Michela Murgia e il testamento d’amore a tutela della sua famiglia queer redatto insieme a Cathy La Torre

Tra le righe dell'ultimo messaggio: il testamento di Michela Murgia per amore della sua famiglia queer.

ascolta:
0:00
-
0:00
michela-murgia-queer-family-sposi-spose
2 min. di lettura

Ci sono voci che, anche nel silenzio della morte, rimangono potenti. Voci che riecheggiano cuori e nelle anime che hanno toccato, ricordandoci la bellezza della vulnerabilità, dell’autenticità e della tenacia.

Una di queste è quella di Michela Murgia, intellettuale, scrittrice e attivista che ieri ha perso la sua lotta contro un tumore al quarto stadio, ma non prima di condividere il suo ultimo messaggio d’amore con il mondo: il suo testamento.

Chi avrebbe potuto prevedere che un documento legale, redatto per decidere della sorte dei propri beni, potesse racchiudere la sua ultima, grande testimonianza di lotta per il riconoscimento della sua famiglia queer e di tutte quelle famiglie “non convenzionali” per cui si è sempre battuta.

È stato questo l’ultimo regalo di Michela: un testamento che, oltre servire la sua mera funzione, svela il cuore di una donna che ha vissuto intensamente, amando senza barriere e rimanendo fedele a sè stessa fino all’ultimo.

Con l’aiuto dell’avvocata bolognese Cathy La Torre, Michela ha delineato le ultime volontà ben al di là della semplice divisione di beni, rappresentando invece un’ultima, profonda riflessione su come il materiale possa rappresentare emozioni, ricordi, momenti. Tutto, infatti, pare essere stato disposto con un occhio al valore emotivo e all’affetto.

Ha scelto di fare testamento e da mesi abbiamo lavorato per tutelare la sua famiglia – spiega La Torre – lo abbiamo fatto insieme e sempre pubblicamente come battaglia politica. Michela ci ha mostrato che tutelare le forme relazionali non tradizionali ma che sono comunque famiglie è oggi una battaglia politica urgente e aggiungo, dal canto mio, anche una battaglia giuridica fondamentale. Ha fatto testamento e predisposto tutto per tutelare una famiglia che lo Stato non tutela”.

 

View this post on Instagram

 

A post shared by Cathy La Torre (@avvocathy)

Il suo guardaroba è andato a Chiara Tagliaferri. Non solo abiti, ma ricordi, momenti trascorsi, emozioni vissute. I gioielli e la bigiotteria, invece, sono andati a Patrizia. Anche se Michela non era particolarmente legata ai materiali preziosi, le sue “cianfrusaglie”, come lei stessa le definiva, pesavano circa trenta chili. Trenta chili di storie, di incontri, di vita.

Ma quello che colpisce di più del testamento di Michela è la presenza forte della sua famiglia queer. Una famiglia non legata dal sangue, ma dal cuore, costruita intorno a legami d’amore e di scelta.

Una famiglia che riflette l’essenza di Michela: aperta, inclusiva, libera. Raphael, per esempio, è un riflesso della sua visione. Entrato nella sua vita quando aveva solo nove anni, ha scelto Michela come “madre del cuore, legame che entrambi hanno coltivato con amore e dedizione.

Ai suoi “figli dell’anima”, Michela lascia la sua casa. Tra di loro, Francesco Leone, Michele Anghileri e Alessandro Giammei, che si occuperà della curatela dei suoi scritti. Ognuno di loro ha una storia unica con Michela, legami nati in momenti e luoghi diversi, ma tutti accomunati da quell’amore profondo e reciproco, scevro da qualsiasi sovrastruttura.

Il testamento di Michela Murgia non è un freddo documento da tenere tabù, come spesso si fa, per evitare di pensarci. È una dichiarazione d’amore, un manifesto di libertà, un inno alla vita nel momento in cui sceglie di colpire di più. Michela non è più qui, ma attraverso le sue parole, le sue scelte, i suoi amori, continua a vivere.

