Video

Stranger Things 4, la recensione: 9 ore per una stagione horror al limite del sequestro di persona

7 episodi dal 27 maggio su Netflix, arriva Stranger Things formato XXL. Tanto ricco quanto esageratamente lungo.

ascolta:
0:00
-
0:00
4 min. di lettura

Stranger Things 4, la recensione: 9 ore per una stagione horror al limite del sequestro di persona - Stranger Things 3 - Gay.it

536 minuti in 7 episodi. Praticamente 7 film per una 4a e ultima stagione che il 1 luglio andrà incontro al finalone con due puntate che si preannunciano come gigantesche (rispettivamente 85 e addirittura 150 minuti di durata). Netflix ha fatto le cose in grande per alimentare il fenomeno Stranger Things, esploso dal niente nel 2016 e in 5 anni in grado di strappare 175 candidature a premi tra cui Emmy, Golden Globe, Grammy, SAG, DGA, PGA, WGA, BAFTA, People’s Choice Awards, MTV Movie & TV Awards e Teen Choice Awards.

Sono passati sei mesi da quando la battaglia di Starcourt ha portato terrore e distruzione a Hawkins. All’indomani dell’evento i nostri eroi si separano per la prima volta e ne affrontano le conseguenze, rese ancora più complicate dalla vita al liceo. In questo periodo di vulnerabilità una nuova e terrificante minaccia soprannaturale si presenta con un mistero cruento, la cui risoluzione potrebbe finalmente porre fine agli orrori del Sottosopra.

 

Stranger Things 4, la recensione: 9 ore per una stagione horror al limite del sequestro di persona - Stranger Things 4b - Gay.it
STRANGER THINGS. (L to R) Eduardo Franco as Argyle, Noah Schnapp as Will Byers, Finn Wolfhard as Mike Wheeler, and Charlie Heaton as Jonathan in STRANGER THINGS. Cr. Courtesy of Netflix © 2022

Questa la sinossi ufficiale di una stagione monster che si fa horror come mai prima d’ora, omaggiando esplicitamente classici del genere come Nightmare, IT, Venerdì 13, Hellraiser e Amityville Horror. I giovanissimi protagonisti del 2016 sono inevitabilmente cresciuti, tutti, diventando adolescenti sempre più in rampa da lancio ad Hollywood, con i Duffer Brothers che hanno potuto attingere da un budget spaventoso. 30 milioni di dollari ad episodio.

I creatori di Stranger Things hanno ampiamente approfittato della libertà concessa loro per questa 4a e penultima stagione divisa in due volumi, ampliando mostruosamente la narrazione, con durate fuori dal comune che in non pochi frangenti ne appesantiscono la fruizione. Soprattutto la prima puntata da 76 minuti fatica enormemente a carburare, dovendo zigzagare tra storici personaggi e new entry, con Unidici non più necessariamente colonna centrale di una saga che guarda ora anche ai volti secondari, chiudendo con una coralità mai tanto (forzatamente?) esplicitata.

Stranger Things 4, la recensione: 9 ore per una stagione horror al limite del sequestro di persona - Stranger Things 4 G - Gay.it
STRANGER THINGS. (L to R) Natalia Dyer as Nancy Wheeler and Maya Hawke as Robin Buckley in STRANGER THINGS. Cr. Courtesy of Netflix © 2022

L’impressione è che dinanzi a così tanti soldi e non avendo limiti produttivi, i Duffer Brothers si siano fatti un po’ troppo prendere la mano, annacquando una stagione che a tratti grida al sequestro di persona, perché enormemente, esageratamente, faticosamente lunga.

Puntate dalle durate infinita che si sentono, tutte, per quanto per i fan della prima ora potrebbe trattarsi di una probabile orgia televisiva, tra citazioni anni ’80, ingranaggi da oliare, quadri da completare, verità da svelare e colpi di scena, con la goffa e buffa Robin, interpretata da Maya Hawke, ancora una volta unico personaggio LGBTQ certificato. L’amicizia nei confronti di Steve (Joe Keery), che si era preso una cotta per lei, prosegue, mentre Robin si sbottona nei confronti di altre ragazze, da vedere ma non toccare in una serie che prova ad andare oltre la sua queerness.

Stranger Things 4, la recensione: 9 ore per una stagione horror al limite del sequestro di persona - Stranger Things 4 nightmare 3 scaled - Gay.it
STRANGER THINGS (L to R) Robert Eglund as Victor Creel in STRANGER THINGS. Cr. Courtesy of Netflix © 2022

 

20 anni, Sadie Sink ruba la scena a tutti con la sua Maxine “Mad Max” Mayfield, mentre i sogni ad occhi aperti dei giovani protagonisti si fanno sanguinolenti incubi alla Freddy Krueger (“occhio” al cameo del mitologico Robert Englund), in cui spaventosamente morire tanto nell’altro mondo quanto nella realtà. Perché in Stranger Things 4 si muore, e parecchio, tra atroci sofferenze, con la polizia che brancola nel buio dinanzi ad un assassino che fa letteralmente a pezzi gli adolescenti di Hawkins. Ragazzi inquieti, liceali con problematiche fino ad oggi mai realmente centrate all’interno della serie, che vira verso Stephen King grazie ai suoi ragazzini alla disperata ricerca di un diabolico mostro che da un’altra dimensione uccide per acquisire sempre più potere.

