Il mostro talebano e i “bacha-bazi”, bambini vestiti da femmina e stuprati dagli omofobi signori della guerra

Rapiti, comprati, costretti ad indossare abiti femminili, cantare e ballare. Per poi essere stuprati dai ricchi afghani.

Il mostro talebano e i “bacha-bazi”, bambini vestiti da femmina e stuprati dagli omofobi signori della guerra - bachi bazi 1 - Gay.it
2 min. di lettura

Con il ritorno dei talebani alla guida dell’Afghanistan, l’incubo dei “bacha-bazi” ha ripreso forma a Kabul. I bacha-bazi, che letteralmente significa “bambini per gioco”, sono bimbi di età compresa tra gli otto e i quattordici anni, costretti ad indossare abiti femminili, cantare e ballare nelle feste per intrattenere uomini molto più grandi, pronti ad abusare sessualmente di loro.

Una pedofilia di fatto ‘tollerata’, per quanto illegale anche in Afghanistan, perché la pratica è contraria alla convenzione sui diritti dell’infanzia, cosa che la legge afghana non ammette. Eppure il fenomeno dei bacha-bazi, denunciato per la prima volta nel 2010, è tristemente realtà. Ragazzini rapiti in strada, venduti dai propri genitori bisognosi di denaro, ad uso e consumo dei ricchi signori della guerra che possono farne quel che vogliono. Come se fossero giocattoli, pupazzi da truccare, vestire. E infine violentare. Questi “bambini per gioco” sono schiavi sessuali in un’Afghanistan tornato in mano ai talebani.

Anni or sono il New York Times denunciò che persino ai militari statunitensi venne imposto dall’alto di non intervenire sugli abusi sessuali subiti dai più piccoli. “Durante la notte li sentivamo gridare, ma non potevano far nulla. Non ci era permesso”. Questi bimbi vengono poi liberati una volta diventati maggiorenni, ma il loro futuro, la loro vita, è compromessa, per sempre. Sono marchiati, riconoscibili da chi ha abusato di loro, nonché devastati psicologicamente dopo anni di violenze e soprusi.

The dancing boy of Afghanistan” di Najibullah Quraishi è un documentario che nel 2010 ha per la prima volta raccontato questo atroce fenomeno afghano, con i bacha-bazi impossibilitati a difendersi, a ribellarsi. E il perché è ovvio. Se dovessero denunciare i propri aguzzini verrebbero a loro volta condannati per omosessualità e prostituzione. Per i comandanti militari e i ricchi afghani avere un proprio “harem” di Bacha-bazi significa avere potere, ricchezza e influenza. “Le donne sono per crescere i figli, i ragazzi sono per il piacere“, dice un tristemente celebre detto afghano.

Nel 2017 il governo afghano, pressato dagli attivisti per i diritti umani che denunciavano da tempo questa ignobile pratica, ha approvato una legge che punisce severamente i colpevoli, con la pena di morte per i casi più gravi, vedi lo stupro dei più piccoli. “C’è un intero capitolo che criminalizza la pratica nel nuovo codice penale“, disse Nader Nadery, consigliere dell’allora presidente afghano Ashraf Ghani. Ma quel governo non esiste più. I talebani sono tornati al potere, con il ripristino della sharia, le donne nuovamente relegate a schiave e gli omosessuali seppelliti sotto i muri.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.
Avatar
Franzc Dereck 25.8.21 - 22:06

Grazie accetto sempre un complimento !

Avatar
Anonimo 25.8.21 - 21:59

Ah beh, ormai siamo al livello di "specchio riflesso"... Che maturità, che livello basso, complimenti davvero!

Avatar
Anonimo 25.8.21 - 7:10

E ancora una volta non hai risposto nel merito su Israele. Non hai alcuna argomentazione, se non la tua islamofobia, che è cosa ben diversa dal più che legittimo e doveroso disprezzo per i talebani. Tu detesti tutte le persone musulmane in generale. Niente di peggio di un gay razzista!

Avatar
Anonimo 24.8.21 - 7:13

Veramente "me la" rispondi sempre tu, visto che dici di volere a tutti i costi l'ultima parola. E così sarà perché le tue argomentazioni sono a dir poco risibili e inesistenti, non c'è gusto a continuare a confrontarsi con chi scrive commenti che paiono usciti dal peggiore romanzo distopico di Houellebecq. Prima di salutarti per sempre ti ricordo che citando Israele hai fatto il peggiore esempio possibile, visto che tutti gli attentanti nei confronti della comunità LGBT, in alcuni casi per fortuna sventati in tempo, in altri purtroppo avvenuti con morti e feriti a Tel Aviv e Gerusalemme, sono stati sempre per mano di ebrei ortodossi. Informati meglio prima di parlare a vanvera, basta una rapida ricerca su internet. Addio.

Avatar
Franzc Dereck 21.8.21 - 9:21

Qualcuno fa paralleli senza alcun senso della proporzione e del ridicolo .

    Avatar
    Anonimo 23.8.21 - 18:39

    Ad essere "senza alcun senso della proporzione e del ridicolo" sono i tuoi commenti intrisi di irritante islamofobia e calunnie verso chi non la pensa come te con cui stai impestando il sito. Se non vedi i punti di contatto che esistono tra le varie forme di integralismo religioso, guarda a caso tutte accomunate da omotransfobia, è solo un tuo limite, indubbiamente dovuto all'islamofobia di cui tanto ti vanti e che rivendichi orgoglioso. P. S. E ora non osare accusarmi stupidamente di islamismo o collaborazionismo con i talebani, come hai già fatto con un altro utente del sito, solo perché disprezzo e condanno i talebani ma, a differenza tua, non odio per partito preso tutte le persone di fede musulmana del mondo.

