TDOR 2022 tuttə in piazza a Bologna

"Ci vogliamo vivə, ci vogliamo liberə!", lo slogan della commemorazione del Transgender Dy of Remembrance 2022 di Bologna.

ascolta:
0:00
-
0:00
TDOR 2022 tuttə in piazza a Bologna - Bologna Transgender Day of Remembrance - Gay.it
3 min. di lettura

Dopo Milano, Napoli e Roma anche Bologna ha ufficializzato la propria piazza per il TDOR, Transgender Dy of Remembrance. Il 20 novembre alle ore 18 in Piazza XX Settembre, con il Rivolta PRIDE che ha organizzato l’evento per commemorare le vittime dell’odio e del pregiudizio nei confronti delle persone transgender.

Giornata introdotta nel 1999 con una veglia a lume di candela a San Francisco in ricordo di Rita Hester, il cui assassinio nel 1998 diede avvio al progetto web “Remembering Our Dead” in ricordo delle vittime della transfobia. Da allora l’evento è cresciuto fino a comprendere commemorazioni in centinaia di città di tutto il mondo.

Anche quest’anno il Comune di Bologna aderirà al TDoR esponendo la bandiera transgender sulla facciata di Palazzo d’Accursio e illuminando Palazzo del Podestà con i colori simbolici.  La Vice Sindaca Emily Clancy, inoltre, parteciperà alla celebrazione della giornata e al corteo che partirà da Piazza San Francesco alle ore 18.

Ci vogliamo vivə e non solo: siamo consapevoli di quali sono le ingiustizie e le discriminazioni che uccidono o che ci vogliono costringere a vite tristi, sfruttate“, si legge nel manifesto ufficiale del Rivolta PRIDE, che così prosegue.

“Non abbiamo bisogno di esperti, sappiamo tutto perché lo viviamo ogni giorno sulle nostre pelli, sui nostri corpi. Sappiamo anche che non tuttə facciamo la stessa esperienza della violenza perché essere una persona trans o non binaria non significa che la nostra identità di genere definisca totalmente noi stessə, non siamo un “tema”, una “postilla” alle lotte per l’autodeterminazione. Ne siamo invece protagonistə, punto di vista prioritario per smontare la grande macchina dell’eterocispatriarcato colonialista e capitalista.
Siamo trans e abbiamo diritto al nostro nome e al genere che ci rappresenta, non vogliamo più sottostare alle paranoie anagrafiche dello Stato, dei giudici, dei dottori: siamo anche il nostro nome e il nostro nome lo scegliamo noi, nessuno può impedircelo.
Siamo trans e non soffriamo per questo, non è una “patologia”, se soffriamo è perché ci ritroviamo a fare i conti con una cultura che non prevede la nostra esistenza, che opprime e reprime ogni soggettività che esce dall’ideologia del genere: o sei uomo o sei donna, e se sei donna sei pure un po’ “meno”. Noi siamo liberə e la libertà fa paura.
Siamo trans e la nostra salute non è solo il percorso di affermazione di genere. Tutta la gestione della salute è fondata su presupposti cis ed eterosessuali, non ci sono abbastanza consultori per noi, non ci sono abbastanza centri anti-violenza per noi, perché non rientriamo nelle categorie di genere riconosciute.
Siamo trans e siamo disabili, siamo neurodivergenti e viviamo forme di infantilizzazione e ricatto per questo. La chiamano “co-morbilità” come se fossimo malatə 2 volte, quando siamo invece persone alle prese con un mondo costruito da altri e per altri. Spesso non veniamo credutə, siamo ostaggio delle famiglie d’origine, transfobiche e disinformate, perché i nostri legami sfamigliari non hanno riconoscimento. Vogliamo che la cura sia condivisa, collettiva e priva di “tutori” che non abbiamo diritto di scegliere.
Siamo trans e, quando ci viene permesso, lavoriamo. Siamo operaiə, siamo insegnanti, siamo operatori/operatrici sociali, siamo precariə, siamo nelle lotte sociali e la nostra agenda deve essere implementata in tutti i settori del lavoro “riconosciuto”. Sul posto di lavoro non si contano le discriminazioni, i misgendering, così come le battaglie per la nostra affermazione.
Siamo trans e siamo sex worker, il “mestiere più antico” e da più tempo mantenuto nell’ombra e nello sfruttamento, nella precarietà e nel pericolo. Criminalizzare significa solo mantenere uno status quo nell’interesse del potere patriarcale e di quella stessa “morale” fondamentalista che crea tabù per punire e reprimere. Vogliamo essere liberə di scegliere e autodeterminare i nostri corpi, in sicurezza e con dignità.
Siamo trans e siamo migranti, siamo rifugiatə, siamo seconde, terze generazioni. Siamo nerə e ci portiamo addosso lo stigma della cultura coloniale. Non ci sono abbastanza risorse e spazi quando entriamo nei meccanismi dell’accoglienza. Le narrazioni prevalenti ci schiacciano entro stereotipi maschilisti e razzisti. La nostra stessa esistenza smaschera le politiche di “inclusione” che troppo spesso si presentano come “favori” elargiti dalle istituzioni dei “normali”. Inclusione non significa normalizzazione, significa invece scompaginare il concetto stesso di normalità con tutti i suoi confini, geografici e morali.
Siamo trans e quando siamo in carcere veniamo isolatə perché non siamo previstə. In un sistema carcerario che rifiutiamo, ci troviamo più solə di chiunque altro. Nonostante questo prendiamo parola, ci affidiamo alla voce dellə compagnə “fuori” perché questo tutto questo deve finire.
Siamo trans e studiamo, siamo nelle scuole. Lì non troviamo spazio così come non lo trovano lə nostrə amichə e compagnə che da anni ormai pretendono educazione ai generi, sessuale e al consenso. Dove studiamo vecchie storie di vecchi uomini cis e siamo stufə dell’ignoranza del sistema educativo e dell’ostracismo dei comitati catto-fascisti. Siamo studentə e occupiamo per noi e per chi starà dietro/sopra/davanti ai banchi dopo di noi.
Siamo trans e, ricordando le nostre sorelle, i nostri fratelli uccisə dalla violenza in tutte le sue forme, gridiamo forte che il futuro è nostro e continueremo a costruirlo nonostante i governi, nonostante le istituzioni, nonostante tutto.
Noi siamo”.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Il masturbatore nella versione standard LELO F1S V3

