Iran: la comunità LGBTQIA+ chiede ai leader mondiali di unirsi alla rivoluzione

Dietro alle donne iraniane è possibile trovare un’altra comunità ferita e vilipesa dall’integralismo religioso: quella LGBTQIA+.

ascolta:
0:00
-
0:00
rivoluzione-iran
3 min. di lettura

A più di tre settimane dalla morte della 22enne Mahsa Ahmini, assassinata dalla polizia per aver disobbedito alle rigide leggi iraniane, che obbligano le donne a indossare l’hijab – o velo islamico – le proteste continuano a imperversare nelle strade di tutte le principali città.

Sabato, i manifestanti sono persino riusciti a entrare nello studio del più influente notiziario iraniano per trasmettere il loro messaggio a tutto il paese.

Le immagini del dittatore Ali Khamenei, impegnato in un incontro con funzionari statali, è stata sostituita da immagini di manifestanti morti nella violenta repressione del dissenso in Iran. Il canto popolare “donna, vita, libertà”, che è diventato lo slogan delle proteste, è stato incorporato in una canzone, di cui è stato trasmesso un estratto, così come gli inviti agli spettatori a “protestare contro la dittatura repressiva”.

La prima linea della rivoluzione iraniana è composta principalmente da donne, ragazze, bambine, stanche della repressione violenta da parte di un governo che le costringe al silenzio e le priva della libertà di scelta. Tante hanno perso la vita. 

Ma proprio dietro alle donne iraniane è possibile trovare un’altra comunità ferita e vilipesa dall’integralismo religioso: quella LGBTQIA+.

È una battaglia i cui principi si intersecano e si fondono con tante battaglie, ed è forse proprio per questo che le strade sono così piene.

Ed è proprio per raccontare e dare risonanza la lotta della comunità LGBTQIA+, che il collettivo @rangallery_ir ha pubblicato un comunicato, tradotto e diffuso da Matteo Rastelli – aka @rastelling – su Instagram, che pubblichiamo in versione integrale.

rivoluzione-iran

Da giorni le strade dell’Iran sono state turbolente: una turbolenza nata dalle lotte civili e dalla resistenza all’ingiustizia e alla tirannia della Repubblica islamica.

Questa resistenza – una lezione di libertà per tutti i popoli del mondo – è una questione di vita o di morte per le persone che hanno sentito l’ingiustizia e la tirannia della dittatura totalitaria della Repubblica islamica sulla loro pelle, carne, sangue e ossa.

È chiaro che un numero considerevole di persone presenti nelle strade iraniane, ora sollevate contro l’oscurità e la tirannia, sono membri della comunità LGBTQIA+: un gruppo che è stato a lungo uno dei più danneggiati dalla Repubblica islamica e dalle sue leggi violente e discriminatorie, dalla fustigazione e dall’esecuzione per le relazioni non cis-etero, alla promozione e alla legittimazione della violenza e discriminazione contro tutti i suoi membri, attraverso tutta la società iraniana.

L’ingiustizia è destinata ad essere sconfitta.

Ciò che rimarrà è il coraggio e il libero spirito del popolo nel sollevarsi e resistere. L’ascesa del popolo iraniano, compresi i membri della comunità LGBTQIA+, per sradicare l’ingiustizia è un brillante esempio di questo principio. Insieme a tutti gli iraniani, i membri della comunità LGBTQIA+ iraniana, nonostante anni e anni di repressione e uccisioni, si sono alzati come cedri contro l’ingiustizia, tutti i loro rami fruscianti di coraggio, resistenza e libertà da ascoltare per il mondo intero.

È giunto il momento per le persone di tutto il mondo, in particolare i leader mondiali – se credono davvero nei principi di libertà, uguaglianza, democrazia e Dichiarazione Universale dei Diritti Umani – di stare al fianco del popolo iraniano.

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden, nel suo recente discorso alle Nazioni Unite, ha parlato del sostegno degli Stati Uniti ai diritti delle donne e della comunità LGBTQIA+.

Va ricordato che è impegnato in negoziati con un governo basato sull’apartheid di genere e sul bigottismo sistemico contro i membri della comunità LGBTQIA+.

Il presidente francese, Emmanuel Macron, se davvero impegnato nei principi della libertà di parola e dell’uguaglianza, deve considerare la coerenza delle sue convinzioni e azioni prima di stringere la mano e incontrare un presidente dell’Iran che ha apertamente attaccato persone gay, lesbiche e bisessuali nei suoi discorsi pubblici.

