Patteef: il collagista che ama i tatuaggi e l’arte sacra

Patteef ci parla di 5-Minute Collages, il suo progetto di collage che mescola l'arte sacra con la cultura dei tatuaggi.

Patteef: il collagista che ama i tatuaggi e l'arte sacra - cover pattef - Gay.it
4 min. di lettura

Patteef è un collagista digitale di Anversa, 5-Minute Collages è il suo progetto artistico il cui scopo è quello di analizzare il momento in cui rallentiamo il movimento del pollice mentre scorriamo il feed di Instagram: l’artista afferma che è fonfamentale l’attimo sufficiente a far scegliere al tuo cervello di visualizzare e soffermarsi su un immagine.

Patteef: il collagista che ama i tatuaggi e l'arte sacra - image 6487327 3 - Gay.it
I collage digitali di Patteef mescolano l’arte sacra dei vecchi maestri con la cultura popolare dei tatuaggi;
il montaggio prende forma su un iPhone e viene completato in soli 5 minuti. Un’immagine composita che ti fa guardare le differenze e le somiglianze tra il passato e presente.
Conosciamolo meglio.

Patteef: il collagista che ama i tatuaggi e l'arte sacra - 116F3838 5E99 48D9 A496 9AF197E19D8A scaled - Gay.it

Quale è il tuo concetto di arte?
Con la portata mondiale di utenti mensili, era inevitabile che Instagram cambiasse il mondo dell’arte.
La piattaforma di foto è stata a lungo accusata dagli outsider di alimentare la cultura del selfie narcisistico.
Instagram e i suoi utenti stanno cambiando il modo in cui viviamo e condividiamo le nostre visite alle mostre, come guardiamo l’arte in generale. La piattaforma offre un palcoscenico globale per una nuova generazione che gioca con le immagini, in modo digitale. Il collage contemporaneo è una sfaccettatura di questo.

Patteef: il collagista che ama i tatuaggi e l'arte sacra - image 6487327 1 3 - Gay.it
I miei lavori sono divertenti, provocatori, stucchevoli, in equilibrio sul bordo di ciò che gli algoritmi permettono. Voglio catturare lo sguardo attraverso l’immagine composta in modo surreale su temi che non possono essere catturati in un solo periodo. Come collezionista di tatuaggi, gioco con ciò che la sottocultura ci offre nel 2021.

Patteef: il collagista che ama i tatuaggi e l'arte sacra - 40061337 090B 4198 9E8E EF1CCAA321DA scaled - Gay.it

Come hai iniziato il tuo progetto?
Era un passatempo, è iniziato così. Quando avevo qualche minuto libero, facevo rapidi collage per rilassarmi e distogliere la mente dalle cose. Limito il processo a un lasso di tempo di 5 minuti e uso solo il mio iPhone, questo mi permette di avere un set chiaro su cui lavorare.
Trovare i due elementi da fondere è la cosa che richiede più attenzione e ci vuole tutto il tempo necessario. Ma creare una nuova immagine con loro deve essere veloce.
Ho sempre fatto questi collage solo per il mio piacere personale, ma da quando ho iniziato a condividerli su Instagram; la mia identità sembra piacere agli altri.

Patteef: il collagista che ama i tatuaggi e l'arte sacra - DA94F0D6 D089 485F B6E6 0CEA4DF9120E scaled - Gay.it

Dove trovi l’ispirazione per i tuoi lavori?
Mi piace parlare di ispirazione come una sorta di connessione religiosa, la storia ci ha lasciato un patrimonio immenso e accessibile a tutti. Creare arte è sempre stato tradizionalmente un lavoro che richiede tempo e che viene esposto in luoghi dove la gente si incontra, no?

Patteef: il collagista che ama i tatuaggi e l'arte sacra - IMG 1375 scaled - Gay.it
Nessuno stava fermo per ore a posare davanti a un pittore per farsi fare un ritratto e poi metterlo in una parte della casa dove nessuno poteva ammirarlo. Quindi non è difficile capire perché le istituzioni ricche come la chiesa cattolica erano così importanti nelle arti classiche; le loro riserve quasi inesauribili di mezzi e portata erano importanti per le persone che volevano mostrare il loro successo e status o trasmettere i messaggi religiosi alla massa.

