. Alcuni argomentano che è stata accettata solo perché la Kupferman è amica della First Lady francese Brigitte Macron, ma non è questo il momento delle polemiche.

Sì, perché era da tempo che qualcuno riconoscesse il ruolo che Josephine Baker ha avuto nel secolo scorso come attivista e alleata anti-nazista. Professione: ballerina. Arrivò a Parigi negli anni Venti dopo un cospicuo avvio di carriera a Broadway. Aveva già una bella reputazione – per quell’epoca e per quegli anni, si intende. Oltre a non essere bianca, era anche bisessuale. I suoi flirt con le colleghe erano noti all’opinione pubblica, poi arrivarono anche i grandi nomi e tra le sue amanti ci furono anche Colette e Frida Kahlo. Poi si spostò oltreoceano. La Francia cambiò la sua vita e lei cambiò un po’ la Francia.

Josephine Baker Gay.it
Subrette e diva: Josephine Baker

Iniziò ad esibirsi e, nonostante anche lì vi fossero stereotipi nei confronti delle persone nere, il razzismo che incontrò era meno pressante di quello negli Stati Uniti. Seguirono due matrimoni, uno con Jean Lion e poi con Jo Bouillon, un musicista gay. Un matrimonio di convenienza che però risultò in una grande villa nel sud della Francia e l’adozione di dodici bambini che lei chiamava la “tribù arcobaleno”. Strinse anche una forte amicizia con il principe Ranieri e la principessa Grace di Monaco, e furono loro a volere che alla sua morte, avvenuta nel 1977, venisse sepolta proprio nel principato.

La sua vita si divise tra la danza e l’attivismo. Durante la Seconda Guerra Mondiale era un membro attivo della resistenza, incaricata del contrabbando di documenti e di assistere nello spionaggio. Nel 1963 tenne anche un discorso alla Martin Luther King’s Jr.’s March a Washington. Più tardi si scoprì che «era così rumorosa nelle sue denunce del razzismo americano in vari forum internazionali che l’FBI ha compilato un dossier sulle sue attività e la CIA l’ha tenuta d’occhio», come scrisse Lester Q. Strong sul The Gay and Lesbian Review.

Josephine Baker Gay.it
Josephine Baker premiata per il suo impegno civile

«Incarna, prima di tutto, la libertà delle donne»

Queste le parole della scrittrice e attivista Lauren Kupferman, spiegando perché questo riconoscimento è necessario: «I tempi sono probabilmente più favorevoli a far risuonare le lotte di Josphine Baker: la lotta contro il razzismo, l’antisemitismo, la sua parte nella resistenza francese. Il Pantheon è dove si entra non perché sei famoso, ma per quello che hai portato alla mente civica della nazione».

La notizia arriva quando il problema del razzismo in Francia è una questione controversa. Lo Stato non riconosce la razza, ma secondo i critici non riconosce nemmeno che il razzismo è ancora presente. E con le elezioni presidenziali del prossimo anno che si avvicinano, tra i cui candidati c’è anche un rappresentate di estrema destra, Éric Zemmour (ne abbiamo parlato qui), è forse proprio questo il momento migliore per commemorare la memoria di Josephine Baker.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Calciatori Gay Coming Out - Rosario Coco di Out Sport spiega perché non bisogna forzare

Calciatori gay in Nazionale, calciatori gay ovunque: perché non bisogna forzare

Lifestyle - Giuliano Federico 20.6.24
Luca Guadagnino parla di Queer: "È il mio film più personale, ci sono scandalose scene di sesso" - luca guadagnino pesarofilmfest 60 22giu2024 ph luigi angelucci 010 - Gay.it

Luca Guadagnino parla di Queer: “È il mio film più personale, ci sono scandalose scene di sesso”

Cinema - Redazione 24.6.24
Libri LGBTQIA+, le novità: di euforia, di santi, diavoli, altricorpi e femminielli - Matteo B Bianchi3 - Gay.it

Libri LGBTQIA+, le novità: di euforia, di santi, diavoli, altricorpi e femminielli

Culture - Federico Colombo 22.6.24
Ivan Codrian per @theshamelessfund

Jonathan Bailey lancia l’associazione di beneficenza LGBTQ+ “The Shameless Fund”

Culture - Luca Diana 21.6.24
Fedez annuncia apertura canale OnlyFans

Fedez cede a OnlyFans e apre il suo canale: “Mi consigliano di ripulirmi l’immagine e faccio il contrario”

News - Emanuele Corbo 21.6.24
aggressione-foggia-intervista

Foggia, parla Alessandro, vittima dell’aggressione: “Trasformiamo la violenza in sogno” – intervista

News - Francesca Di Feo 21.6.24

Hai già letto
queste storie?

La bellezza liberatoria degli infiniti "Pride", per sempre e ovunque: storia visiva dell'orgoglio LGBTQIA+ - pride libro scripta maneant 3 - Gay.it

La bellezza liberatoria degli infiniti “Pride”, per sempre e ovunque: storia visiva dell’orgoglio LGBTQIA+

News - Francesca Di Feo 8.6.24
New York, la fermata metro Christopher Street-Sheridan Square diventerà fermata Stonewall - Stonewall Inn - Gay.it

New York, la fermata metro Christopher Street-Sheridan Square diventerà fermata Stonewall

News - Redazione 11.6.24
Re Giacomo I d'Inghilterra era davvero gay? La storia vera dietro la serie Mary & George - Mary and George - Gay.it

Re Giacomo I d’Inghilterra era davvero gay? La storia vera dietro la serie Mary & George

Serie Tv - Federico Boni 21.3.24
Giorgio Bozzo, autore di Le Radici dell'Orgoglio

Quell’orgoglio che ci rende più forti: intervista con Giorgio Bozzo (che riparte con Le radici dell’orgoglio)

Culture - Riccardo Conte 4.1.24
10 compositori queer che hanno fatto la storia della musica

Da Chopin e Schubert a Tchaikovski fino a Bernstein. 10 compositori queer che sono dei giganti della musica classica

Musica - Redazione 18.3.24
Grecia, l'Alessandro Magno bisessuale di Netflix finisce in parlamento: "Deplorevole, inaccettabile e antistorico" - Alessandro Magno - Gay.it

Grecia, l’Alessandro Magno bisessuale di Netflix finisce in parlamento: “Deplorevole, inaccettabile e antistorico”

Serie Tv - Redazione 21.2.24
#LevisPride - Queer Rodeo

Storia di quel Rainbow Rodeos tra cowboys, drag queen e anti-machismo

Culture - Riccardo Conte 7.6.24
francia-proteste-trans

Francia, oltre 10.000 persone in piazza contro il disegno di legge che vieterebbe le terapie affermative per l* minori trans

News - Francesca Di Feo 7.5.24