Samuele, da vittima di omofobia ad attivista LGBT: “siate voi stessi, non abbiate paura di baciare chi amate”

Un’aggressione omofoba che ha segnato la vita di Samuele, che oggi non ha più paura di viverla, di tingersi i capelli e di baciare il suo compagno.

aggressione omofoba
Samuele fu vittima due anni fa di un'aggressione omofoba. Ecco la sua storia.
2 min. di lettura

Samuele Vegna è una delle tante vittime dell’omofobia italiana. L’aggressione raccontata a Freeda è avvenuta in un giornata normale, dopo che lui e un altro ragazzo si sono scontrati, mentre stavano camminando. L’aggressore era intento a guardare il cellulare ed è stato ripreso da Samuele, che gli ha semplicemente detto “Ma guarda dove vai“. Un’aggressione omofoba senza senso, data dall’ignoranza e dall’odio.

Anche Gay.it aveva raccontato la sua storia, due anni fa.

Ma nel ragazzo è scattato qualcosa dentro, come dice lo stesso Samuele, che ha voluto raccontare la sua storia a Freeda.

Ha iniziato a urlami “fr*cio di m*rda”, secondo me perché avevo i capelli tinti d’argento. Nella sua testa era proprio l’associazione probabilmente capelli d’argento uguale fr*cio di m*rda da picchiare, da pestare e da ridurre al silenzio. 

Lo racconta con un accenno di sorriso, Samuele, nel video. Perché non può sembrare vero quello che è successo, e solo per un accidentale scontro. Ma ancora più incredibile è l’indifferenza dei presenti. Perché Samuele è stato insultato, poi spinto e terra, preso a calci e pugni. Botte di una furia cieca che gli ha fratturato la mascella, che lo ha costretto a un’operazione d’urgenza e a dover tenere a vita due placche di titanio sul volto. Ma davanti a tutto questo, nessuno ha mosso un dito. Chi era presente ha atteso che l’aggressione omofoba finisse, come se fosse naturale.

Ma dopo l’aggressione omofoba, rimane la paura di essere sé stessi

La paura di uscire di casa e vivere essendo sé stessi può continuare anche per mesi. È proprio quello successo a Samuele.

I giorni dopo l’aggressione sono stati abbastanza pesanti in realtà, anche perché mi sentivo proprio sporco. Sono stati pesanti anche i mesi dopo l’aggressione, perché sono caduto in depressione e non uscivo più di casa, perché ero proprio terrorizzato di ritrovarmelo davanti.

Una paura passata solo con una terapia, con l’aiuto di uno psicologo. Con la scelta di iniziare con la psicoterapia, Samuele è uscito dalla gabbia che si era creato, come dice lui stesso.

Sono passati due anni dalla sua aggressione, vive tranquillamente la sua vita e le paure iniziali le ha scacciate in qualche mese. Ma si chiede:

Io sono uno dei pochi, dei pochissimi che ha denunciato. Ma perché? Non viene ritenuto un vero reato, un vero crimine la discriminazione. In Italia c’è bisogno di una legge contro l’omofobia, contro la transfobia e la misoginia, perché c’è da ristabilire un equilibrio di valori. 

Una legge che deve essere approvata, perché aiuterebbe Samuele, così come tutte quelle persone che vengono o sono state discriminate e chi ha paura di esserlo, a sentirsi più al sicuro. È naturale che il ddl Zan eliminerà completamente le aggressioni omofobe, ma permetterà che queste vengano punite. Di avere giustizia. E di sentirsi cittadini liberi di amare chi si vuole.

E Samuele conclude con un messaggio:

Sii te stesso, esprimi te stesso. Soprattutto, non avere paura di tingerti i capelli e di farti due passi per strada, e non aver mai paura di baciare il tuo compagno. 

