Arcilesbica senza vergogna: “Cira non può essere descritta come uomo solo perché si faceva chiamare Ciro”

ArciLesbica Nazionale torna sul tema della transessualità attaccando Ciro, compagno FtoM della povera Maria Paola, uccisa dal fratello.

arcilesbica
2 min. di lettura

Da ieri non si parla d’altro: il caso di Caivano. La morte di Maria Paola Gaglione. L’incidente di Maria Paola e Ciro, per mano del fratello. E la solita confusione e le solite polemiche, per Ciro, ragazzo trans e compagno di Maria Paola, che ora è in ospedale dopo essere stato speronato dal fratello della donna. E ad attaccare Ciro e il suo identificarsi come ragazzo, è intervenuta tra tutti anche ArciLesbica Nazionale.

L’associazione si è di fatto scagliata contro Ciro, definendolo Cira (in quanto, per loro, donna) e parlando di lui al femminile.

Il commento di ArciLesbica Nazionale

Arcilesbica senza vergogna: "Cira non può essere descritta come uomo solo perché si faceva chiamare Ciro" - post arcilesbica 1 - Gay.it

Nel post Facebook di Tiziana Giangrande, condiviso poi da ArciLesbica Nazionale, si spiega:

Oggi la notizia terribile male narrata dell’aggressione selvaggia di due ragazze che si amavano. 

Come a voler mettere subito in chiaro che si tratta di una relazione lesbica. Poi, però, l’omicidio di Maria Paola passa in secondo piano, perché il problema è Ciro. Il fratello di Maria Paola è l’assassino. Ed è da condannare.

Ma parliamo di Cira, ora. Perché, secondo Tiziana Giangrande e ArciLesbica Nazionale, la storia riguarda due ragazze lesbiche.

Due ragazze di sesso femminile che stavano insieme non si possono descrivere con il termine gay perché erano lesbiche e Ciro era Cira, perciò non poteva resistere alle botte di Antonio maschio di sesso maschile senza scrupoli.

Una mancanza di rispetto ignobile, dove si sottolinea sempre “maschio di sesso maschile” o “ragazze di sesso femminile”, mostrando una transfobia quasi incredibile.

Cira non può essere descritta come uomo solo perché si faceva chiamare Ciro. Le ferite del suo corpo di donna la raccontano chiaramente.

Le aberranti ragioni addotte da Antonio a sua giustificazione ci dovrebbero far riflettere su quanta intolleranza si riversa sulle donne che scelgono strade diverse da quelle imposte alle femmine dal sistema vigente. Donne che hanno pagato un prezzo caro, Maria Paola ha perso la vita, perché sono Donne e poi per lo stigma che il loro ambiente derivato impone alle donne lesbiche. Ciro perchè? Cira immersa in un contesto socio culturale dove che, se non sei una donna allora sei un uomo, Cira, ha pensato che bastasse cambiare nome per resistere al disumano odio rivolto a ciò che restava della sua femminilità.

E per finire, conclude con un “rest in peace” dove ancora una volta si abbatte la transfobia:Cira ha perso la sua compagna, riposa in pace giovane donna“.

Contro ArciLesbica anche Orgoglio Bisessuale

Ad attaccare Arcilesbica Nazionale per il suo post disumano, quasi alla pari con quello vomitato ieri da Meloni, Salvini e Pillon, anche la pagina Facebook Orgoglio Bisessuale, che commenta semplicemente:

E ancora una volta le TERF si tuffano in picchiata come avvoltoi per ricamare su una tragedia e sputare il loro odio transfobico.

Con TERF (Trans-exclusionary radical feminism) si identifica una minoranza di femministe che non considerano le donne trans come vere donne. Le stesse femministe considerano però TERF come in insulto.