La sua eredità non si trova solo negli oggetti, ma nelle vite delle persone che ha toccato, negli ideali per cui ha lottato, nell’amore che ha condiviso. 

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Paola Turci e Francesca Pascale sarebbero in crisi

Paola Turci e Francesca Pascale hanno sciolto la loro unione civile

News - Redazione 18.7.24
Queer Lion, tutti i vincitori del Leone LGBTQIA+ aspettando Venezia 2024 - queer lion story - Gay.it

Queer Lion, tutti i vincitori del Leone LGBTQIA+ aspettando Venezia 2024

Cinema - Federico Boni 12.7.24
Vladimir Luxuria Isola dei Famosi 2024

Palinsesti Mediaset 2024/2025. Vladimir Luxuria non condurrà più l’Isola dei Famosi. Verissimo incontra Amici

Culture - Redazione 17.7.24
Rocco Barocco attacca il Pride

Rocco Barocco, lo stilista apertamente gay attacca il Pride

News - Mandalina Di Biase 17.7.24
Selvaggia Lucarelli vs. Paolo Stella: "Ci sbatte in faccia il privilegio ottenuto senza alcun talento specifico" - Selvaggia Lucarelli vs. Paolo Stella - Gay.it

Selvaggia Lucarelli vs. Paolo Stella: “Ci sbatte in faccia il privilegio ottenuto senza alcun talento specifico”

Culture - Redazione 18.7.24
Tale e Quale Show 2024, Carlo Conti svela il cast ufficiale. 11 protagonisti, alcuni molto poco conosciuti - Tale e Quale Show 2024 il cast - Gay.it

Tale e Quale Show 2024, Carlo Conti svela il cast ufficiale. 11 protagonisti, alcuni molto poco conosciuti

Culture - Redazione 18.7.24

Leggere fa bene

famiglie arcobaleno in camper itinerante a Curno

Il camper itinerante di Famiglie Arcobaleno ha fatto tappa a Curno: il resoconto della giornata

News - Gio Arcuri 20.3.24
Poliamore - Tre mariti sposi a Colle di Val d'Elsa. grazie a un'unione civile tra due di loro e a un'estensione giuridica privatistica studiata dall'avvocata Parigiani

Poliamore, così Gianluca, Marco e Davidson si sono sposati in tre – VIDEO

Lifestyle - Redazione Milano 1.7.24
fratelli

Milano, Corte d’Appello dichiara illegittime le trascrizioni dei figli delle coppie di donne

News - Redazione 6.2.24
Famiglie Arcobaleno, Corte d'Appello di Venezia "congela" i ricorsi di Padova: "Si pronunci la Corte Costituzionale" - Famiglie Arcobaleno - Gay.it

Famiglie Arcobaleno, Corte d’Appello di Venezia “congela” i ricorsi di Padova: “Si pronunci la Corte Costituzionale”

News - Redazione 11.7.24
I Papà per Scelta celebrano i 7 anni di Unione: "L’amore può fare la differenza, ma non ha mai fatto differenze". - papa per scelta - Gay.it

I Papà per Scelta celebrano i 7 anni di Unione: “L’amore può fare la differenza, ma non ha mai fatto differenze”.

Culture - Redazione 11.6.24
Giorgia Meloni foto Instagram @giorgiameloni

Giorgia Meloni e le falsificazioni senza pudore sui temi LGBTI+: “Non siamo intervenuti su queste normative”

News - Giuliano Federico 26.6.24
decreto genitori

Corte d’Appello smentisce il decreto Salvini sulle carte d’identità dei minori: “Applicare la dicitura “genitori””

News - Redazione 15.2.24
Barbera, presidente Corte Costituzionale, al Parlamento: "Serve una legge sui figli delle famiglie arcobaleno" - Augusto Barbera - Gay.it

Barbera, presidente Corte Costituzionale, al Parlamento: “Serve una legge sui figli delle famiglie arcobaleno”

News - Redazione 18.3.24