Michela Murgia e il testamento d’amore a tutela della sua famiglia queer redatto insieme a Cathy La Torre

Tra le righe dell'ultimo messaggio: il testamento di Michela Murgia per amore della sua famiglia queer.

ascolta:
0:00
-
0:00
michela-murgia-queer-family-sposi-spose
2 min. di lettura

Ci sono voci che, anche nel silenzio della morte, rimangono potenti. Voci che riecheggiano cuori e nelle anime che hanno toccato, ricordandoci la bellezza della vulnerabilità, dell’autenticità e della tenacia.

Una di queste è quella di Michela Murgia, intellettuale, scrittrice e attivista che ieri ha perso la sua lotta contro un tumore al quarto stadio, ma non prima di condividere il suo ultimo messaggio d’amore con il mondo: il suo testamento.

Chi avrebbe potuto prevedere che un documento legale, redatto per decidere della sorte dei propri beni, potesse racchiudere la sua ultima, grande testimonianza di lotta per il riconoscimento della sua famiglia queer e di tutte quelle famiglie “non convenzionali” per cui si è sempre battuta.

È stato questo l’ultimo regalo di Michela: un testamento che, oltre servire la sua mera funzione, svela il cuore di una donna che ha vissuto intensamente, amando senza barriere e rimanendo fedele a sè stessa fino all’ultimo.

Con l’aiuto dell’avvocata bolognese Cathy La Torre, Michela ha delineato le ultime volontà ben al di là della semplice divisione di beni, rappresentando invece un’ultima, profonda riflessione su come il materiale possa rappresentare emozioni, ricordi, momenti. Tutto, infatti, pare essere stato disposto con un occhio al valore emotivo e all’affetto.

Ha scelto di fare testamento e da mesi abbiamo lavorato per tutelare la sua famiglia – spiega La Torre – lo abbiamo fatto insieme e sempre pubblicamente come battaglia politica. Michela ci ha mostrato che tutelare le forme relazionali non tradizionali ma che sono comunque famiglie è oggi una battaglia politica urgente e aggiungo, dal canto mio, anche una battaglia giuridica fondamentale. Ha fatto testamento e predisposto tutto per tutelare una famiglia che lo Stato non tutela”.

 

View this post on Instagram

 

A post shared by Cathy La Torre (@avvocathy)

Il suo guardaroba è andato a Chiara Tagliaferri. Non solo abiti, ma ricordi, momenti trascorsi, emozioni vissute. I gioielli e la bigiotteria, invece, sono andati a Patrizia. Anche se Michela non era particolarmente legata ai materiali preziosi, le sue “cianfrusaglie”, come lei stessa le definiva, pesavano circa trenta chili. Trenta chili di storie, di incontri, di vita.

Ma quello che colpisce di più del testamento di Michela è la presenza forte della sua famiglia queer. Una famiglia non legata dal sangue, ma dal cuore, costruita intorno a legami d’amore e di scelta.

Una famiglia che riflette l’essenza di Michela: aperta, inclusiva, libera. Raphael, per esempio, è un riflesso della sua visione. Entrato nella sua vita quando aveva solo nove anni, ha scelto Michela come “madre del cuore, legame che entrambi hanno coltivato con amore e dedizione.

Ai suoi “figli dell’anima”, Michela lascia la sua casa. Tra di loro, Francesco Leone, Michele Anghileri e Alessandro Giammei, che si occuperà della curatela dei suoi scritti. Ognuno di loro ha una storia unica con Michela, legami nati in momenti e luoghi diversi, ma tutti accomunati da quell’amore profondo e reciproco, scevro da qualsiasi sovrastruttura.

Il testamento di Michela Murgia non è un freddo documento da tenere tabù, come spesso si fa, per evitare di pensarci. È una dichiarazione d’amore, un manifesto di libertà, un inno alla vita nel momento in cui sceglie di colpire di più. Michela non è più qui, ma attraverso le sue parole, le sue scelte, i suoi amori, continua a vivere.