Arcilesbica senza vergogna: "Cira non può essere descritta come uomo solo perché si faceva chiamare Ciro" - orgoglio - Gay.it

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.
Avatar
Rebecca Mansueto 15.9.20 - 20:41

Salve, a lato dalla vicenda vorrei far notare che simili pseudoumani di genere femminile armati di ignoranza e pregiudizio da tempo non sono più definibili femministe, dato che considerano le donne solo in quanto utero ambulante, riducendone la esistenza a mero strumento di riproduzione privo di identità, quindi TERF non è più un acronimo attuale, nel mondo anglofono sta diventando sempre più diffuso l'uso di FART per definire queste pericolose persone, ovverosia Feminism-Appropriating Reactionary Transphobes (transfobiche reazionari usurpatrici del femminismo), molto più appropriato. Da donna lesbica, femminista e intersessuale essere accostata a tale gentaglia provo solo malessere!

Trending

Lo sportello Arcigay per studenti LGBTQIA+ ha il supporto di Sephora - Sephora bigmama - Gay.it

Lo sportello Arcigay per studenti LGBTQIA+ ha il supporto di Sephora

News - Gay.it 14.6.24
Alex Wyse in concerto

Alex Wyse contro i pregiudizi: “Siate liberi di essere ciò che siete. Nessuno può porci confini”

Musica - Emanuele Corbo 13.6.24
Mahmood Ra Ta Ta e marijuana

Mahmood RA TA TA, bimbi senza mamma, una faccia mulatta e la marjuana

Musica - Emanuele Corbo 14.6.24
Erika Colaianni e la compagna Manuela si sposano

Erika Colaianni e la compagna Manuela si sposano! La proposta di matrimonio durante il concerto di Ultimo – video

Culture - Luca Diana 15.6.24
Niente Olimpiadi di Parigi 2024 per Lia Thomas, la decisione del CAS contro la nuotatrice trans - Lia Thomas - Gay.it

Niente Olimpiadi di Parigi 2024 per Lia Thomas, la decisione del CAS contro la nuotatrice trans

Corpi - Redazione 14.6.24
Tiziano Ferro ospite di Voci Parallele

Giuni Russo “Voci Parallele”: Tiziano Ferro, Irene Grandi e tutti gli ospiti del concerto in ricordo di un’artista immensa

Musica - Emanuele Corbo 12.6.24

Continua a leggere

Lombardia, si discute mozione Lega contro la Triptorelina per affermazione di genere di minori: ma è un atto precluso alle regioni - Transgender triptorelina - Gay.it

Lombardia, si discute mozione Lega contro la Triptorelina per affermazione di genere di minori: ma è un atto precluso alle regioni

News - Redazione 7.5.24
Perù, le persone trans, non binarie e intersessuali saranno ora classificate come “malate di mente” - Azul Rojas Marin - Gay.it

Perù, le persone trans, non binarie e intersessuali saranno ora classificate come “malate di mente”

News - Redazione 16.5.24
Daniel Radcliffe e la transfobia di J.K. Rowling: "Mi intristisce, sosterrò sempre le persone LGBTQ" - Daniel Radcliffe e Rowling - Gay.it

Daniel Radcliffe e la transfobia di J.K. Rowling: “Mi intristisce, sosterrò sempre le persone LGBTQ”

Culture - Redazione 2.5.24
La Vita che Volevi, intervista a Ivan Cotroneo: "Raccontare storie di persone trans è un atto civile e politico" - La Vita che Volevi VITTORIASCHISANO IVANCOTRONEO - Gay.it

La Vita che Volevi, intervista a Ivan Cotroneo: “Raccontare storie di persone trans è un atto civile e politico”

Serie Tv - Federico Boni 28.5.24
La figlia dell'ex leader del Ku Klux Klan fa coming out come donna transgender - La figlia dellex leader del Ku Klux Klan fa coming out come donna transgender - Gay.it

La figlia dell’ex leader del Ku Klux Klan fa coming out come donna transgender

News - Redazione 13.5.24
gran-bretagna-giovani-trans

Scozia, 1 giovane trans su 3 non si sente al sicuro negli spazi pubblici

News - Francesca Di Feo 12.4.24
American Idol, Amari racconta la sua storia di donna transgender e commuove Katy Perry (VIDEO) - American Idol - Gay.it

American Idol, Amari racconta la sua storia di donna transgender e commuove Katy Perry (VIDEO)

Musica - Redazione 20.3.24
@spartaco._

Il mondo gamer raccontato da Jessica G. Senesi: tra autoironia e inclusività

News - Riccardo Conte 1.2.24