Milano, ordine del giorno per proclamarla “zona di libertà per le persone LGBTQ+”

Con un altro ordine del giorno si è invece chiesto di contrastare e mettere al bando le cosiddette terapie riparative o di conversione.

ascolta:
0:00
-
0:00
pride 2022, gay pride
3 min. di lettura

Milano, ordine del giorno per proclamarla "zona di libertà per le persone LGBTQ+" - Milano Pride 2021 le foto - Gay.it

I consiglieri Michele Albiani, Angelo Turco e Carmine Pacente hanno presentato un ordine del giorno in consiglio comunale a Milano per proclamare la città di Milano “zona di libertà per le persone lgbtq+”.

Tenuto conto della Carta dei diritti fondamentali dell’Unione europea, dell’articolo 2 del Trattato sull’Unione europea (TUE), della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, della Convenzione europea dei diritti dell’uomo e la relativa giurisprudenza della Corte europea dei diritti dell’uomo, della risoluzione del Parlamento europeo sulla proclamazione dell’UE come zona di libertà per le persone LGBTQ e della risoluzione dei consigli comunali, tra gli altri, di Lisbona, Parigi, Mannheim, Hannover e Vienna, sulla proclamazione della città come zona di libertà per le persone LGBTQ+, si è fatta una richiesta specifica.

D’altronde Milano, che dal 2011 patrocina e supporta il Milano Pride e altre iniziative a sostegno della comunità arcobaleno, come ad esempio la Casa Arcobaleno, è gemellata dal 2003 con la città di Cracovia, il cui sindaco, nell’agosto 2021, ha chiesto ufficialmente al governo della sua “regione”, il Voivodato della Piccola Polonia, di ritirare lo status di “LGBT Free Zone” che dal 2019 ha coinvolto circa 100 regioni, distretti e comuni in tutta la Polonia, adottando “carte regionali dei diritti della famiglia”. Nel 2020 anche la città ungherese di Nagykáta ha adottato una risoluzione che vieta la “diffusione e promozione della propaganda LGBTQ“. Risoluzioni che discriminano in maniera diretta e indiretta le persone LGBTQ+ e hanno come conseguenza diretta l’aumento di atti di violenza, intolleranza e discorsi d’incitamento all’odio nei confronti di persone LGBTQ+ o di persone considerate LGBTQ+, secondo uno studio condotto dall’Agenzia dell’Unione europea per i diritti fondamentali nel maggio 2020.

Per questo motivo attraverso questo ordine del giorno si invita la giunta e il sindaco a proclamare la Città di Milano come “zona di libertà per le persone LGBTQ+”, sull’esempio della risoluzione del Parlamento europeo dell’11 marzo 2021 sulla proclamazione dell’Unione europea come zona di libertà per le persone LGBTQ+, e d’impegnarsi a favore di politiche pubbliche volte a promuovere e tutelare i diritti delle persone LGBTQ+, da un lato, e a sanzionare esplicitamente i meccanismi di discriminazione strutturale, dall’altro. Si invita inoltre a condannare l’azione dei governi polacco e ungherese contro i diritti delle persone LGBTQ+, in palese violazione della Carta dei diritti fondamentali dell’Unione europea e della Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo, e ogni altra forma di discriminazione nei confronti delle persone LGBTQ+, e di esporre la bandiera Arcobaleno fuori da Palazzo Marino il 17 maggio per la Giornata Internazionale contro Omolesbobitransfobia, invitando le associazioni LGBTQ+ milanesi per celebrare la Giornata insieme all’amministrazione.

In tutta Europa diverse città sono state proclamate “zona di libertà per le persone LGBTQ+”, come risposta concreta alle “Free LGBT Zone” polacche, con Chiaravalle, in provincia di Ancona, ad oggi unica città italiana ad aver aderito all’iniziativa #LOVEWHEREILIVE promossa dal Comitato delle Regioni a favore dei diritti della Comunità Lgbt. Il 24 giugno 2021 il Consiglio comunale di Chiaravalle ha approvato la mozione che ha proclamato la città “zona di libertà per le persone Lgbtiq”, impegnandosi ad esporre la bandiera Arcobaleno sul palazzo del Consiglio comunale durante il Mese dell’Orgoglio (Pride Month).

La città di Milano, che ha la più grande comunità LGBTQ+ d’Italia e che ha già approvato un’ordine del giorno a sostegno del cosiddetto DDL Zan, potrebbe ora diventare la seconda città del Bel Paese a fare altrettanto.

Il solo Michele Albiani, consigliere Pd, ha poi presentato un altro ordine del giorno a contrasto e messa al bando delle cosiddette terapie riparative o di conversione, pratica pseudoscientifica intesa a cambiare l’orientamento sessuale o l’identità di genere di una persona LGBTQ+, nel tentativo di “riportarla” nella sfera eterosessuale e cisgender. Pratiche ad oggi vietate in Germania, Brasile, Taiwan, Malta, Ecuador, Nuova Zelanda, Israele, Francia e in parti di Canada, Spagna, Usa e Australia.

