Le Favolose, Porpora Marcasciano: “Noi resistiamo, siamo noi stesse e vogliamo essere riconosciute”

"Ci stiamo finalmente riprendendo la nostra parola".

ascolta:
0:00
-
0:00
Le Favolose, Porpora Marcasciano: "Noi resistiamo, siamo noi stesse e vogliamo essere riconosciute" - LE FAVOLOSE di Roberta Torre PorporaMarasciano ph LailaPozzo A5A4005 - Gay.it
4 min. di lettura

Le Favolose, Porpora Marcasciano: "Noi resistiamo, siamo noi stesse e vogliamo essere riconosciute" - LE FAVOLOSE AntoniaIaia MiziaCiulini PorporaMarasciano AntoniaIaia SophiaMehiel NicoleDeLeo VeetSandeh MassiminaLizzeri RobertaTorre ph laila Pozzo A5A5765 - Gay.it

Da noi recensito in anteprima, Le Favolose di Roberta Torre uscirà al cinema il 5-6-7 settembre con Europictures, dopo aver aperto le Notti Veneziane delle Giornate degli Autori alla 79esima Mostra del Cinema di Venezia. Sul red carpet del Lido sono sbarcate non solo la regista ma anche le 7 meravigliose protagoniste, ovvero Porpora Marcasciano, Nicole De Leo, Mizia Chiusini, Sofia Mehiel, Veet Sandeh, Antonia Iaia e Massimina Lizzeri, donne trans* chiamate a ripercorrere decenni di lotte all’interno del movimento attraverso i propri vissuti, raccontati dalla regista incrociando realtà e finzione.

“Ci siamo sempre sentite Dive ma mai avremmo pensato di ritrovarci a Venezia”, ha precisato nel corso del press junket Porpora, consigliera comunale a Bologna e presidente della commissione Pari opportunità. “Quella di Roberta è stata una ricerca, sua, nostra, un’autocoscienza compiuta tutte insieme, un conoscersi e fare un percorso comune che ci ha fatto ritrovare noi stesse”.

Le Favolose, Porpora Marcasciano: "Noi resistiamo, siamo noi stesse e vogliamo essere riconosciute" - LE FAVOLOSE di Roberta Torre PorporaMarasciano ph LailaPozzo A5A3969 - Gay.it

All’interno del docufilm Porpora ricorda gli anni ’70 vissuti in strada, attraverso l’onesta e mai rinnegata professione della prostituzione. “Eravamo audaci”, ha sottolineato la fondatrice del MIT. “Gli anni ’70 sono stati gli anni della rivoluzione sessuale, hanno inciso, influenzato e determinato le nostre vite. Quello di Roberta è stato un lavoro storico. L’esperienza con Torre non è andata avanti solo nel mese di settembre in cui abbiamo girato. Ci siamo incontrate una prima volta nel 2015. Poi c’è stato un ascoltarsi, un conoscersi, una costruzione che ha prodotto i passaggi della nostra vita, tra contraddizioni, gioie, bellezze e un delirio favoloso di cui ci siamo riappropriate, provando a trasmetterlo nel film”.

Un progetto con cui tutte le protagoniste si sono riprese la loro narrazione, “cosa fondamentale per una categoria di persone che vogliono emanciparsi. L’esperienza trans è un’esperienza umana significativa molto spesso bisfrattata. In questo film abbiamo avuto modo di raccontarci al mondo, di dire, di dirci, abbiamo ripreso la nostra parola. L’identità è ricerca”, ha continuato Porpora al cospetto della stampa. “Usciamo da secoli di rimozione storica. Non esisteva neanche il nome, trans. È una ricerca ancora in atto, in 50 anni abbiamo dovuto costruire mattone su mattone, la nostra identità, i nostri diritti, ma non c’è un punto di arrivo, ci sono tanti punti di partenza e la stiamo costruendo. È il nostro movimento di liberazione”.

