Sofia Righetti e la sex positivity per le persone con disabilità: «Dobbiamo reclamare l’erotismo prorompente dei corpi disabili»

È da poco passata la Giornata internazionale delle persone con disabilità, ma è necessario continuare a parlarne.

ascolta:
0:00
-
0:00
Sofia Righetti Gay.it
2 min. di lettura

È da poco passata la Giornata internazionale delle persone con disabilità e, come ci hanno raccontato Valentina Tommasini e Simone Riflesso, è importante continuare a parlarne e lavorare affinché l’attuale situazione cambi, senza limitarsi a ricordare le persone con disabilità solo in una giornata.

Sofia Righetti Gay.it
Sofia Righetti, attivista transfemminista intersezionale

Così, Gay.it ha chiesto all’attivista Sofia Righetti di parlarci di un altro tema che gravita attorno alle persone con disabilità e che per la società è ancora un tabù, di cui si parla troppo poco: la sex positivity. Quando si tratta delle persone con disabilità, la sfera sessuale spesso non viene considerata o viene lasciata per ultima, vittima di un pregiudizio che non vuole riconoscere queste persone come esseri umani a tutti gli effetti, e quindi anche sessualmente attvə. Sofia, invece, che si definisce “Attivista Crip Transfemminista Intersezionale”, la pensa diversamente:

«Proprio per il fatto che esistono tanti tipi di disabilità quanti sono gli esseri umani, il sesso delle persone disabili è estremamente dinamico, coinvolgente ed eccitante. Senza contare che ogni persona disabile ha una propria identità di genere e un proprio orientamento sessuale, il che rende il tutto ancora più interessante.»

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Sofia Righetti (@sofia_righetti)

 

Si tratta di un pregiudizio che si trascina da tempo immemore, figlio di coloro che non concepivano come persone con corpi che non corrispondono ai canoni considerati “normali” potessero far parte della loro stessa sfera sessuale. E in effetti, ci spiega Sofia, il potenziale che la sex positivity delle persone con disabilità porta con sé è di gran lunga superiore:

«Il fatto di avere un corpo che si ribella ai canoni normativi significa avere una quantità illimitata di potenziale sessuale da esplorare. Il fatto che ci siano così tanti tipi di corpi diversi significa che ci sono tantissimi tipi di orgasmi diversi e molteplici modi per arrivarci. Posizioni e modi di godere incredibili, dalle cose più vanilla al kinky più eccitante. Modi che la monotonia del sesso normato nemmeno si sogna.»

Ma cosa intendiamo, quindi, quando parliamo di sex positivity per le persone con disabilita? Significa una forma di attivismo con cui le persone disabili possono reclamare e far valere il loro erotismo, celebrando la libertà del proprio corpo e dei propri desideri:

«Dobbiamo reclamare l’erotismo prorompente dei corpi disabili, una rappresentazione che faccia onore alla nostra carnalità e metta al centro la sessualità attiva e autodeterminata delle persone disabili. Il mio augurio è di fare tanto sesso protetto e consenziente, di mettere al centro il corpo delle persone disabili e di godere da paura.»

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Cannes 2024, Vivre, Mourir, Renaitre è il nuovo film queer di Gaël Morel con Victor Belmondo e Théo Christine (VIDEO) - Cannes 2024 Vivre Mourir Renaitre 3 - Gay.it

Cannes 2024, Vivre, Mourir, Renaitre è il nuovo film queer di Gaël Morel con Victor Belmondo e Théo Christine (VIDEO)

Cinema - Redazione 22.5.24
Tom Daley e Stefano Belotti

Chi è Stefano Belotti, il tuffatore azzurro che augura buon compleanno a Tom Daley

Lifestyle - Mandalina Di Biase 22.5.24
Billie Eilish, è uscito il nuovo album "Hit Me Hard and Soft"

Billie Eilish ritrova se stessa e plasma di nuovo il pop alla sua (gigante) maniera

Musica - Emanuele Corbo 21.5.24
Elezioni Europee e voto LGBTI+, guida alle candidature che aderiscono a #ComeOut4EU il programma di Ilga Europe - cover wp - Gay.it

Elezioni Europee e voto LGBTI+, guida alle candidature che aderiscono a #ComeOut4EU il programma di Ilga Europe

News - Lorenzo Ottanelli 20.5.24
Paola e Chiara singolo estivo Festa totale

Paola e Chiara, arriva il singolo “Festa totale”: “Il nostro grido d’amore forte e libero”

Musica - Emanuele Corbo 20.5.24
HUGO™ 2: recensione dei due nuovi massaggiatori prostatici della LELO (che gli uomini sposati amano) - 1000056146 01 - Gay.it

HUGO™ 2: recensione dei due nuovi massaggiatori prostatici della LELO (che gli uomini sposati amano)

Corpi - Gio Arcuri 29.1.24

Leggere fa bene

ARIA! di Margherita Vicario

Mani in ARIA! insieme a Margherita Vicario, ascolta il nuovo singolo dal film GLORIA! – VIDEO

Musica - Redazione Milano 28.3.24
eyes wide shut

Durante le feste si fa più sesso?

Lifestyle - Riccardo Conte 18.12.23
"How to have sex", l’esordio di Molly Manning Walker: il mondo ci vuole espertə come adulti e inconsapevoli come bambini - Matteo B Bianchi 1 - Gay.it

“How to have sex”, l’esordio di Molly Manning Walker: il mondo ci vuole espertə come adulti e inconsapevoli come bambini

Cinema - Federico Colombo 17.4.24
GLORIA! (2024)

Le ragazze ribelli di Gloria! Tutto sul primo sovversivo film di Margherita Vicario

Cinema - Redazione Milano 22.2.24
Le relazioni e il sesso come territorio ambiguo: "Di me non sai", intervista a Raffaele Cataldo - Sessp 41 - Gay.it

Le relazioni e il sesso come territorio ambiguo: “Di me non sai”, intervista a Raffaele Cataldo

Culture - Federico Colombo 19.3.24
Martina Navratilova sostiene che le donne trans non possano essere lesbiche - Martina Navratilova - Gay.it

Martina Navratilova sostiene che le donne trans non possano essere lesbiche

Corpi - Redazione 1.12.23
I fantastici 5

I fantastici 5, la nuova serie tv con Raoul Bova che parla di sport e diversità

Serie Tv - Luca Diana 17.1.24
Paola Cortellesi ospite speciale all'Università Luiss Guido Carlo di Roma (foto: LaRepubblica)

Il discorso di Paola Cortellesi contro gli stereotipi: “Biancaneve faceva da colf ai nani”

Culture - Redazione Milano 11.1.24