      Avatar
      Franzc Dereck 23.8.21 - 21:32

      Tu te la canti e tu te la rispondi . Attento , col tempo , a non volare da un tetto o finire sotto un muro di due metri e mezzo. Sono per la legittima difesa preventiva , come Israele ci insegna. Statte bbono !

Avatar
Anonimo 19.8.21 - 20:11

Un altro punto di contatto con i talebani di casa nostra ovvero i preti cattolici: pubblicamente fanno i moralisti, condannano l'omosessualità, promuovono la sottomissione delle donne, poi nel segreto di parrocchie, canoniche e seminari abusano di bambini e minorenni. Che schifo!

Avatar
Franzc Dereck 19.8.21 - 19:21

L'unica speranza è che , a causa di questi movimenti di popoli e relative culture , favorite da una globalizzazione al ribasso che fa marcia indietro su diritti faticosamente acquisiti , il nostro modo di intendere la vita sopravviva qualche altro decennio.

Avatar
maschioroma 19.8.21 - 17:20

Queste pratiche ripugnanti testimoniano l'esistenza di una pulsione omosessuale repressa, una pulsione che una siffatta società patriarcale e maschilista non può certo accettare in maniera manifesta, ed ecco allora che la pulsione prende queste forme perverse e abominevoli. Se si trattasse solo di soddisfare un piacere sessuale si potrebbero prendere delle bambine, vengono invece presi bambini per soddisfare una pulsione omosessuale che deve comunque rimanere segreta e che si esplica in queste forme.

Trending

Rainbow Map 2024, l'Italia crolla al 36° posto su 49 Paesi per uguaglianza e tutela delle persone LGBT - rainbowmap - Gay.it

Rainbow Map 2024, l’Italia crolla al 36° posto su 49 Paesi per uguaglianza e tutela delle persone LGBT

News - Federico Boni 15.5.24
HUGO™ 2: recensione dei due nuovi massaggiatori prostatici della LELO (che gli uomini sposati amano) - 1000056146 01 - Gay.it

HUGO™ 2: recensione dei due nuovi massaggiatori prostatici della LELO (che gli uomini sposati amano)

Corpi - Gio Arcuri 29.1.24
Bridgerton, la showrunner Jess Brownell annuncia l'arrivo di una storia d'amore queer - BRIDGERTON 302 Unit 00627R - Gay.it

Bridgerton, la showrunner Jess Brownell annuncia l’arrivo di una storia d’amore queer

Serie Tv - Redazione 16.5.24
Sara Drago

Sara Drago: “La realtà è piena di diversità, sarebbe bellissimo interpretare un uomo” – intervista

Cinema - Luca Diana 11.5.24
Andrew Scott per Quinn (2024)

Andrew Scott presta la voce ad un’app di racconti erotici

Culture - Redazione Milano 16.5.24
parma pride 2024 intervista

Intervista a Parma Pride 2024: “Nutriamo l’amore! Le unioni civili sono un ripiego”

News - Gio Arcuri 14.5.24

Continua a leggere

flavia-fratello-battuta-vannacci

Flavia Fratello replica bene a Vannacci, ma in passato firmò contro il Ddl Zan e diede spazio alla transfobia delle TERF

News - Francesca Di Feo 7.3.24
Careggi Transgender Triptorelina affermazione di genere Gasparri

Triptorelina, la malafede ideologica del governo italiano che fa propaganda sulla vita delle persone: anticipati i risultati dell’ispezione al Careggi di Firenze, ma qualcosa non quadra

Corpi - Francesca Di Feo 8.4.24
gran-bretagna-giovani-trans

Scozia, 1 giovane trans su 3 non si sente al sicuro negli spazi pubblici

News - Francesca Di Feo 12.4.24
Thailandia verso il matrimonio egualitario

Thailandia, ad un passo il sì definitivo del Parlamento al matrimonio egualitario

News - Federico Boni 21.12.23
Olanda, vince l'estrema destra di Geert Wilders. Che ne sarà dei diritti LGBTQIA+? - Geert Wilders - Gay.it

Olanda, vince l’estrema destra di Geert Wilders. Che ne sarà dei diritti LGBTQIA+?

News - Federico Boni 23.11.23
tweet transfobico casa editrice libertà di parola rowling

J.K. Rowling attacca la nuova legge scozzese contro l’omobitransfobia: “Arrestatemi”. E il premier inglese è con lei

News - Federico Boni 2.4.24
Venerdì 5 aprile ore 12 a Roma flashmob contro il DDL Varchi "GPA reato universale" del governo Meloni - famiglie arcobaleno parlamento - Gay.it

Venerdì 5 aprile ore 12 a Roma flashmob contro il DDL Varchi “GPA reato universale” del governo Meloni

News - Redazione 4.4.24
Milano, il Comune riconosce la carriera alias ai suoi dipendenti - Carriera Alias - Gay.it

Milano, il Comune riconosce la carriera alias ai suoi dipendenti

News - Redazione 27.12.23