La sua eredità non si trova solo negli oggetti, ma nelle vite delle persone che ha toccato, negli ideali per cui ha lottato, nell’amore che ha condiviso. 

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Grande Fratello, Stefano Miele presenta il fidanzato Nicolò Rossi: "Buon primo anniversario" (FOTO) - Grande Fratello Stefano Miele presenta il fidanzato Nicolo Rossi - Gay.it

Grande Fratello, Stefano Miele presenta il fidanzato Nicolò Rossi: “Buon primo anniversario” (FOTO)

Culture - Redazione 5.3.24
Grande Fratello, chi vincerà secondo i bookmaker? - Grande Fratello 2023 - Gay.it

Grande Fratello, chi vincerà secondo i bookmaker?

News - Luca Diana 3.3.24
Laura Pausini, concerto in Brasile con la bandiera Progress Pride sul palco - laura pausini 2 scaled 1 - Gay.it

Laura Pausini, concerto in Brasile con la bandiera Progress Pride sul palco

Musica - Redazione 5.3.24
Miranda July (Vogue, 2020)

Miranda July, amarsi senza cadere a pezzi – intervista

Culture - Riccardo Conte 4.3.24
Ragazzo marocchino gay trovato morto in casa di accoglienza dopo respinta della domanda di asilo

Respinta richiesta di accoglienza per omosessualità, ragazzo marocchino trovato morto

News - Redazione Milano 4.3.24
Grecia, si è sposata la prima coppia gay. Ed è boom matrimoniale turistico in stile Mamma Mia! - Grecia Mamma Mia - Gay.it

Grecia, si è sposata la prima coppia gay. Ed è boom matrimoniale turistico in stile Mamma Mia!

News - Redazione 4.3.24

Hai già letto
queste storie?

A Natale con “queer” vuoi, per Pasqua ci aggiorniamo: consigli per le feste - cover - Gay.it

A Natale con “queer” vuoi, per Pasqua ci aggiorniamo: consigli per le feste

Culture - Emanuele Bero 16.12.23
mammeamodonostro-intervista

Il viaggio di Giada e Iris continua: benvenuto Giulio, il fiore più bello sbocciato nelle avversità

News - Francesca Di Feo 7.2.24
Monza, consiglio comunale - La protesta durante la bocciatura della mozione "Caro Sindaco, trascrivi"

“A Monza il sindaco del PD ha abbandonato le famiglie omogenitoriali, serve un coraggio radicale”

News - Giuliano Federico 15.12.23
Michela Murgia, il queer, la famiglia, le relazioni, le madri, la GPA. Abbiamo letto "Dare la vita" - Sessp 21 - Gay.it

Michela Murgia, il queer, la famiglia, le relazioni, le madri, la GPA. Abbiamo letto “Dare la vita”

Culture - Federico Colombo 16.1.24
Alessia Crocini vs. Pro Vita: "Nuove affissioni dei talebani nostrani, ma dove li prendono tutti quei soldi?". VIDEO - Alessia Crocini - Gay.it

Alessia Crocini vs. Pro Vita: “Nuove affissioni dei talebani nostrani, ma dove li prendono tutti quei soldi?”. VIDEO

News - Federico Boni 23.11.23
alessia-crocini-paolo-mieli-nichi-vendola-gpa

“Parole di Paolo Mieli vergognose”, la reazione di Alessia Crocini dopo l’attacco a Vendola

News - Francesca Di Feo 28.11.23
Buone notizie Italia 2022 Gay.it

Corte di Appello di Brescia: i figli hanno il diritto a vedere riconosciuti entrambi i genitori

News - Redazione 9.2.24
Parlamento UE vota a favore del certificato di filiazione, la genitorialità deve essere riconosciuta ovunque - Famiglie Arcobaleno Sentenza Cassazione - Gay.it

Parlamento UE vota a favore del certificato di filiazione, la genitorialità deve essere riconosciuta ovunque

News - Redazione 14.12.23