Dinanzi al Consiglio Nazionale dell’Ordine degli Psicologi (CNOP) e all’Associazione Italiana di Psicologia (AIP) che si sono esplicitamente esposti contro la pratica di qualsiasi terapia di conversione, alla Congregazione Vaticana per il Clero che, nell’estate 2021 dopo una lunga indagine su un’associazione spagnola, ha emesso una informativa finale che invita i vescovi a non assecondare, né raccomandare le terapie di conversione, e tenuto conto che la legislazione nazionale italiana non punisce in alcun modo queste pratiche e che l’unico testo mai depositato in Parlamento nel 2016 non è mai stato nemmeno discusso, si chiede ora alla giunta e al sindaco Beppe Sala di dichiarare in modo netto la propria contrarietà a tali pratiche pseudoscientifiche. Si invita inoltre il primo cittadino ad attivarsi con il Parlamento, il Governo e tutte le sedi opportune per sostenere la necessità di discutere ed approvare nel più breve tempo possibile una legge che vieti tassativamente e severamente queste pratiche, e di chiedere ufficialmente all’Arcidiocesi di Milano di mettere in guardia i propri sacerdoti, le parrocchie e i fedeli rispetto alla pericolosità di queste “terapie”.

Ufficialmente presentati e depositati, i due ordini del giorno verranno nelle prossime settimane caledarizzati.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

David Utrilla - da 37 anni vive con Hiv

A volte dimentico di avere l’Hiv: la nostra serie per raccontare l’importanza dell’equazione U=U

Corpi - Daniele Calzavara 2.3.24
Ragazzo marocchino gay trovato morto in casa di accoglienza dopo respinta della domanda di asilo

Respinta richiesta di accoglienza per omosessualità, ragazzo marocchino trovato morto

News - Redazione Milano 4.3.24
milano-transfobia-consiglio-comunale

Milano, transfobia in Consiglio Comunale da parte del consigliere Lega Simone Piscina – LINGUAGGIO FORTE

News - Francesca Di Feo 4.3.24
Due megattere maschio fanno sesso, storico primo avvistamento alle Hawaii (FOTO) - Due megattere maschi fanno sesso storico primo avvistamento alle Hawaii - Gay.it

Due megattere maschio fanno sesso, storico primo avvistamento alle Hawaii (FOTO)

News - Redazione 1.3.24
Mary & George, Oliver Hermanus e le scene di sesso gay: "Orge difficili da coreografare, le volevo autentiche" - Mary e George cover - Gay.it

Mary & George, Oliver Hermanus e le scene di sesso gay: “Orge difficili da coreografare, le volevo autentiche”

Serie Tv - Federico Boni 1.3.24
Douglas Carolo (foto TikTok di Carolo), Michele Caglioni (foto Instagram Caglioni), Andrea Bossi (foto TikTok)

Cosa c’era nel cellulare di Andrea Bossi, e peché Douglas Carolo e Michele Caglioni l’avrebbero distrutto?

News - Redazione Milano 4.3.24

Leggere fa bene

sondrio-manifesti-provita

Sondrio, anche qui spuntano i manifesti ProVita: “Basta confondere l’identità sessuale dei bambini”

News - Francesca Di Feo 11.12.23
fratelli

Milano, Corte d’Appello dichiara illegittime le trascrizioni dei figli delle coppie di donne

News - Redazione 6.2.24
montenegro-diritti-lgbt

Il Montenegro candidato all’ingresso UE tra “sterilizzazione forzata” delle persone trans e linguaggio d’odio rampante

News - Francesca Di Feo 18.1.24
Lombardia, Fratelli d'Italia contro la carriera alias presenta una "mozione transfobica senza precedenti" - carriera alias - Gay.it

Lombardia, Fratelli d’Italia contro la carriera alias presenta una “mozione transfobica senza precedenti”

News - Redazione 6.9.23
famiglia omogenitoriale francesca roberta emanuele

Per l’Italia Emanuele non può avere due mamme? Arriva la sentenza di Padova

News - Redazione Milano 30.10.23
THE GENDER SPECTRUM COLLECTION

Regno Unito, transfobia in ospedale: donne trans bandite dai reparti femminili

Corpi - Redazione Milano 4.10.23
Milano, il Comune riconosce la carriera alias ai suoi dipendenti - Carriera Alias - Gay.it

Milano, il Comune riconosce la carriera alias ai suoi dipendenti

News - Redazione 27.12.23
Fedez in lacrime al governo Meloni: "La salute mentale è un'emergenza, non tagliate il bonus psicologo" - VIDEO - fedez - Gay.it

Fedez in lacrime al governo Meloni: “La salute mentale è un’emergenza, non tagliate il bonus psicologo” – VIDEO

Corpi - Redazione 30.10.23