Pussy Riot a Gay.it: “non esiste arte senza politica, gli eroi siamo tutti noi”

"L’ascesa al potere del centrodestra sta avvenendo in tutta Europa. Succede quando ci abituiamo alla democrazia".

ascolta:
0:00
-
0:00
pussy riot intervista
pussy riot intervista
3 min. di lettura

Per le Pussy Riot il futuro può riassumersi in una semplice frase: “Il futuro è ora“.

Il collettivo punk rock – formato da Maria (Masha) Alyokhina, Diana Burkot ( Kot), Olga Borisova, e Taso Pletner – non è per i compromessi, ma per l’azione diretta, portando avanti un attivismo che non si masturba su sé stesso ma agisce concretamente sulla scena. Formate nel 2011 e raggiungendo la massima notorietà nel 2012 dopo aver organizzato quella preghiera punk nella Cattedrale di Cristo Salvatore a Mosca, la loro musica non è mai stata separata dalla politica: “Non esiste arte senza politica. L’arte è sempre politica, riflette quello che viviamo e ci connette alla situazione attuale” spiega Alyokhina.

Pussy Riot live
Pussy Riot in concerto

Questa domenica 11 Settembre, il gruppo porterà sul palco del Teatro Arcimboldi di Milano (unica tappa italiana del tour), Riot Days, manifesto di rivolta punk che celebra fluidità di genere, inclusività, matriarcato, amore, decentramento, anarchia e antiautoritarismo. Per le Pussy Riot il punk non è un genere musicale, quanto uno stile di vita: “Punk è fare domande scomode in un paese dove c’è al potere qualcuno che non ha il diritto di averlo.”

Nelle loro performance, la fisicità e il corpo hanno un ruolo centrale, ma quel che conta per loro è il fine,scatenare una reazione nelle persone e portarle ad agire: “Non importa se viene fatto da un uomo, una donna, una persona trans. Quello che importa è il messaggio”spiega Alyokhina : “È importante per noi raccontare la nostra esperienza in Russia, denunciare i tanti problemi che riguardano i diritti delle donne nel nostro paese. Ma non ho mai riflettuto riguardo il mio corpo come un corpo sul palco: sono solo una persona che fornisce un messaggio giusto e non essere silenziate.”

 

Pussy Riot
Nadezhda Tolokonnikova, Maria Alyokhina ed Ekaterina Samutsevich sotto arresto in Russia nell’Agosto 2012

E di certo, i gesti scomodi non fanno paura alle Pussy Riot: il 17 agosto 2012, tre membri delle Pussy Riot – Nadezhda Tolokonnikova, Maria Alyokhina ed Ekaterina Samutsevich – sono state condannate dall’autorità russa a due anni di reclusione con l’accusa di “teppismo motivato dall’odio religioso“. Sempre negli ultimi due anni, Maria Alyokhina è stata di nuovo condannata a un anno in prigione e agli arresti domiciliari per aver sostenuto sui social media Alexey Navalny,  leader dell’opposizione, avvelenato e imprigionato dal regime di Putin: Ma per lei l’esperienza in prigione non è stata personale, ma ha rappresentato una lotta per chiunque: “Essere finita in prigione per aver portato avanti il mio messaggio, non è un problema” continua Alyokhina “Il vero problema restano l’indifferenza e il silenzio“.

Per il collettivo dimenticarci della guerra in Ucraina significa alimentare l’ascesa al potere di Putin, dando ulteriore spago ad una propaganda che non è nient’altro che ipocrita e patriarcale: “La guerra in Ucraina rappresenta una lotta per l’indipendenza e per l’unione, ed è questo che Putin vuole andare ad intaccare proprio perché il suo obiettivo è tornare all’equipaggio unione sovietica e ricostruire quello che c’era un tempo” dice Alyokhina “L’Europa deve sospendere l’embargo di petrolio e gas e tagliare totalmente questo canale di guadagno, in modo da non permettere alla Russia di avere più soldi e portare avanti questa guerra. Togliere i finanziamenti è la cosa più importante che l’Europa può fare in questo momento”.

