Nuova Zelanda, dalle elezioni un Parlamento LGBT-friendly. Ma c’è già chi lo critica (in Italia)

La Nuova Zelanda, con le elezioni di sabato, si guadagna il Parlamento più LGBT al mondo. E qualcuno ritira fuori il pericolo dell'ideologia gender.

nuova zelanda
Nuove elezioni in Nuova Zelanda, con un Parlamento LGBT.
2 min. di lettura

LGBT-friendly. Multietnico. Maggior parte dei membri saranno millennials. Questa la composizione del nuovo Parlamento in Nuova Zelanda, dopo la vittoria alle elezioni del Partito Laburista, sabato scorso.

Protagonista di questa grande svolta è Jacinda Ardern, di nuovo primo ministro della Nuova Zelanda e grande icona LGBT che in campagna elettorale aveva assicurato un impegno sul campo dei diritti civili, tra cui anche l’abolizione delle terapie di conversione. Con 64 seggi su 120, questo nuovo Parlamento di stampo laburista potrà assicurare l’inclusività e la non discriminazione delle minoranze, a partire proprio dai palazzi del potere.

Infatti, la prima novità si trova proprio all’interno del Parlamento. Il 48% dei nuovi membri è di sesso femminile, mentre un 10% si è identificato come appartenente alla comunità LGBT. Alto anche il numero di persone non bianche, e sarà presente un deputato di origine africana, primo nella storia politica della Nuova Zelanda. Altri deputati provengono dallo Sri Lanka, dal Messico, e oltre una ventina sono maori. Infine, la maggior parte dei parlamentari sono nati tra il 1981 e il 1996, i cosiddetti Millennials.

Con il 10% dei deputati LGBT, quello neozelandese sarà il Parlamento “più arcobaleno” al mondo. Per altri, invece, si parla di una deriva:

Prima della scorsa estate anche in questo caso era stato il partito di coalizone NZ Nation First a bloccare ogni deriva laburista che mettesse in pericolo la libertà di espressione.

Le critiche in Italia dopo le elezioni in Nuova Zelanda

Naturalmente, qualcuno di scontento c’è sempre, anche di fronte a una vittoria di un governo che punta a uguali diritti per tutti.

E dalla Nuova Zelanda in Italia, a quasi 20.00 km di distanza, ci pensano i noti conservatori anti-LGBT dal quotidiano la Nuova Bussola Quotidiana. E come sempre, portano avanti la loro crociata contro l’ideologia gender, denunciando come la Arden ora porterà avanti limitazioni e vincoli:

a tutti coloro che si oppongono all’ideologia LGBTI.

Le novità del Parlamento per la comunità LGBT

Le novità che la Nuova Zelanda vuole introdurre:

Bagni neutri, senza distinzione, per le persone transgender. Bando delle terapie riparative. Assistenza sanitaria specializzata per persone trans e intersex. Nuova riforma per il sistema delle adozioni, nuove politiche per la maternità surrogata e un fondo per la salute mentale dei giovani LGBT.

E così spiega la Nuova Bussola Quotidiana.

Le intenzioni dei Laburisti arcobaleno sono inquietanti, perciò la gran cassa dei mass media internazionali suona la fanfara: una vittoria ‘inclusiva’.

Perché per loro, tutto questo non è visto come inclusione, ma come l’imposizione dell’ideologia gender. Inclusione, termine molto utilizzata dalla Prima Ministra Ardern, per i nostri conservatori appare come una brutta parola, una bestemmia, così come tutto quello che riguarda l’ampliamento dei diritti.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Foto: SchiDechDaily

Parità di genere nella Preistoria? Le donne erano cacciatrici come gli uomini (e anche meglio!)

News - Redazione Milano 20.2.24
Eurovision 2024 Eden Golan October Rain

Boicottare Eurovision 2024 e la partecipazione di Israele? “October rain” di Eden Golan va esclusa?

Musica - Redazione Milano 27.2.24
FOTO: LUKE GILFORD

Kim Petras risponde ai commenti sessisti e transfobici: “Siete la piaga del pianeta”

Musica - Redazione Milano 26.2.24
Olivia Rodrigo in bad idea right? (2023)

Olivia Rodrigo è la rockstar (e attivista) che meritiamo: il suo Guts Tour contro le leggi anti-aborto

Musica - Riccardo Conte 26.2.24
Roberto Vannacci accusato di istigazione all'odio e difeso dalla Lega di Salvini

“Vannacci ha istigato all’odio razziale” l’accusa, la Lega di Salvini lo difende

News - Redazione Milano 26.2.24
I film LGBTQIA+ della settimana 26 febbraio/3 marzo tra tv generalista e streaming - film queer - Gay.it

I film LGBTQIA+ della settimana 26 febbraio/3 marzo tra tv generalista e streaming

News - Federico Boni 26.2.24

Continua a leggere

Addio a Giorgio Napolitano, il presidente che per primo si spese contro l'omobitransfobia - Presidente Napolitano - Gay.it

Addio a Giorgio Napolitano, il presidente che per primo si spese contro l’omobitransfobia

News - Redazione 22.9.23
L’oblio oncologico è legge: un dialogo con l’attivista Laura Marziali - Sessp 11 - Gay.it

L’oblio oncologico è legge: un dialogo con l’attivista Laura Marziali

Corpi - Federico Colombo 28.12.23
Sammy Mahdi, il politico belga di destra che ha vinto lo show drag Non sono una Signora - Sammy Mahdi - Gay.it

Sammy Mahdi, il politico belga di destra che ha vinto lo show drag Non sono una Signora

News - Redazione 28.9.23
Luca Trapanese replica a Roccella: “Sono seriamente preoccupato, considero l’idea di lasciare l’Italia” - Luca Trapanese replica a Roccella - Gay.it

Luca Trapanese replica a Roccella: “Sono seriamente preoccupato, considero l’idea di lasciare l’Italia”

News - Redazione 11.9.23
papa-francesco-persone-trans

Papa Francesco come Giorgia Meloni: “Teorie gender pericolosissime, GPA da proibire a livello universale”

News - Redazione 8.1.24
reintegrato-coordinatore-cittadino-fdi-omofobo

Dentro Fratelli d’Italia se sei omofobo fai carriera: la storia di Alessio Butti

News - Francesca Di Feo 1.12.23
donald-trump

Cancellata la norma voluta da Donald Trump che consentiva ai medici di negare le cure ai pazienti LGBT+

News - Redazione 12.1.24
Pro Vita, nuovi aberranti manifesti contro la carriera alias a Roma: "Basta confondere l'identità sessuale dei bambini" - Pro Vita nuovi aberranti manifesti contro la carriera alias a Roma - Gay.it

Pro Vita, nuovi aberranti manifesti contro la carriera alias a Roma: “Basta confondere l’identità sessuale dei bambini”

News - Redazione 22.11.23