A tutti i leader mondiali, che si considerano impegnati per i diritti umani, dal Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda, dalla Repubblica di Francia, dalla Repubblica Federale Tedesca al Commonwealth del Canada e agli Stati Uniti d’America, noi membri della comunità LGBTQIA+ iraniana e l* attivist*, diciamo risolutamente e senza mezzi termini: ora che il popolo iraniano, con tutte le sue differenze, si è unito e sta a fianco a fianco contro l’ingiustizia, l’oscurità, l’ignoranza e la tirannia della Repubblica Islamica, un dovere solenne è di non sedersi a un tavolo di negoziazione con i leader di questo regime dittatoriale e autoritario.

In tali condizioni, qualsiasi tipo di accordo con un tale governo significherebbe l’approvazione del massacro di milioni di persone, in particolare i membri della comunità LGBTQIA+, e segnerebbe una pagina sanguinosa nella storia delle relazioni internazionali dei paesi

 

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Bingham Cup 2024, arriva a Roma il torneo internazionale di rugby inclusivo - In from the Side cover - Gay.it

Bingham Cup 2024, arriva a Roma il torneo internazionale di rugby inclusivo

Corpi - Federico Boni 20.5.24
10 anni fa Xavier Dolan travolgeva e incantava Cannes con Mommy - ecnv mommy - Gay.it

10 anni fa Xavier Dolan travolgeva e incantava Cannes con Mommy

Cinema - Federico Boni 24.5.24
Nemo vincitore Eurovision 2024

Nemo dopo l’Eurovision vola alla conquista degli States, ma “The Code” (per ora) non fa il botto

Musica - Emanuele Corbo 20.5.24
triptorelina-famiglie-incatenate-sede-aifa

Triptorelina, le famiglie si incatenano sotto la sede dell’AIFA per protestare il tavolo tecnico e la sua composizione

News - Francesca Di Feo 24.5.24
L'artista marziale Bryce Mitchell istruirà suo figlio a casa perché "a scuola diventerebbe gay" (VIDEO) - Bryce Mitchell - Gay.it

L’artista marziale Bryce Mitchell istruirà suo figlio a casa perché “a scuola diventerebbe gay” (VIDEO)

Corpi - Redazione 24.5.24
Tom Daley e Stefano Belotti

Chi è Stefano Belotti, il tuffatore azzurro che augura buon compleanno a Tom Daley

Lifestyle - Mandalina Di Biase 22.5.24

Leggere fa bene

Vittorio Menozzi, Federico Massaro e Stefano Miele, Grande Fratello

Grande Fratello, le parole di Stefano Miele suscitano polemiche: “Secondo me Federico è gay”

Culture - Luca Diana 22.1.24
world-speech-day-lgbtqia-firenze

Il World Speech Day il 15 marzo a Firenze dà voce alle esperienze reali della comunità LGBTQIA+

Culture - Francesca Di Feo 11.3.24
A Natale con “queer” vuoi, per Pasqua ci aggiorniamo: consigli per le feste - cover - Gay.it

A Natale con “queer” vuoi, per Pasqua ci aggiorniamo: consigli per le feste

Culture - Emanuele Bero 16.12.23
Arte e queerness: intervista a Elisabetta Roncati - Sessp 10 - Gay.it

Arte e queerness: intervista a Elisabetta Roncati

Culture - Federico Colombo 29.12.23
Disinformazione e Comunita LGBTIAQ - Distortə, la conferenza organizzata a Roma da EDGE e GayNet

Qual è l’impatto della disinformazione sulla vita delle persone LGBTIAQ+?

Culture - Francesca Di Feo 5.4.24
africa lgbt

Storia di un mondo al contrario, così i diritti LGBTIQ+ spaccano il mondo

News - Giuliano Federico 6.12.23
Milena Cannavacciuolo, chiuso il crowdfunding. Raccolti 61.717 euro. "Grazie per l'amore corrisposto" - Milena Cannavacciuolo - Gay.it

Milena Cannavacciuolo, chiuso il crowdfunding. Raccolti 61.717 euro. “Grazie per l’amore corrisposto”

News - Redazione 8.4.24
L'Unione Europea è la patria dei diritti LGBTQ+, ma sai davvero come funziona? - unione europea gay it 03 - Gay.it

L’Unione Europea è la patria dei diritti LGBTQ+, ma sai davvero come funziona?

News - Lorenzo Ottanelli 8.5.24