L’Immensità, recensione. Tra identità e transizione di genere, il film sulla memoria di Emanuele Crialese

Il regista di Respiro ha raccontato la propria storia personale dopo anni di tentativi andati a vuoto, affidando a Penelope Cruz gli abiti di sua madre, di Raffaella Carrà e Patty Pravo.

ascolta:
0:00
-
0:00
L’Immensità, recensione. Tra identità e transizione di genere, il film sulla memoria di Emanuele Crialese - l immensita 1 - Gay.it
3 min. di lettura

20 anni fa Emanuele Crialese incantava il mondo con Respiro, Grand Prix al Festival di Cannes. Poi sono arrivati due Leoni d’Argento a Venezia 2006 e a Venezia 2011 con Nuovomondo e Terraferma, seguiti da 10 anni di silenzio. Fino ad ora, al Concorso di Venezia 79. L’immensità è il 5° film del regista romano, riuscito a raccontare la propria storia di transizione insieme ai co-sceneggiatori Francesca Manieri e Vittorio Moroni.

Ambientato negli anni ’70, con il bianco e nero tv pronto a lasciare spazio al technicolor e la dance a travolgere le case d’Italia per merito di Rumore di Raffaella Carrà, L’Immensità racconta la storia di una famiglia. Clara e Felice non si amano più, continuano a stare insieme solo e soltanto per i figli, su cui Clara riversa tutto il proprio desiderio di libertà. Adriana, la più grande, ha dodici anni e rifiuta il proprio nome, la propria identità, perché fermamente convinta di essere nata sbagliata, di arrivare dallo spazio, con genitori alieni, di essere un maschio, tanto da volersi chiamare Andrea…

l'immensità emanuele crialese penelope cruz venezia 79 coming out uomo trans
l’immensità emanuele crialese penelope cruz venezia 79

L’Immensità è il film più dichiaratamente personale di Crialese, che ha impiegato un decennio per riuscire a realizzarlo, a raccontarlo adeguatamente, a raccontarsi. Nel farlo il regista di Respiro percorre due binari separati. Da una parte la mamma di origine spagnola fortemente depressa, vittima di abusi da parte di suo marito, che la tradisce sfacciatamente. Dall’altra i tre figli che navigano a vista in questo tsunami famigliare, con il più grande, Adri, che disperatamente cerca un miracolo. Il miracolo di essere un ragazzo, anche fisicamente.

Crialese e i due sceneggiatori si sono concessi ampia libertà di scrittura, nel rappresentare parte dell’infanzia del regista. Dal piccolo schermo prendono letteralmente vita i mitici varietà Rai, con Rumore da ballare in cucina mentre si apparecchia la tavola e il leggendario duetto Carrà – Celentano con Prisencolinensinainciusol che prende improvvisamente forma in chiesa (è la scena migliore del film), tra chierichetti danzanti e una Penelope Cruz bionda Raffaella. Proprio Penelope, un anno fa Coppa Volpi a Venezia per Madres Paralelas di Pedro Almodovar e qui anche nei panni di Patty Pravo, domina in lungo e in largo la scena, interpretando un ruolo che ormai le calza sempre più a pennello. Quello della mamma problematica, all’interno di un rapporto d’amore platealmente naufragato, luminosa e abbagliante tanto nella bellezza quanto nella bravura.

Crialese va a caccia di sguardi tra i protagonisti, senza però mai andare fino in fondo a nessuno dei temi trattati. Tutto o quasi rimane in superficie, a galleggiare. Il malessere di Clara, i tradimenti di Felice, il complicato legame con la suocera, il rapporto tra Adri e una misteriosa ragazzina conosciuta in un campo tirato su alla bene in meglio tra le fresche frasche della Capitale, la sconsiderata reazione del fratello di Adri ai tumulti famigliari, i molteplici confronti tra Adri e sua madre, talmente bella da infastidirla. L’eleganza stilistica di Crialese è riconoscibile, così come è impeccabile la ricostruzione di un’Italia anni ’70, ma il delicato tema trattato si limita ad abbracciare fantasiose visioni che vedono Adri interpretare Adriano Celentano e Johnny Dorelli, agognando un corpo maschile che per ora può solo immaginare, specchiandosi nei divi della tv.

C’è inoltre un problema banalmente interpretativo. I tre giovani protagonisti, Luana, Patrizio e Maria Chiara, non hanno mai recitato prima e si vede. Non tengono la scena, non riescono a gestire un confronto con un gigante come la musa almodovariana. Luana, vera protagonista nei panni di Adri, fatica a gestire i momenti di rabbia, dando inevitabilmente all’intera operazione una sensazione di posticcio, di forzato. Anche Vincenzo Amato, attore feticcio di Crialese, non riesce a rendere credibile un uomo tanto violento e meschino come Felice, bidimensionale anche nella scrittura.

