Oppressione, aggressioni, suicidi: così la Polonia devasta la comunità Lgbt+

Lo scioccante report dell'Università di Varsavia: l'ennessimo grido di dolore.

polonia lgbtq+ europa diritti unione europea varsavia università paesi omofobi depressione suicidio
gay.it polonia lgbtq+ europa diritti unione europea varsavia università paesi omofobi depressione suicidio oppressione
3 min. di lettura

Le cose, per la Polonia, vanno molto male. Violenze, depressioni, suicidi. La fotografia della comunità Lgbt polacca nel mirino del suo governo è sconfortante. Lo riportano i ricercatori del Centro di ricerche sui pregiudizi dell’Università di Varsavia.

 

Le persone Lgbt da anni ormai sono il bersaglio preferito dal governo guidato dal partito della destra populista, Diritto e giustizia (Pis).

 

Dalle zone libere da Lgbt+ (guarda inchiesta della Rai) alle dichiarazioni del Governo, che hanno avuto come obiettivo unico quello di disumanizzare una minoranza: “sono una minaccia per le famiglie ma anche per bambini“, “sessualizzano i bambini“, “minacciano l’identità naturale di ragazzi e ragazze“. Tutto questo, in sinergia con la Chiesa cattolica polacca, che negli ultimi ha fortificato un linguaggio feroce, alimentando odio e paura. La Congregazione episcopale polacca ha invocato la creazione di “cliniche per aiutare i gay a ritrovare il proprio naturale orientamento sessuale” mentre l’arcivescovo Marek Jędraszewski, importante figura della Chiesa polacca, ha definito “l’ideologia LGBT” una “piaga arcobaleno” paragonabile alla “piaga rossa” del comunismo. Ma con quali effetti?

 

Vite nascoste

L’ultimo studio sulle condizioni di vita della società arcobaleno polacca risalgono al 2017. Durante questi quattro anni il clima è cambiato, in peggio. Oggi le persone LGBT+ vivono nella paura: il 37% di loro nasconde il proprio orientamento sessuale o identità di genere a tutta la famiglia (quattro anni fa era il 33%). Diminuiscono le persone trans* che fanno coming-out il 46% (in precedenza il 56%). E cala anche l’accettazione del coming-out in famiglia, solo il 61% delle madri ed il 54% dei padri accolgono i propri figli.

Vite occultate, lontane dallo sguardo delle famiglie, ma anche dei vicini, dei colleghi di lavoro e dai medici. Quasi la metà delle persone trans* raccontano di essere state maltrattate in una clinica o in un ospedale e invitate ad accettare il genere assegnato loro alla nascita. In contemporanea sono in aumento i percorsi di terapia di conversione per gay e lesbiche.

 

 

“Morirai tra tre giorni”

Sono stato sputato da un vicino di casa davanti a un negozio di quartiere, intorno a me la gente urlava insulti e minacce“. “Ho trovato un pezzo di carta sotto la porta dell’ufficio: morirai tra tre giorni“. “Sono stato preso a calci da un ragazzo”. Le storie raccolte nel report dell’Università di Varsavia descrivono un paese dove più della metà delle persone Lgbt è vittima di odio omotransfobico. E mentre aumentano le aggressioni verbali, le umiliazioni, aumentano anche le violenze sessuali (nel 2017 il 14%, 2021 – 22%, considerando il blocco pandemico che ha congelato le violenze per qualche mese).

Genitori e amici stanno diventando più radicali, ripetono sciocchezze sull’ideologia LGBT, per loro siamo una minaccia e ci considerano pedofili“, spiega Mirosława Makuchowska, vicepresidente Kampania Przeciw Homofobii (Campagna contro l’omofobia; KPH) “Inevitabilmente tutto questo porta a forti discussioni e i giovani molto spesso devono lasciare le loro case“. Quasi il 10% degli intervistati è stato buttato fuori casa, mentre il 20% è scappato.

 

 

“Non mi fido della polizia”

Il 97% di questi crimini non viene denunciato. Questo perché il 51% degli intervistati non ha fiducia nella polizia mentre il 35% teme di non essere presa sul serio.
Lo studio sottolinea anche un legame forte tra omotransfobia e sintomi di depressione. La percentuale di persone con sintomi gravi di depressione è aumentata del 16% e a una persona su due ha avuto una diagnosi da depressione. Va peggio per chi vive nelle “LGBT-Free Zone” dove il 55% ha dichiarato di aver pensato al suicidio (rispetto al 45% nel 2017). In attesa di un colpo di reni da parte della comunità europea, quella arcobaleno polacca sogna la fuga: una persona su dieci ha pianificato di lasciare il paese in modo permanente.

