Nell’omofobo Bangladesh apre un college per studentə transgender

Il Bangladesh è un Paese altamente omofobo, ma riconosce alcuni diritti alle persone trans, che sarebbero 1,5 milioni.

bangladesh
In Bangladesh apre un college per persone trans.
2 min. di lettura

Il Bangladesh, Paese noto per i suo rifiuto a percorrere la strada dei diritti civili, ha aperto un college islamico per studentə transgender. L’istituto si chiama Dawatul Quran Third Gender Madrasa e si trova nella città di Dhaka, la capitale. Aperto il 6 novembre, il nuovo college ha ricevuto l’iscrizione di 40 studentə trans solo il primo giorno, e in totale dovrebbe ospitarne 150.

In Bangladesh, le persone transgender vengono quotidianamente discriminate, e non è raro che gli studenti non binari vengano espulsi da scuola.

Studenti trans espulsi da scuola in Bangladesh

L’espulsione è quello che è successo a Nishi, ragazza trans di 27 anni del Bangladesh, cacciata dall’istituto dopo la scoperta della sua identità di genere. Nishi se n’è andata di casa che non aveva nemmeno 10 anni. Ha dovuto arrangiarsi per tutta la sua vita, e per questo trovare un college che la accetta è un “momento di immensa gioia per me“.

Un’altra ragazza trans ha spiegato:

La società ci tratta nei modi più odiosi. Ci viene negato ogni amore o felicità. Non possiamo esprimere i nostri dolori. Nessuno capirebbe. Non ci è permesso entrare nelle moschee. Se alcuni di noi entra, spesso le altre persone ci umiliano. Come umano e musulmana, mi chiedo perché non ci è permesso di far parte della società?

E il fondatore della scuola in Bangladesh, Abdur Rahman Azad, il primo giorno di lezione ha fatto un discorso agli studenti iscritti:

Spesso diamo la colpa agli hijra (persone transgender) per il loro presunto stile di vita indisciplinato. Ma non sono loro da incolpare, credo. Piuttosto, noi come società dobbiamo essere incolpati. Non lasceremo che frequentino scuole, seminari o università. Non lasceremo loro un lavoro decente. Cos’altro farebbero?

Senza un’istruzione, le persone trans del Bangladesh sono costrette a una vita povera, senza una casa, senza una famiglia, senza possibilità di realizzare i propri sogni. Attraverso il nuovo college, ogni studentə trans avrà la possibilità di studiare e di trovare un lavoro in linea con le sue doti.

Uno dei Paesi meno inclusivi

Il Bangladesh non riconosce alcun diritto o forma di tutela alla comunità LGBT. Solo per le persone transgender, che sarebbero 1,5 milioni, sono stati riconosciuti delle forme di inclusione.

Con il termine Hijra“, ad esempio, è stato riconosciuto un terzo genere, utile in particolare durante il voto. In questo modo, infatti, un elettore potrà votare registrandosi con la propria d’identità, nel caso in cui il genere sia diverso da quello dato alla nascita.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.
Avatar
Franzc Dereck 16.11.20 - 17:59

Questi Paesi e la cultura del sub continente Indiano ha da sempre consolidata l'accettazione , a certe condizioni , delle "Jira". Le condizioni sono come quelle dei popoli Amerindi ed Arabi cioè fenomeni da baraccone che recitano , cantano e ballano , e siano di compagnia alle donne chiuse nei loro ginecei. Ma quando andiamo all'accettazione dell'omosessualità , quello è un ben altro discorso !

Trending

Andrea Bossi con la sua amica Serena - foto dal canale TikTok pubblico di Serena

Andrea Bossi, l’omicidio di un ragazzo queer, ucciso soltanto per un pugno di gioielli?

News - Giuliano Federico 2.3.24
Federico Massaro, Grande Fratello

Grande Fratello, il messaggio di Federico Massaro per il fratello transgender

Culture - Luca Diana 29.2.24
stati-uniti-transfobia-omofobia-antisemitismo-e-suprematismo-bianco-dilagano-nelle-fila-del-partito-repubblicano (2)

Stati Uniti: transfobia, omofobia, antisemitismo e suprematismo bianco dilagano nel Partito Repubblicano

News - Francesca Di Feo 1.3.24
Cannes 2024, Xavier Dolan presidente di giuria Un Certain Regard - Xavier Dolan - Gay.it

Cannes 2024, Xavier Dolan presidente di giuria Un Certain Regard

News - Federico Boni 1.3.24
I SAW THE TV GLOW (2024)

I Saw The Tv Glow: guarda il trailer dell’attesissimo film horror trans* – VIDEO

Cinema - Redazione Milano 29.2.24
Mary & George, Oliver Hermanus e le scene di sesso gay: "Orge difficili da coreografare, le volevo autentiche" - Mary e George cover - Gay.it

Mary & George, Oliver Hermanus e le scene di sesso gay: “Orge difficili da coreografare, le volevo autentiche”

Serie Tv - Federico Boni 1.3.24

I nostri contenuti
sono diversi

tdor italia 2023 dati odio transfobico

TDOR, l’Italia è il paese con più crimini verso persone trans* in Europa insieme alla Turchia

News - Redazione Milano 20.11.23
cover-meloni-africa

Vertice Italia-Africa e Piano Mattei: il Governo Meloni stringe accordi con 23 paesi che criminalizzano l’omosessualità

News - Francesca Di Feo 29.1.24
FOTO: LUKE GILFORD

Kim Petras risponde ai commenti sessisti e transfobici: “Siete la piaga del pianeta”

Musica - Redazione Milano 26.2.24
transfobia

Transfobia in Italia: cosa ci dicono i dati?

Guide - Redazione Milano 7.11.23
"I gay sono dei perveriti", e la Corte bulgara dà ragione alla cantante Milena Slavova - Milena Slavova - Gay.it

“I gay sono dei perveriti”, e la Corte bulgara dà ragione alla cantante Milena Slavova

News - Redazione 13.10.23
albania-diritti-lgbtqia

Albania, tutte le promesse non mantenute dal governo in ambito di diritti LGBTQIA+

News - Francesca Di Feo 5.1.24
Jacob Elordi Frankestein Giullermo Del Toro

Jacob Elordi sarà Frankenstein nel 2024, cosa sappiamo del cult queer diretto da Guillermo Del Toro.

Cinema - Redazione Milano 8.1.24
Foto: MARTIN BUREAU

Grindr si fa più inclusivo per le persone trans* (ma è già polemica!)

News - Redazione Milano 8.2.24