 


Ma ci tengono a sottolineare che agire non significa compiere per forza azioni radicali: – dal “F*ck Putin” sul palco dei Måneskin all’attaccare sticker transfemministi o realizzare graffiti per la città– per le Pussy Riot ogni gesto è importante, ogni azione è importante e anche minuscole azioni possono avere grandi conseguenze: “
La paura può essere produttiva, può permetterci di scoprire qualcosa di nuovo e crescere” spiega Alyokhina “Vincere la paura come imparare a camminare: cadiamo più volte, ma alla fine impariamo a farlo”. Quando le viene reso presente che anche in Italia, alle prossime elezioni sembra primeggiare un leader donna e di centro-destra, le Pussy Riot non sono così sorprese: “L’ascesa al potere del centrodestra sta avvenendo in tutta Europa. Succede quando ci abituiamo alla democrazia, diamo per scontati i diritti conquistati tanto da non essere più disposti a lottare per ottenerli. È lì che i conservatori riprendono potere.”

Ma oltre all’azione concreta, attraverso le loro performance le Pussy Riot vogliono creare un senso comunità, fare gruppo, unire le persone con le stesse idee, e lottare insieme nella stessa battaglia: “Non c’è nessun eroe che verrà a salvarci dall’alto. Gli eroi siamo tutti noi.”

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Cannes 2024, ecco i 17 film LGBTQIA+ in corsa per la Queer Palm - Block Pass - Gay.it

Cannes 2024, ecco i 17 film LGBTQIA+ in corsa per la Queer Palm

Cinema - Federico Boni 17.5.24
Sergio Mattarella 17 maggio giornata internazionale contro omofobia transfobia bifobia

17 maggio, Mattarella contro l’omobitransfobia: “Non è possibile accettare di rassegnarsi alla brutalità”

News - Redazione 17.5.24
Il masturbatore nella versione standard LELO F1S V3

Recensione di LELO F1S™ V3: il masturbatore per persone pene-dotate che usa le onde sonore e l’intelligenza artificiale

Corpi - Gio Arcuri 10.4.24
Bridgerton, la showrunner Jess Brownell annuncia l'arrivo di una storia d'amore queer - BRIDGERTON 302 Unit 00627R - Gay.it

Bridgerton, la showrunner Jess Brownell annuncia l’arrivo di una storia d’amore queer

Serie Tv - Redazione 16.5.24
Parigi 2024, le drag queen Minima Gesté, Miss Martini e Nicky Doll sfilano con la torcia olimpica - Parigi 2024 le drag Minima Geste Miss Martini e Nicky Doll sfilano con la torcia olimpica - Gay.it

Parigi 2024, le drag queen Minima Gesté, Miss Martini e Nicky Doll sfilano con la torcia olimpica

Corpi - Redazione 16.5.24
Rainbow Map 2024, l'Italia crolla al 36° posto su 49 Paesi per uguaglianza e tutela delle persone LGBT - rainbowmap - Gay.it

Rainbow Map 2024, l’Italia crolla al 36° posto su 49 Paesi per uguaglianza e tutela delle persone LGBT

News - Federico Boni 15.5.24

Hai già letto
queste storie?

Russia LGBTQI+ Repressione 2023 - foto di Politico.com (2015)

Russia, irruzione della polizia nei bar e club LGBT di Mosca, arresti

News - Redazione Milano 2.12.23
L’oblio oncologico è legge: un dialogo con l’attivista Laura Marziali - Sessp 11 - Gay.it

L’oblio oncologico è legge: un dialogo con l’attivista Laura Marziali

Corpi - Federico Colombo 28.12.23
mammeamodonostro-intervista

Il viaggio di Giada e Iris continua: benvenuto Giulio, il fiore più bello sbocciato nelle avversità

News - Francesca Di Feo 7.2.24
FR*CINEMA

A Roma arriva FR*CINEMA, tra film queer e riappropriazione culturale

Cinema - Redazione Milano 28.2.24
russia-repressione

Russia, nuova ondata repressiva verso comunità LGBTQIA+ e dissidenti politici

News - Francesca Di Feo 21.11.23
Famiglia si trasferisce in Russia per fuggire dalle persone LGBTQIA+. Ma la Russia gli congela i conti bancari - Famiglia canadese di destra si trasferisce in Russia per fuggire dalle persone LGBTQIA1 - Gay.it

Famiglia si trasferisce in Russia per fuggire dalle persone LGBTQIA+. Ma la Russia gli congela i conti bancari

News - Federico Boni 22.2.24
foto: il fatto quotidiano

Trans Lives Matter: il movimento trans* si fa sentire ancora più forte

News - Redazione Milano 20.11.23
Rey Sciutto, trionfatore di The Floor: "Cerco di promulgare una società più inclusiva, abbattendo stereotipi". L'intervista - Rey Sciutto cover - Gay.it

Rey Sciutto, trionfatore di The Floor: “Cerco di promulgare una società più inclusiva, abbattendo stereotipi”. L’intervista

Culture - Federico Boni 5.2.24