Non sono una Signora zittisce i gufi e il governo Meloni. Il drag show Rai è un successo Auditel

Ascolti in crescita dopo il già ottimo esordio della prima puntata. Chi pronosticava un disastro sarà costretto a ricredersi! E ora come fare a non rinnovarlo per una 2a stagione?

ascolta:
0:00
-
0:00
Non sono una signora
Non sono una signora
2 min. di lettura

Non sono una Signora zittisce i gufi e il governo Meloni. Il drag show Rai è un successo Auditel - Non sono una Signora Alba Parietti 2 - Gay.it

Otto mesi d’attesa per vederlo andare in onda, causa nuovo governo e nuova impronta Rai decisa dall’esecutivo Meloni. Non sono una Signora, drag show condotto da Alba Parietti, ha seriamente rischiato di non vedere mai la luce, pur essendo stato interamente registrato lo scorso ottobre. Poi improvvisamente il punto d’incontro, con una prima serata su Rai2 in piena estate, quando le case degli italiani tendono a svuotarsi e le tv a spegnersi.

Ma qualcosa è andato storto, nella narrativa giornalistica che immaginava un flop e in quella governativa che il flop se lo augurava, perché Non sono una Signora è piaciuto, diventando presto virale sui social. Applaudito dalla comunità LGBTQIA+, che ne ha apprezzato specifiche accortezze, e soprattutto dal pubblico del servizio pubblico.

La prima puntata del 29 giugno scorso è stata vista da 987.000 telespettatori, con il 6,56% di share. Un buon risultato per la seconda rete. Con la 2a puntata era lecito attendersi un fisiologico calo, perché sfumata la curiosità del debutto molti telespettatori avrebbero potuto accomordarsi altrove. E invece ieri sera l’Auditel è cresciuto, con 1.054.000 telespettatori e il 7,50% di share. Segno di un passaparola e di un apprezzamento reale, in grado di andare oltre la cosiddetta bolla social, a conferma della bontà del format e dell’intuizione di Stefano Coletta, che diede il via libera ad un progetto che vede Nicolo Cerioni, qui da noi intervistato, direttore artistico e Alba Parietti, qui da noi intervistata, conduttrice.

All’appello mancano tre puntate, compresa la finalissima ad oggi conquistata dalle drag She Funk e The Nancies (si pensa possano essere Andreas Muller e il duo Gigi e Ross), mentre in queste prime due puntate sono state svelate (ATTENZIONE SPOILER) le drag Rocco Siffredi, Sergio Múñiz, Lorenzo Amoruso, Patrizio Rispo, Fabio Fulco, Paolo Ciavarro, un super Filippo Nardi e Roberta Capua, per il momento unica donna vista in gara.

Adattamento nostrano del format “Make Up Your Mind”, prodotto in collaborazione con Fremantle, “Non sono una signora” vede ogni puntata 5 celebrità del mondo dello spettacolo trasformarsi in splendide Drag Queen. 4 concorrenti a puntata vengono svelati, mentre la drag vincitrice si contenderà lo scettro nell’ultima puntata che riunirà le migliori drag viste fino a quel momento sul palco. A giudicarle ci sono 3 giurate drag professioniste, ovvero Vanessa Van Cartier, 42enne drag queen belga-olandese campionessa della 2a edizione di Drag Race Holland che nei mesi scorsi aveva polemizzato con l’attuale governo per i continui rinvii, Maruska Starr, vista nel “muro” di “All Together now”, ed Elecktra Bionic, prima storica vincitrice di Drag Race Italia. Al fianco della giuria di ‘esperte’ c’è una giuria vip, composta da Cristina D’Avena e Sabrina Salerno, Mara Maionchi e Filippo Magnini. Solo le giurate drag sanno chi siano davvero questi personaggi, dietro trucco e parrucco.

Giovedì prossimo 3a puntata, con l’obiettivo di fare ancora meglio della 2a. Perché Non sono una Signora, così a lungo incredibilmente osteggiato,  così fresco, leggero e scorrevole ma al tempo stesso in grado di veicolare importanti messaggi di inclusione e accettazione, si sta meritatamente conquistando lo scettro di programma televisivo di questa estate. E a questo punto come fare a non rinnovarlo per una 2a stagione?

 

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

discorso-d-odio-politici-europei

Discorso d’odio anti-LGBTQIA+ in crescita nelle aule istituzionali europee: “I diritti umani sono in discussione”

News - Francesca Di Feo 1.3.24
Ghana legge anti LGBTI approvata dal parlamento

Ghana, il parlamento approva la legge anti-LGBTI, il Presidente Akufo-Addo firmerà?

News - Giuliano Federico 28.2.24
Due megattere maschio fanno sesso, storico primo avvistamento alle Hawaii (FOTO) - Due megattere maschi fanno sesso storico primo avvistamento alle Hawaii - Gay.it

Due megattere maschio fanno sesso, storico primo avvistamento alle Hawaii (FOTO)

News - Redazione 1.3.24
Cannes 2024, Xavier Dolan presidente di giuria Un Certain Regard - Xavier Dolan - Gay.it

Cannes 2024, Xavier Dolan presidente di giuria Un Certain Regard

News - Federico Boni 1.3.24
Eurovision 2024, Il Regno Unito vuole la vittoria con Dizzy di Olly Alexander. Il video ufficiale - olly alexander - Gay.it

Eurovision 2024, Il Regno Unito vuole la vittoria con Dizzy di Olly Alexander. Il video ufficiale

Culture - Redazione 1.3.24
Mary & George, Oliver Hermanus e le scene di sesso gay: "Orge difficili da coreografare, le volevo autentiche" - Mary e George cover - Gay.it

Mary & George, Oliver Hermanus e le scene di sesso gay: “Orge difficili da coreografare, le volevo autentiche”

Serie Tv - Federico Boni 1.3.24

Hai già letto
queste storie?

Intervista a Lina Galore, vincitrice di Drag Race Italia - Sessp 13 - Gay.it

Intervista a Lina Galore, vincitrice di Drag Race Italia

News - Federico Colombo 29.12.23
foto:Cosimo Buccolieri

Paolo Camilli: “Quando prendevo un lenzuolo e diventavo la principessa Serenity di Sailor Moon” – Intervista

Culture - Riccardo Conte 9.11.23
RuPaul’s Drag Race 16, Charlize Theron in difesa dell'arte drag: "L'odio distrugge, l'amore costruisce". VIDEO - Charlize Theron - Gay.it

RuPaul’s Drag Race 16, Charlize Theron in difesa dell’arte drag: “L’odio distrugge, l’amore costruisce”. VIDEO

Culture - Redazione 8.1.24
Sammy Mahdi, il politico belga di destra che ha vinto lo show drag Non sono una Signora - Sammy Mahdi - Gay.it

Sammy Mahdi, il politico belga di destra che ha vinto lo show drag Non sono una Signora

News - Redazione 28.9.23
paramount

Drag Race Italia contro mascolinità tossica e omobitransfobia: “Abbattiamo i muri e facciamo rumore”

Culture - Redazione Milano 10.10.23
FEMME (UTOPIA)

Femme è il thriller queer in drag di cui abbiamo bisogno, il trailer – VIDEO

Cinema - Redazione Milano 16.2.24
posta svagata

Posta Svagata: “Come inizio a fare drag?”

Guide - Riccardo Conte 7.10.23
Martano, omofobia ai danni della drag queen Tekemaya: "Mi veniva da piangere e mi son sentita male" - Tekemaya - Gay.it

Martano, omofobia ai danni della drag queen Tekemaya: “Mi veniva da piangere e mi son sentita male”

News - Redazione 6.12.23