Stranger Things 4 è decisamente ambizioso, e non solo da un punto di vista produttivo ma anche narrativo, con 7 episodi che vedono Netflix salire chiaramente di livello rispetto alla media produttiva del colosso streaming, qui sempre più orientata ad una messa in scena sci-fi che nulla ha da invidiare a quella più tipicamente cinematografica.

Restano le perplessità nei confronti di una narrazione spalmata su più piani, con l’azione che si sposta da città a nazione coinvolgendo ‘gruppi’ di protagonisti con sottotrame non sempre particolarmente riuscite e avvincenti, così come appare spesso forzato il lato comedy chiamato ad alleggerire tensione e paure, mentre la nostalgia anni ’80 torna a farla da padrona assoluta, in riferimento soprattutto ad indimenticate maschere dell’orrore che hanno segnato un’epoca e più generazioni. 7 episodi creativamente parlando fascinosi ma dalla discutibile ed evitabile lunghezza incaricati di tirare la volata alle ultime 4 ore di Stranger Things 4, dal 1 luglio in streaming.

Stranger Things 4, la recensione: 9 ore per una stagione horror al limite del sequestro di persona - Stranger Things 4c - Gay.it
STRANGER THINGS. (L to R) Eduardo Franco as Argyle, Charlie Heaton as Jonathan, Millie Bobby Brown as Eleven, Noah Schnapp as Will Byers, and Finn Wolfhard as Mike Wheeler in STRANGER THINGS. Cr. Courtesy of Netflix © 2022

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

meloni orban

35 ambasciate firmano una dichiarazione che condanna le leggi anti-LGBTQ ungheresi. Assente l’Italia

News - Redazione 21.6.24
Studente delle Filippine sgrida il Papa: "Smetta di usare un linguaggio omofobo. Fa male" (VIDEO) - Papa Francesco e Jack Lorenz Acebedo Rivera - Gay.it

Studente delle Filippine sgrida il Papa: “Smetta di usare un linguaggio omofobo. Fa male” (VIDEO)

News - Redazione 21.6.24
Antoine Dupont, il capitano francese di rugby "pronto ad interrompere una partita” per insulti omofobi - Antoine Dupont - Gay.it

Antoine Dupont, il capitano francese di rugby “pronto ad interrompere una partita” per insulti omofobi

Corpi - Redazione 20.6.24
Foggia Sit In Omofobia Giugno 2024

Foggia reagisce all’aggressione di Alessandro: “Se questa terra non ci ama, noi la ameremo ancora più forte”

News - Francesca Di Feo 20.6.24
Tony Effe e Gaia, Sesso e Samba

“Sesso e Samba è diseducativa”: Tony Effe risponde a una mamma che non approva gli ascolti della figlia

Musica - Emanuele Corbo 21.6.24
Tormentoni Queer estate 2024

Estate 2024, quali sono i tormentoni queer? La playlist di Gay.it

Musica - Luca Diana 4.6.24

Continua a leggere

Young Royals 3, l'ultima puntata è on line. Ecco com'è finita la serie queer svedese - young royals Edvin Ryding - Gay.it

Young Royals 3, l’ultima puntata è on line. Ecco com’è finita la serie queer svedese

Serie Tv - Redazione 19.3.24
Il masturbatore nella versione standard LELO F1S V3

Recensione di LELO F1S™ V3: il masturbatore per persone pene-dotate che usa le onde sonore e l’intelligenza artificiale

Corpi - Gio Arcuri 10.4.24
Povere Creature di Lanthimos, capolavoro di libertà sessuale e autodeterminazione femminista. Recensione - 030 PT Atsushi Nishijima 20211110 00201 1 - Gay.it

Povere Creature di Lanthimos, capolavoro di libertà sessuale e autodeterminazione femminista. Recensione

Cinema - Federico Boni 18.1.24
Lil Nas X: Long Live Montero, recensione. Essere icona queer, orgogliosa e rivoluzionaria - Lil Nas X - Gay.it

Lil Nas X: Long Live Montero, recensione. Essere icona queer, orgogliosa e rivoluzionaria

Cinema - Federico Boni 22.4.24
Letizia Toni Nastro d'Argento per Sei nell'Anima: "Mi sono connessa in modo profondo a Gianna Nannini" - Sei nellanima foto Ralph Palka SNA 491A77641 - Gay.it

Letizia Toni Nastro d’Argento per Sei nell’Anima: “Mi sono connessa in modo profondo a Gianna Nannini”

Culture - Redazione 3.6.24
Young Royals 3, Omar Rudberg rivela che ritroverà Edvin Ryding: "Stiamo lavorando a qualcosa di segreto" (VIDEO) - A8A9069 Johan Paulin Netflix - Gay.it

Young Royals 3, Omar Rudberg rivela che ritroverà Edvin Ryding: “Stiamo lavorando a qualcosa di segreto” (VIDEO)

Serie Tv - Redazione 15.3.24
Ratched 2 non si farà. L'annuncio di Sarah Paulson - Ratched Season1 Episode2 00 11 17 15R - Gay.it

Ratched 2 non si farà. L’annuncio di Sarah Paulson

Serie Tv - Redazione 6.2.24
Baby Reindeer, chi è Richard Gadd, comico queer che ha creato la serie Netflix del momento? - baby reindeeruniversal base na 02 zxx - Gay.it

Baby Reindeer, chi è Richard Gadd, comico queer che ha creato la serie Netflix del momento?

Serie Tv - Redazione 23.4.24