A lungo atteso, temuto e cullato dallo stesso Crialese, talmente coinvolto dal non essere stato forse in grado di prenderne le giuste distanze, l’Immensità appare come un film dall’enorme potenziale raramente espresso, difficilmente inquadrabile e faticosamente gestito dal suo stesso autore, probabilmente narrativamente parlando talmente tanto orgogliosamente ‘libero’ dal non essere riuscito a dargli una forma specifica, liberandosi comunque di una storia tanto personale e privata quanto evidentemente necessaria. E per il regista, al di là della completa riuscita o meno della pellicola, non poteva esserci riconoscimento migliore.

Voto: 5

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Cannes 2024, ecco i 17 film LGBTQIA+ in corsa per la Queer Palm - Block Pass - Gay.it

Cannes 2024, ecco i 17 film LGBTQIA+ in corsa per la Queer Palm

Cinema - Federico Boni 17.5.24
BigMama date estive

BigMama parte per il “Pride Tour”: tutte le date per un’estate nel segno dell’orgoglio

Musica - Emanuele Corbo 24.5.24
Bari, il sindaco Decaro unisce civilmente due vigilesse in alta uniforme: "Solo l'amore conta" - Bari il sindaco Decaro unisce civilmente due vigilesse in alta uniforme - Gay.it

Bari, il sindaco Decaro unisce civilmente due vigilesse in alta uniforme: “Solo l’amore conta”

News - Redazione 24.5.24
Elezioni Europee e voto LGBTI+, guida alle candidature che aderiscono a #ComeOut4EU il programma di Ilga Europe - cover wp - Gay.it

Elezioni Europee e voto LGBTI+, guida alle candidature che aderiscono a #ComeOut4EU il programma di Ilga Europe

News - Lorenzo Ottanelli 20.5.24
10 anni fa Xavier Dolan travolgeva e incantava Cannes con Mommy - ecnv mommy - Gay.it

10 anni fa Xavier Dolan travolgeva e incantava Cannes con Mommy

Cinema - Federico Boni 24.5.24
Mahmood: "Sono stato un ragazzino cicciotello per niente cool, ma più libero e sicuro di chi sono oggi"

Mahmood: “Sono stato un ragazzino cicciotello per niente cool, ma più libero e sicuro di chi sono oggi”

Musica - Emanuele Corbo 22.5.24

Continua a leggere

Plainclothes, Tom Blyth e Russell Tovey innamorati nel film di Carmen Emmi - Plainclothes - Gay.it

Plainclothes, Tom Blyth e Russell Tovey innamorati nel film di Carmen Emmi

Cinema - Redazione 8.3.24
Love Lies Bleeding, primo trailer del film con Kristen Stewart che si innamora di una bodybuilder - Love Lies Bleeding primo trailer del film queer con Kristen Stewart che si innamora di una bodybuilder - Gay.it

Love Lies Bleeding, primo trailer del film con Kristen Stewart che si innamora di una bodybuilder

Cinema - Redazione 20.12.23
La Petite, arriva in Italia il film sulla GPA: "Divieti imposti in nome di una morale senza sfumature" - La Petite cover - Gay.it

La Petite, arriva in Italia il film sulla GPA: “Divieti imposti in nome di una morale senza sfumature”

Cinema - Redazione 17.1.24
Andrew Scott per Wonderland Magazine (2023)

Andrew Scott è stato snobbato agli Oscar perché gay?

Culture - Redazione Milano 27.2.24
I film LGBTQIA+ della settimana 4/10 dicembre tra tv generalista e streaming - I film LGBTQIA della settimana 411 dicembre tra tv generalista e streaming - Gay.it

I film LGBTQIA+ della settimana 4/10 dicembre tra tv generalista e streaming

Cinema - Federico Boni 4.12.23
The Darkness Outside Us, Elliot Page porta al cinema il romanzo queer sci-fi di Eliot Schrefer - The Darkness Outside Us - Gay.it

The Darkness Outside Us, Elliot Page porta al cinema il romanzo queer sci-fi di Eliot Schrefer

Cinema - Redazione 22.4.24
Maestro (Netflix, 2023)

Maestro: la vera storia di Leonard Bernstein e Felicia Montealegre

Culture - Riccardo Conte 4.12.23
20.000 specie di Api, recensione. Tra identità, corpo e genere, tu chiamala con il suo vero nome - AH 20000speciediapi foto3 - Gay.it

20.000 specie di Api, recensione. Tra identità, corpo e genere, tu chiamala con il suo vero nome

Cinema - Federico Boni 7.12.23