Infine, Samuele “ringrazia” il suo aggressore. Col tempo, ha trasformato quella rabbia dell’aggressione omofoba in una voglia di fare qualcosa, in un attivismo contro le discriminazioni, che il ragazzo porta avanti ancora oggi. E alla fine, diventare una nuova voce contro l’omofobia.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.
Avatar
bacibaci 10.11.20 - 19:19

Coming out ed attivismo sono le armi più potenti che abbiamo.

Trending

Paola e Chiara singolo estivo Festa totale

Paola e Chiara, arriva il singolo “Festa totale”: “Il nostro grido d’amore forte e libero”

Musica - Emanuele Corbo 20.5.24
“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Mahmood, Piper, Lamoglia, Ghali e altri - Specchio Specchio - Gay.it

“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Mahmood, Piper, Lamoglia, Ghali e altri

Culture - Redazione 23.5.24
HUGO™ 2: recensione dei due nuovi massaggiatori prostatici della LELO (che gli uomini sposati amano) - 1000056146 01 - Gay.it

HUGO™ 2: recensione dei due nuovi massaggiatori prostatici della LELO (che gli uomini sposati amano)

Corpi - Gio Arcuri 29.1.24
iraq-donne-trans (2)

Iraq, la strage silenziosa delle donne trans, uccise dai loro familiari per “onore”

Corpi - Francesca Di Feo 20.5.24
©AFP

Meryl Streep è nessunə e tuttə noi

Cinema - Riccardo Conte 20.5.24
Ambra e il body shaming da parte della stampa quando aveva 17 anni: "Sottolineavano ovunque quanto fossi diventata grassa" - Ambra e il body shaming da parte della stampa quando aveva 17 anni - Gay.it

Ambra e il body shaming da parte della stampa quando aveva 17 anni: “Sottolineavano ovunque quanto fossi diventata grassa”

Culture - Redazione 22.5.24

Leggere fa bene

Viktor Orban - Giorgia Meloni - Ungheria, la legge anti-LGBTI+ ha un impatto devastante sulla nostra comunità

Ungheria, impatto devastante della legge anti-LGBTI+, il rapporto di Amnesty

News - Francesca Di Feo 28.2.24
Cesena, Forza Nuova affisse manifesti funebri per le unioni civili. Mirco Ottaviani assolto dalla Corte d'Appello - Cesena Forza Nuova 1 - Gay.it

Cesena, Forza Nuova affisse manifesti funebri per le unioni civili. Mirco Ottaviani assolto dalla Corte d’Appello

News - Redazione 21.3.24
albania-diritti-lgbtqia

Albania, tutte le promesse non mantenute dal governo in ambito di diritti LGBTQIA+

News - Francesca Di Feo 5.1.24
L'artista marziale Bryce Mitchell istruirà suo figlio a casa perché "a scuola diventerebbe gay" (VIDEO) - Bryce Mitchell - Gay.it

L’artista marziale Bryce Mitchell istruirà suo figlio a casa perché “a scuola diventerebbe gay” (VIDEO)

Corpi - Redazione 24.5.24
Numero Verde 800713713 Gay Help Line - 18 anni, 350.000 chiamate, il 51% da giovani -

Gay Help Line, 18 anni di supporto telefonico LGBTIAQ+ : 51% delle richieste arrivano da giovani – VIDEO

News - Gay.it 18.3.24
uganda-carceri-torture-detenut-lgbtqia

Uganda, torture aberranti verso lǝ detenutǝ LGBTQIA+: sanzioni dagli USA

News - Francesca Di Feo 11.12.23
la-normalita-dell-amore

Il mio libro di risposta a Vannacci: “La normalità dell’amore”, così un ragazzo replica alle retoriche d’odio del generale

Culture - Francesca Di Feo 1.2.24
Milano, affitto negato perché gay: "La proprietaria preferisce una persona "tradizionale"" (VIDEO) - Andrea Papazzoni - Gay.it

Milano, affitto negato perché gay: “La proprietaria preferisce una persona “tradizionale”” (VIDEO)

News - Redazione 16.2.24