Le Favolose, Porpora Marcasciano: "Noi resistiamo, siamo noi stesse e vogliamo essere riconosciute" - LE FAVOLOSE di Roberta Torre MassiminaLizzari MiziaCiulini PorporaMarasciano AntoniaIaia SophiaMehiel NicoleDeLeo VeetSandeh ph LailaPozzo A5A4200 - Gay.it

Il momento storico che stiamo vivendo vede la transfobia sugli scudi, grazie anche ad una classe politica che alimenta il fuoco della discriminazione e dell’odio. “Noi siamo preoccupate da sempre perché i nostri diritti sono stati usati di volta in volta”, ha precisato Marcasciano. “Noi resistiamo, resisteremo, perché siamo noi stesse e vogliamo essere noi stesse, riconosciute nel mondo”. Proprio Porpora è stata recentemente aggredita dal branco, minacciata con un coltello. “Cambiare il mondo non è una cosa semplice, quello che è accaduto a me la scorsa settimana è significativo, in relazione all’ambiente culturale che viviamo”, ha detto Marcasciano. “Ma può succedere in qualsiasi momento, anche in quelli più inaspettati. Noi andiamo avanti, procediamo nonostante tutto”.

Negli anni Porpora ha contribuito alla costruzione di un archivio per un’intera comunità, raccogliendo materiale che si pensava perduto.

“Per me è stato importante fare raccolta di una documentazione storica, perché siamo state cancellata dalla storia. Recuperare le nostre battaglie era fondamentale, perché altrimenti avrebbe significato perdere la nostra storia. Ho fatto tutto questo attraverso i miei libri. Roberta ha avuto la sensibilità e l’accortezza di occuparsene. Le nuove generazioni hanno aiuti, riferimenti e servizi diversi, che permettono loro di affacciarsi e conoscere il mondo. Noi non l’avevamo. Ci siamo dovute inventare le parole, la narrazione. Non avevamo tempo e capacità di mettere insieme dei pezzi della nostra storia, che oggi stiamo facendo con questo docufilm. Nel cinema il più delle volte tutto viene calato dall’alto. In questo caso è avvenuto il contrario. Roberta ci ha osservate, si è confrontata, ha ascoltato, guardato, costruendo il film insieme a noi”.

All’interno de Le Favolose le protagoniste si ritrovano per ricordare e celebrare una loro amica defunta, umiliata dalla famiglia che al funerale l’ha volutamente vestire da uomo. La negazione dell’identità di una donna trans ricondotta in un’identità puramente burocratica, triste realtà ancora oggi diffusa.

Prima era quasi la norma, da quando l’esperienza trans ha iniziato ad essere visibile“, ha ricordato Porpora. “Era una sorta di vendetta delle famiglie della cultura patriarcale che si riprendevano chi era andato oltre. Oggi avviene di meno, è frutto dei tempi, che fortunatamente riconoscono il cambiamento del nome e dell’identità in vita. Lentamente ma sta cambiando in meglio”.

Non solo documentario ma anche fiction, ne Le Favolose le protagoniste mostrano loro stesse e al tempo stesso recitano una parte di pura finzione, straordinariamente. Perché a lungo costrette ad interpretare un ruolo. Nella vita di tutti i giorni.

“Recitare una parte, per dovere, ha fatto parte delle nostre vite”, ha concluso Marcasciano. “Forse oggi non è più così, ma non riconoscere l’identità significa anche fingersi, nascondersi. Ho diversi ricordi della mia adolescenza, in cui si soffre di più. Io cercavo in tutti i modi di mascherare la mia femminilità. Allargavo le gambe per farle più storte, da uomo, perché mi dicevano che avevo le gambe femminili. Oggi ho 65 anni e ricordo il periodo pre-rivoluzione in cui la finzione era necessaria. La femminilità non è invece finzione, ma una parte di noi”.