Patteef: il collagista che ama i tatuaggi e l'arte sacra - 230AE84C 8C27 4E1A B206 0A487D8A4DA2 scaled - Gay.it

Arte e social.
Nei tempi moderni i social media offrono a tutti noi l’opportunità di comunicare e mostrare i nostri talenti al mondo , come nelle arti classiche ma ad un livello molto più basso. Accanto ad altri miei lavori, l’anno scorso ho iniziato a concentrarmi sulle tipologie di tatuaggi e di persone che su Instagram coltivano una fan base di persone che ammirano questo genere di modifiche del corpo; come i collezionisti di tatuaggi, che trovo veramente affascinanti da osservare.

Patteef: il collagista che ama i tatuaggi e l'arte sacra - 5E63D09E 3F33 41E4 BFDB 4A75FD0FFBF6 scaled - Gay.it

Quale messaggio vuoi trasmettere con i tuoi lavori?
I miei collage analizzano le arti classiche e spiegano che in sostanza le cose non sono cambiate così tanto. Proprio come centinaia di anni fa, amiamo ancora vedere, essere visti e ammirati. Desiderando l’adorazione del pubblico.

https://www.instagram.com/patteef/

https://patteef.myshopify.com/

Patteef: il collagista che ama i tatuaggi e l'arte sacra - IMG 6596 2 scaled - Gay.it

 

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Cristian Imparato, Io Canto Family 2024

Cristian Imparato ospite a “Io Canto Family”: com’è cambiato negli anni?

Culture - Luca Diana 11.6.24
La mamma di Elodie si è sposata con Francesco Cramer

Elodie (senza Andrea Iannone) incantevole al matrimonio della mamma. La dedica della cantante nel giorno del “sì”

Musica - Emanuele Corbo 10.6.24
I film LGBTQIA+ della settimana 10/16 giugno tra tv generalista e streaming - ilm queer - Gay.it

I film LGBTQIA+ della settimana 10/16 giugno tra tv generalista e streaming

Corpi - Federico Boni 10.6.24
Europee, Francia: il Rassemblement National di Le Pen e Jordan Bardella e i temi LGBTIQ+ - Screenshot 2024 06 10 143141 - Gay.it

Europee, Francia: il Rassemblement National di Le Pen e Jordan Bardella e i temi LGBTIQ+

News - Lorenzo Ottanelli 10.6.24
The History of Sound, il film d'amore con Paul Mescal e Josh O'Connor sarà a Venezia? Parla il regista - The History of Sound il film damore con Paul Mescal e Josh OConnor sara a Venezia - Gay.it

The History of Sound, il film d’amore con Paul Mescal e Josh O’Connor sarà a Venezia? Parla il regista

Cinema - Redazione 12.6.24
aggressione-marrazzo

Aggredito Fabrizio Marrazzo, leader del Partito Gay: “Non è intervenuto nessuno” – VIDEO

News - Francesca Di Feo 12.6.24

Leggere fa bene

Rooy Charlie Lana

Vergognarsi e spogliarsi lo stesso: intervista con Rooy Charlie Lana, tra desiderio e non binarismo

Culture - Riccardo Conte 29.2.24
whereupon-turmoil-allen-frame

Prima e dopo l’hiv, quegli anni tra fine ’70 e ’90 a New York: “Whereupon”, rivoluzione e tragedia negli scatti di Allen Frame

Culture - Francesca Di Feo 6.6.24
Foto di Jamie Mccartney

Il Museo della Vagina include anche le persone trans*

Culture - Redazione Milano 18.1.24
Corita Kent Padiglione Vaticano Biennale 2024

Biennale di Venezia, Papa Francesco omaggerà Corita Kent, la suora queer che fuggì con la sua amante

Culture - Mandalina Di Biase 14.3.24
Michele Bravi ritratto da Mauro Balletti per 'Tu cosa vedi quando chiudi gli occhi?'

L’atlante di Michele Bravi, tra poesie e pornostar – l’intervista

Musica - Riccardo Conte 9.4.24
Resistenza, malattia e vita: abbiamo intervistato Ivonne Capece, a teatro con Thinking Blind - Matteo B Bianchi 2 - Gay.it

Resistenza, malattia e vita: abbiamo intervistato Ivonne Capece, a teatro con Thinking Blind

Culture - Federico Colombo 20.4.24
ARIA! di Margherita Vicario

Mani in ARIA! insieme a Margherita Vicario, ascolta il nuovo singolo dal film GLORIA! – VIDEO

Musica - Redazione Milano 28.3.24
Candy Darling, 1971. © Jack Mitchell.

Chi era Candy Darling, l’icona trans* degli anni ’70

Culture - Riccardo Conte 27.4.24