Si potrà vietare alle donne trans* di partecipare a Miss Stati Uniti d’America

Sentenza della Corte d’Appello USA sul caso di Anita Green in Oregon. Ecco la storia.

ascolta:
0:00
-
0:00
MISS USA TRANSGENDER
MISS USA TRANSGENDER
4 min. di lettura

Come nello sport, anche nel mondo dei concorsi di bellezza le persone trans*, e in particolare le donne, sono costrette a subire discriminazioni e pregiudizi riguardo la propria partecipazione. Il respingimento della partecipazione delle donne transgender a questi concorsi ha più volte solcato le pagine dell’opinione pubblica e ora, con una sentenza della Corte d’Appello degli Stati Uniti, potrebbe esserci una svolta.

La vicenda si è svolta in Oregon quando, nel 2019, Anita Green ha citato in giudizio l’organizzazione del concorso Miss Stati Uniti d’America per non averle permesso di partecipare al concorso di bellezza per Miss Oregon. Il tribunale distrettuale dello Stato, tuttavia, aveva respinto il caso, spingendo Anita a fare ricorso. Il risultato, tuttavia, non è stato quello che Anita si aspettava.

Concorsi di bellezza donne trans* Gay.it
Anita Green, donna trans* protagonista della vicenda

La scorsa settimana la Corte d’Appello ha emesso la sua sentenza – di ben 106 pagine – in cui afferma che il concorso di Miss Stati Uniti d’America non può essere costretto a far partecipare le donne trans* alle sue competizioni. Una pronuncia che segna un evidente precedente e apre la strada ad una discriminazione ancora più aperta ed accanita.

Da un punto di vista puramente logico, Anita Green aveva tutta la ragione dalla sua parte. La sua causa si basava sul fatto che il regolamento di Miss America consente solo alle donne “naturali”, cioè nate con organi sessuali femminili, di partecipare. Questo, tuttavia, andava contro la legislazione dell’Oregon, lo Stato in cui desiderava partecipare al concorso di bellezza.

L’Oregon Public Accomodations Act, infatti, sostiene la parità di diritti per ogni persona indipendentemente dal credo, dal background o dall’identità: «Tutti gli abitanti dell’Oregon hanno diritto a sistemazioni, vantaggi, strutture e privilegi pieni e uguali di qualsiasi luogo di alloggio pubblico, senza alcuna distinzione, discriminazione o restrizione a causa di razza, colore, religione, sesso, orientamento sessuale, nazionalità origine, disabilità, stato civile o età (maggiore di 18 anni)».

Concorsi di bellezza donne trans* Gay.it
La Corte d’Appello ha legittimato Miss Stati Uniti d’America a rifiutare le concorrenti trans*

 

La difesa dell’organismo direzionale di Miss Stati Uniti d’America si è basata sul fatto che, pur trovandosi d’accordo nel dover rispettare l’OPAA, il Primo Emendamento dà loro diritto a rifiutare una particolare concorrente. È su questo punto che la Corte d’Appello ha dato ragione a Miss America, di fatto consentendo all’organizzazione – e a tutte le altre con simili vedute – di discriminare le concorrenti in base al sesso di nascita.

Nella sentenza si legge la seguente frase: «Il concorso non sarebbe in grado di comunicare ‘la celebrazione delle donne biologiche’ se fosse costretto a consentire a Green di partecipare. Il concorso esprime il suo messaggio in parte attraverso chi sceglie come suoi concorrenti, e il Primo Emendamento gli conferisce il diritto di farlo». E ancora:

«L’insistenza di Green sul fatto che non ci fosse alcuna differenza significativa tra [lei] e le concorrenti cisgender del concorso era esattamente l’affermazione opposta a quella che il concorso cercava di fare»

Concorsi di bellezza donne trans* Gay.it
Non tutti i concorsi di bellezza sono contro l’inclusione, ma la sentenza segna un precedente

Oltre al fatto che attaccarsi ai tatticismi costituzionali sembra ormai essere diventata l’arma preferita dei conservatori di destra americani, la sentenza si è anche lanciata in uno sconcertante e allucinato paragone con un classico del teatro americano, “Hamilton”: «Se fosse stato applicato ad “Hamilton” uno statuto antidiscriminatorio per includere attori bianchi, lo spettacolo semplicemente non sarebbe in grado di esprimere il messaggio che desiderava». L’affermazione si commenta da sola, ma dà bene l’idea del clima transfobico che si respira.

