Rappresentazione LGBTQIA+ al cinema, bisogna fare di più

I dati dell'associazione GLAAD confermano che nonostante i miglioramenti, la strada è ancora lunga.

ascolta:
0:00
-
0:00
Foto di Luca Della Bona
Foto di Luca Della Bona
2 min. di lettura

Tra serie tv e cinema, vi sembrerà una grande annata per la rappresentazione LGBTQIA+.

Eppure i dati dimostrano altro.

Stando al GLAAD (Gay & Lesbian Alliance Against Defamation), associazione finalizzata a garantire un’accurata e inclusiva rappresentazione nei media, l’industria cinematografica e televisiva è più indietro di quanto sembra: SRI (Studio Responsibility Index) rileva che nel 2021 almeno 20.8% delle opere cinematografiche (quindi 16 film su 77) hanno incluso personaggi LGBTQIA+, con un calo del 1.9% rispetto al 2020.

Disney, Warner Bros, Universal Pictures, Sony Pictures e United Artists Releasing, sono tra le case di distribuzione più impegnate, mentre Lionsgate e Paramount rilevano zero film con personaggi LGBTQIA+.

Ma questa rappresentazione è abbastanza accurata e significativa? GLAAD ha rilevato che quest’anno solo il 56% ha superato il Vito Russo test (metodo ispirato dal Bechdel Test, che valuta l’impatto di personaggi femminili nelle trame delle opere), con una decrescita del 90% rispetto al 2020.

I dati riportano che personaggi lesbiche, persone transgender, o bi continuano a restare ai margini della rappresentazione audiovisiva, con una 69% composto prevalentemente da uomini gay bianchi e cis: su 28 personaggi LGBTQIA+, 19 sono uomini, con zero inclusione per donne trans o personaggi non binary e solo il 25% di questi film includeva donne lesbiche e il 12% personaggi bi.

La situazione non migliora se parliamo della varietà di etnie, oltre a quella caucasica, con un abbassamento del 39& per quanto riguarda la presenza di personaggi bIPOC.

Il database, inoltre, non ha rilevato la presenza di personaggi positivi all’HIV o con disabilità.

Inoltre, nella maggior parte dei casi, solo sette personaggi queer su 28 hanno una presenza sullo schermo che supera i 10 minuti.

GLAAD rileva anche qualche vittoria: in West Side Story, Anybodys – interpretato dall’attore transgender Iris Menas – è il primo personaggio uomo e trans in almeno cinque anni (tanto da venir bandito in Arabia Saudita). Il musical Sognando New York – In The Heights ha incluso una coppia di donne latine e queer, e Q (interpretato da Ben Whishaw) è un personaggio apertamente gay nell’ultimo film della saga di James Bond, No Time To Die.

Anche film come Eternals (che ha incluso una famiglia LGBTQIA+) e Jungle Cruise (che ha generato polemiche per il coming out del personaggio interpretato da Jack Whitehallhall) superato il Vito Test.

Piccoli miglioramenti su cui non adagiarsi, ma al contrario, devono far da incentivo per una rappresentazione ancora poco diversificata e ferma sulle stesse storie e stessi personaggi da troppo tempo: “Ci sono tante parti della nostra comunità – persone bi, chi vive con l’HIV, personaggi LGBTQIA+ con disabilità, persone transgender, giusto per nominarne alcun* – che ancora non possono rivedersi davvero sullo schermo” riporta a Pink News Megan Townsend, direttrice del GLAAD “Per i prossimi dieci anni, queste storie devono diventare una priorità se gli studios vogliono che generazioni più giovani e diverse continuino. a supportare ed interessarsi a queste storie”.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Challengers, recensione. Il travolgente ed eccitante triangolo omoerotico di Luca Guadagnino - TIRE TOWN STILLS PULL 230607 002 RC - Gay.it

Challengers, recensione. Il travolgente ed eccitante triangolo omoerotico di Luca Guadagnino

Cinema - Federico Boni 12.4.24
Transgender triptorelina

Germania, approvata legge sull’autodeterminazione: “Le persone trans esistono e meritano riconoscimento”

News - Redazione 15.4.24
Giovanni Donzelli foto instagram @giovadonze

Giovanni Donzelli di Fratelli d’Italia, outing di sua moglie che spiega “È un marito etero”

Culture - Mandalina Di Biase 9.4.24
Angelina Mango è pronta per l'Eurovision Song Contest che si terrà a maggio in Svezia

Perché Angelina Mango può vincere Eurovision 2024

Musica - Emanuele Corbo 11.4.24
BigMama Concertone Primo Maggio 2024

BigMama inarrestabile diventa conduttrice per il Concertone del Primo Maggio

Musica - Emanuele Corbo 15.4.24
Marcella Bella e l'etichetta di "icona gay". A Belve non sa cosa significhi LGBT: "Lesbiche, gay, travestiti?" (VIDEO) - Marcella Bella a Belve - Gay.it

Marcella Bella e l’etichetta di “icona gay”. A Belve non sa cosa significhi LGBT: “Lesbiche, gay, travestiti?” (VIDEO)

Culture - Redazione 16.4.24

Continua a leggere

(Phonoplay International)

Adorabile Jodel, in Svizzera arriva il primo gruppo per uomini gay!

Lifestyle - Redazione Milano 31.1.24
Andrew Scott per Wonderland Magazine (2023)

Andrew Scott è stato snobbato agli Oscar perché gay?

Culture - Redazione Milano 27.2.24
valerie notari gamer girl

Gaming, fluidità e liberazione: intervista a Valerie Notari autrice di “Gamer girl”

Culture - Federico Colombo 20.11.23
lady oscar genere non binario

Se oggi un millennial riguarda Lady Oscar, che fine fa quel buon padre che voleva un maschietto?

Culture - Emanuele Bero 28.11.23
@samsmith

Sam Smith è lə modellə punk che non ti aspettavi

Culture - Redazione Milano 4.3.24
Nicolas Maupas

Nicolas Maupas: “È una bella rivincita dare volto a personaggi maschili fragili”

Culture - Luca Diana 4.1.24
I SAW THE TV GLOW (2024)

I Saw The Tv Glow: guarda il trailer dell’attesissimo film horror trans* – VIDEO

Cinema - Redazione Milano 29.2.24
by Daniele Fummo

Torna il Bar Stella e Ambrosia non vuole più porsi alcun limite – Intervista

Culture - Riccardo Conte 27.10.23