 

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

I film LGBTQIA+ della settimana 24/30 giugno tra tv generalista e streaming - film queer 2 - Gay.it

I film LGBTQIA+ della settimana 24/30 giugno tra tv generalista e streaming

Culture - Federico Boni 24.6.24
Fabio Marida Damato Chiara Ferragni Diletta Leotti Elodie

Chiara Ferragni e Fabio Maria Damato insieme al matrimonio tra Diletta Leotta e Loris Karius

Lifestyle - Mandalina Di Biase 23.6.24
@milanopride

Perché il Milano Pride non ha madrine e padrini? Le comunità ebraiche queer ci saranno? Intervista

Lifestyle - Riccardo Conte 24.6.24
Luca Guadagnino parla di Queer: "È il mio film più personale, ci sono scandalose scene di sesso" - luca guadagnino pesarofilmfest 60 22giu2024 ph luigi angelucci 010 - Gay.it

Luca Guadagnino parla di Queer: “È il mio film più personale, ci sono scandalose scene di sesso”

Cinema - Redazione 24.6.24
Calciatori Gay Coming Out - Rosario Coco di Out Sport spiega perché non bisogna forzare

Calciatori gay in Nazionale, calciatori gay ovunque: perché non bisogna forzare

Lifestyle - Giuliano Federico 20.6.24
aggressione-foggia-intervista

Foggia, parla Alessandro, vittima dell’aggressione: “Trasformiamo la violenza in sogno” – intervista

News - Francesca Di Feo 21.6.24

Continua a leggere

Milano Pride 2024, regione Lombardia conferma il no al patrocinio e alla fascia istituzionale: "Senza vergogna" (VIDEO) - Milano Pride 2024 - Gay.it

Milano Pride 2024, regione Lombardia conferma il no al patrocinio e alla fascia istituzionale: “Senza vergogna” (VIDEO)

News - Redazione 19.6.24
Claudia Sheinbaum prima donna presidente del Messico, qual è la sua posizione sui diritti LGBTQIA+? - Claudia Sheinbaum 1 - Gay.it

Claudia Sheinbaum prima donna presidente del Messico, qual è la sua posizione sui diritti LGBTQIA+?

News - Redazione 4.6.24
Gabriel Attal

Gabriel Attal, luci e ombre del Primo Ministro francese gay che piace alla destra

News - Lorenzo Ottanelli 11.1.24
Dopo la querela di Paola Egonu, Vannacci si scusa con la pallavolista: "È un'italiana di cui andiamo orgogliosi" - Dopo la querela Vannacci si scusa con Paola Egonu - Gay.it

Dopo la querela di Paola Egonu, Vannacci si scusa con la pallavolista: “È un’italiana di cui andiamo orgogliosi”

News - Redazione 14.5.24
Poliziotto costretto ad esami psichiatrici per verificare se fosse gay, il Tar condanna il ministero - carcere - Gay.it

Poliziotto costretto ad esami psichiatrici per verificare se fosse gay, il Tar condanna il ministero

News - Redazione 18.4.24
Galatina, insulti omofobi sul muro della sede Pd: "Meglio leghista che comunista fr*cio" - NON TOLLERIAMO ANCORA OMOFOBIA IN CAMPAGNA ELETTORALE - Gay.it

Galatina, insulti omofobi sul muro della sede Pd: “Meglio leghista che comunista fr*cio”

News - Redazione 27.5.24
La Lega presenta una proposta di legge per "vietare l'insegnamento delle teorie gender nelle scuole" - Laura Ravetto - Gay.it

La Lega presenta una proposta di legge per “vietare l’insegnamento delle teorie gender nelle scuole”

News - Redazione 24.5.24
Luca Paladini insultato da consigliere leghista in aula: "Pezzo di m*rda". Poi l'aula approva la mozione transfobica (VIDEO) - Luca Paladini - Gay.it

Luca Paladini insultato da consigliere leghista in aula: “Pezzo di m*rda”. Poi l’aula approva la mozione transfobica (VIDEO)

News - Redazione 8.5.24