La cosa, tuttavia, pare che valga solo per una parte dei concorsi di bellezza. C’è ad esempio Miss USA, che nonostante il nome molto simile, è un’organizzazione a parte, e consente alle donne trans* di partecipare, così come anche Miss Universo è più aperto in termini di inclusione. È di poche settimane fa anche l’annuncio del matrimonio di Miss Porto Rico e Miss Argentina, che si sono conosciute a Miss Grand International. Recentemente ha destato gioia presso la comunità LGBTQIA+ internazionale la notizia che il concorso Miss Universo – un tempo di proprietà di Trump – sia stato acquistato dall’imprenditrice Anne JKN, donna transgender.

Il mondo dei concorsi di bellezza è vasto e per molti versi ancora confuso, specialmente per chi da fuori non ne conosce i meccanismi. La sentenza della Corte d’Appello rimane un punto critico ma, nel quadro più generale, segnali positivi arrivano ancora.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Bingham Cup 2024, arriva a Roma il torneo internazionale di rugby inclusivo - In from the Side cover - Gay.it

Bingham Cup 2024, arriva a Roma il torneo internazionale di rugby inclusivo

Corpi - Federico Boni 20.5.24
Roland Garros 2024 al via, ecco le tenniste dichiaratamente queer in corsa per l'Open di Francia - Roland Garros 2024 al via ecco le tenniste dichiaratamente queer in corsa per lOpen di Francia - Gay.it

Roland Garros 2024 al via, ecco le tenniste dichiaratamente queer in corsa per l’Open di Francia

Corpi - Redazione 27.5.24
Sabrina Salerno, Ruby Sinclair e Milly Carlucci, L'Acchiappa Talenti

La Drag Queen Ruby Sinclair conquista il palco de “L’Acchiappa Talenti”

Culture - Luca Diana 25.5.24
BigMama date estive

BigMama parte per il “Pride Tour”: tutte le date per un’estate nel segno dell’orgoglio

Musica - Emanuele Corbo 24.5.24
"È importante votare, e non accettare le altrui decisioni come accade in Cina": storia di unə rifugiatə LGBTQIA+ scappatə dalle persecuzioni del governo di Xi Jinping - cina intervista rifugiat lgbtqia 1 - Gay.it

“È importante votare, e non accettare le altrui decisioni come accade in Cina”: storia di unə rifugiatə LGBTQIA+ scappatə dalle persecuzioni del governo di Xi Jinping

News - Francesca Di Feo 24.5.24
10 attori e attrici trans ad hollywood

10 star della comunità trans* che stanno rivoluzionando Hollywood

Cinema - Gio Arcuri 23.5.24

Continua a leggere

Trace Lysette in MONICA (2022)

Independent Spirit Awards 2023, pioggia di nomination LGBTQIA+. Trace Lysette candidata come miglior attrice

Cinema - Redazione Milano 6.12.23
Boise Pride Festival Drag Show Gay.it

Università USA vieta gli spettacoli drag e gli studenti si appellano alla Corte Suprema

News - Redazione 6.3.24
Foto: Matteo Gerbaudo

Giada Biaggi non si sente più in colpa: ‘Abbi l’audacia di un maschio bianco’, l’intervista

Culture - Riccardo Conte 18.3.24
Consumo di contenuti p0rn0 con persone trans nel mondo - dati forniti da Pornhub

L’Italia è la nazione che guarda più p0rn0 con persone trans*

News - Redazione Milano 20.4.24
Trace Lysette e Colman Domingo celebrati da The Human Rights Campaign per il loro attivismo LGBTQIA+ - Colman Domingo e Trace Lysette - Gay.it

Trace Lysette e Colman Domingo celebrati da The Human Rights Campaign per il loro attivismo LGBTQIA+

Culture - Redazione 5.2.24
Giocattoli gender neutral

Finalmente arriva la sezione per giocattoli gender neutral

News - Redazione Milano 4.1.24
Tommy Dorfman (TIME)

Tommy Dorfman accusa la Delta Air Lines di transfobia

Cinema - Redazione Milano 3.1.24
Tommy Dorfman ha sposato l'amata Elise: "Celebriamo l'amore trans e queer con il mondo" - Tommy Dorfman ha sposato lamata Elise - Gay.it

Tommy Dorfman ha sposato l’amata Elise: “Celebriamo l’amore trans e queer con il mondo”

Culture - Redazione 6.5.24