Rimini, padre e figlia condannati a 24 mesi per insulti omofobici ripetuti verso un ragazzo

I due hanno avuto sospensione della pena, pagando trentamila euro tra risarcimenti e spese processuali.

ascolta:
0:00
-
0:00
rimini risarcimento
rimini risarcimento
2 min. di lettura

A Rimini padre e figlia sono stati condannati a 24 mesi di reclusione per aver ripetutamente insultato con epiteti omofobici un ragazzo gay.

Ha sopportato maltrattamenti per un anno e mezzo, sperando che i loro atteggiamenti omofobici si esaurissero, affrontando quotidianamente l’umiliazione mentre usciva dalla casa del suo compagno per recarsi al lavoro. Dopo essersi rivolto all’associazione Arcigay Rimini “Alan Turing” e aver ricevuto il supporto dell’avvocato Christian Guidi del Foro di Rimini, finalmente si è concluso questo incubo.

Il padre e la figlia sono stati condannati complessivamente a 24 mesi per stalking omofobico, ma hanno beneficiato della sospensione della pena. Ora dovranno risarcire le parti civili (la vittima, l’ex compagno – con cui si è separata anche a causa di questa situazione di stalking – e Arcigay Rimini), oltre a pagare le spese processuali, per un totale di circa 30.000 euro. Il Tribunale ha suggerito che padre e figlia potrebbero usufruire della possibilità di svolgere attività sociali, per commutare la pena.

Una vittoria della civiltà che si realizza” ha spiegato Marco Tonti, presidente di Arcigay Rimini, che si è costituitasi parte civile “Una condanna esemplare che ogni persona che pensa di poter adottare comportamenti omofobici e discriminatori dovrà tenere ben presente. Il nostro obiettivo principale infatti è la prevenzione di queste situazioni, e in mancanza di una legge nazionale contro le discriminazioni omo-bi-transfobiche (l’Italia è unico Paese in Europa a non averla) queste sentenze esemplari possono rappresentare un fondamentale deterrente, per questo è importante denunciare sempre.

Il ragazzo è stato difeso dall’avvocato Christian Guidi, che ha rappresentato le parti civili e ha ringraziato Arcigay Rimini e l’ANPI, l’Associazione Partigiani provinciale di Rimini. “Mi fa piacere sottolineare come la Procura della Repubblica di Rimini, in particolare la dottoressa Giulia Bradanini – ha spiegato l’avvocato Guidi – abbia affrontato questa delicata situazione con attenzione e sensibilità. Spero che il percorso di recupero per i condannati possa avere un impatto positivo e contribuire a una maggiore consapevolezza sociale, che risulterà sicuramente più efficace della semplice pena inflitta”.

Della fine di un vero e proprio incubo ha parlato la giovane vittima, a sentenza annunciata.

“Un capitolo che si conclude perché tutti questi anni di attesa sono stati un peso costante – ha detto il ragazzo – Sapere che finalmente è stata fatta giustizia rappresenta una grande liberazione personale e per la comunità. Ho imparato che quando si subisce violenza di qualsiasi tipo, bisogna denunciare senza vergogna e non rimanere imprigionati nel proprio dolore personale, perché esiste una comunità pronta ad accoglierti, ascoltarti e offrirti sostegno. Ogni individuo dovrebbe essere libero di vivere la propria quotidianità con serenità, amando chi desidera e potendo essere sé stesso”.

 

immagine di copertina creata con intelligenza artificiale

 

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Amici 23, tutti gli allievi al Serale

Amici 23, da Dustin a Holden: tutti gli allievi al Serale

Culture - Luca Diana 25.2.24
FOTO: LUKE GILFORD

Kim Petras risponde ai commenti sessisti e transfobici: “Siete la piaga del pianeta”

Musica - Redazione Milano 26.2.24
Lewsi Hamilton rainbow

F1, il Bahrain vuole vietare la bandiera LGBTI+, cosa farà Hamilton in Ferrari?

Lifestyle - Redazione Milano 26.2.24
Foto: SchiDechDaily

Parità di genere nella Preistoria? Le donne erano cacciatrici come gli uomini (e anche meglio!)

News - Redazione Milano 20.2.24
Ricky Martin: "Se avessi fatto coming out nel 1999 credo che non avrei avuto lo stesso successo" - Ricky Martin per GQ - Gay.it

Ricky Martin: “Se avessi fatto coming out nel 1999 credo che non avrei avuto lo stesso successo”

Culture - Redazione 23.2.24
Olivia Rodrigo in bad idea right? (2023)

Olivia Rodrigo è la rockstar (e attivista) che meritiamo: il suo Guts Tour contro le leggi anti-aborto

Musica - Riccardo Conte 26.2.24

Leggere fa bene

io che amo solo te

Io che amo solo te: una storia d’amore al teatro, come antidoto alla paura

Culture - Riccardo Conte 17.11.23
uganda uomo arrestato

Uganda, 20enne accusato di “omosessualità aggravata” rischia la pena di morte

News - Francesca Di Feo 30.8.23
panchina-arcobaleno-cavirago-reggio-emilia

Panchina arcobaleno imbrattata con svastiche e messaggi di odio: “Comunisti bast*rdi, morite”

News - Francesca Di Feo 6.11.23
avvocato-difensore-filippo-turetta-emanuele-compagno

Omofobia, misoginia e victim blaming sui social di Emanuele Compagno, ex avvocato difensore di Filippo Turetta

News - Francesca Di Feo 24.11.23
austria-risarcimento-omosessuali

Austria, in arrivo gli indennizzi per le vittime della persecuzione degli omosessuali dopo il 1971

News - Francesca Di Feo 15.11.23
roccella-teoria-del-gender

Il Consiglio d’Europa all’Italia: “Gli attacchi alla comunità LGBTQIA+ sono violazioni dei diritti umani”

News - Federico Boni 19.12.23
Vannacci: "Rivendico il diritto all'odio. I gay possono sposarsi ma non si stupiscano se c'è chi li critica" - VIDEO - vannacci matrimoni gay - Gay.it

Vannacci: “Rivendico il diritto all’odio. I gay possono sposarsi ma non si stupiscano se c’è chi li critica” – VIDEO

News - Federico Boni 31.8.23
Gardaland, licenziato il manager che chiamava "principessa" il dipendente gay - Gardaland - Gay.it

Gardaland, licenziato il manager che chiamava “principessa” il dipendente gay

News - Redazione 5.10.23