Le Favolose, Porpora Marcasciano: "Noi resistiamo, siamo noi stesse e vogliamo essere riconosciute" - LE FAVOLOSE di Roberta Torre PorporaMarasciano ph LailaPozzo A5A3862 - Gay.it

Foto posate: Laila Pozzo

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Giovanni Donzelli foto instagram @giovadonze

Giovanni Donzelli di Fratelli d’Italia, outing di sua moglie che spiega “È un marito etero”

Culture - Mandalina Di Biase 9.4.24
Pietro Fanelli, Isola dei Famosi 2024

Pietro Fanelli, chi è il naufrago dell’Isola dei Famosi 2024?

Culture - Luca Diana 10.4.24
Mahmood è in tour in Europa per presentare l'album "Nei letti degli altri"

Mahmood più libero che mai sul palco, il suo tour strega l’Europa e “Tuta gold” conquista il triplo disco di platino

Musica - Emanuele Corbo 9.4.24
Challengers, recensione. Il travolgente ed eccitante triangolo omoerotico di Luca Guadagnino - TIRE TOWN STILLS PULL 230607 002 RC - Gay.it

Challengers, recensione. Il travolgente ed eccitante triangolo omoerotico di Luca Guadagnino

Cinema - Federico Boni 12.4.24
Marco Mengoni per un noto brand di gioielli

Marco Mengoni è un gioiello, ma la verità è che tutti guardano un’altra cosa

Musica - Emanuele Corbo 10.4.24
Artur Dainese, Isola dei Famosi 2024

Isola dei Famosi 2024, la storia di Artùr Dainese: “A 16 anni sono venuto in Italia. Mi sentivo solo”

Culture - Luca Diana 16.4.24

Hai già letto
queste storie?

"Orlando, my biographie politique", il manifesto trans di Paul B. Preciado arriva nei cinema d'Italia - Orlando my biographie politique 2 - Gay.it

“Orlando, my biographie politique”, il manifesto trans di Paul B. Preciado arriva nei cinema d’Italia

Cinema - Redazione 15.3.24
Lux Pascal, la sorella di Pedro Pascal nel cast di Summer War. Sarà il suo primo film dopo il coming out - Lux Pascal e Pedro - Gay.it

Lux Pascal, la sorella di Pedro Pascal nel cast di Summer War. Sarà il suo primo film dopo il coming out

News - Redazione 23.2.24
papa-francesco-persone-trans

Papa Francesco: “Sì al battesimo per i figli di coppie gay e lesbiche. Le persone trans possono essere madrine, padrini e testimoni di nozze”

News - Redazione 8.11.23
Bellezza Addio, il trailer del doc su Dario Bellezza che arriva finalmente anche a Roma - dario bellezza 2 foto DinoIgnani - Gay.it

Bellezza Addio, il trailer del doc su Dario Bellezza che arriva finalmente anche a Roma

Cinema - Redazione 7.11.23
Damiano Gavino Gay.it Andrea Di Luigi Nuovo Olimpo

Nuovo Olimpo è in streaming, Ozpetek: “Non ho mai dato centralità a una vera storia d’amore”

Cinema - Redazione 31.10.23
Arriva Matrix 5, sarà il primo film della saga senza Lana e/o Lilly Wachowski alla regia - MATRIX RESURRECTIONS 1 MX4 TRLR 0002 High Res JPEG - Gay.it

Arriva Matrix 5, sarà il primo film della saga senza Lana e/o Lilly Wachowski alla regia

News - Redazione 4.4.24
J.K. Rowling centro stupri anti-trans* Gay.it

Nuova bufera su J.K. Rowling, accusata di negazionismo dell’Olocausto nei confronti delle persone trans

News - Federico Boni 15.3.24
Shakira, ecco che cosa ha detto sul film "Barbie"

Shakira e i figli criticano il film ‘Barbie’: “Minaccia la mascolinità”

Cinema - Emanuele Corbo 2.4.24