Recensione di LELO F1S™ V3: il masturbatore per persone pene-dotate che usa le onde sonore e l’intelligenza artificiale

Corpi - Gio Arcuri 10.4.24
Nemo The Code significato e come è nata

Nemo, il magnifico testo non binario di “The Code” è nato così: ecco cosa racconta davvero

Musica - Mandalina Di Biase 13.5.24
Rainbow Map 2024, l'Italia crolla al 36° posto su 49 Paesi per uguaglianza e tutela delle persone LGBT - rainbowmap - Gay.it

Rainbow Map 2024, l’Italia crolla al 36° posto su 49 Paesi per uguaglianza e tutela delle persone LGBT

News - Federico Boni 15.5.24
Andrew Scott per Quinn (2024)

Andrew Scott presta la voce ad un’app di racconti erotici

Culture - Redazione Milano 16.5.24
parma pride 2024 intervista

Intervista a Parma Pride 2024: “Nutriamo l’amore! Le unioni civili sono un ripiego”

News - Gio Arcuri 14.5.24
L'Unione Europea è la patria dei diritti LGBTQ+, ma sai davvero come funziona? - unione europea gay it 03 - Gay.it

L’Unione Europea è la patria dei diritti LGBTQ+, ma sai davvero come funziona?

News - Lorenzo Ottanelli 8.5.24

Continua a leggere

foto: il fatto quotidiano

Trans Lives Matter: il movimento trans* si fa sentire ancora più forte

News - Redazione Milano 20.11.23
Martina Navratilova sostiene che le donne trans non possano essere lesbiche - Martina Navratilova - Gay.it

Martina Navratilova sostiene che le donne trans non possano essere lesbiche

Corpi - Redazione 1.12.23
Pride Christmas Nutcracker (TARGET)

Schiaccianoci queer e Babbo Natale in sedia a rotelle? È subito polemica

News - Redazione Milano 28.11.23
milano-transfobia-consiglio-comunale

Milano, transfobia in Consiglio Comunale da parte del consigliere Lega Samuele Piscina – LINGUAGGIO FORTE

News - Francesca Di Feo 4.3.24
J.K. Rowling centro stupri anti-trans* Gay.it

J.K Rowling avrebbe donato 70.000 sterline ad un’associazione transfobica

News - Redazione 20.2.24
Napoli, il sindaco Manfredi incontra le due donne trans vittime del branco. Il comune si costituirà parte civile nell’eventuale processo - Sindaco di Napoli incontra le due turiste trans vittime di violenza - Gay.it

Napoli, il sindaco Manfredi incontra le due donne trans vittime del branco. Il comune si costituirà parte civile nell’eventuale processo

News - Redazione 17.1.24
discorso-d-odio-politici-europei

Discorso d’odio anti-LGBTQIA+ in crescita nelle aule istituzionali europee: “I diritti umani sono in discussione”

News - Francesca Di Feo 1.3.24
valerie notari gamer girl

Gaming, fluidità e liberazione: intervista a Valerie Notari autrice di “Gamer girl”

Culture - Federico Colombo 20.11.23