Transfobia USA: in Virginia niente più accesso ai bagni e richiesta legale anche per cambiare pronomi

L’amministrazione statale Youngkin ha rilasciato le nuove linee guida per le scuole

ascolta:
0:00
-
0:00
Virginia anti-trans* Gay.it
4 min. di lettura

L’ondata anti-LGBTQ+ e anti-trans* negli Stati Uniti non si ferma. Lo avremo ripetuto almeno sei o sette volte negli ultimi mesi, dandovi conto delle leggi emanate negli Stati repubblicani come Texas, Florida e Montana. E per quanto sembri ripetitivo, purtroppo, dobbiamo continuare a dirlo. Nel pieno dell’ondata di odio dei politici repubblicani contro la comunità LGBTQ+, è adesso il momento del Virginia.

Il governatore Glenn Youngkin, repubblicano, ha infatti promosso nuove linee guida, chiamate Model Policies, per quanto riguarda gli studenti trans* nelle scuole dello Stato. Seguendo una linea già adottata dalla Florida, è stato imposto che gli studenti non potranno più utilizzare i bagni del genere con cui si identificano. È una mossa che è stata adottata a più riprese, quella di attaccare direttamente gli istituti scolastici, dove le persone queer sono più vulnerabili a causa della loro giovane età, imponendo limitazioni e divieti che si basano su pregiudizi e stereotipi.

Virginia anti-trans* Gay.it
Glenn Youngkin, governatore del Virginia, e le sue linee guida transfobiche

Un’intera corrente omofoba e transfobica di conservatori, infatti, lotta da anni contro l’uso dei bagni da parte delle persone transgender, additate come predatori sessuali che quindi ne approfitterebbero per mietere le loro vittime. Oltre all’assurdità delle accuse, molteplici studi hanno dimostrato come anche l’accesso ai bagni del genere con cui ci si identifica sia favorevole alla salute mentale dei giovani trans*.

Le linee guida continuano avvisando che le scuole devono “tenere i genitori pienamente informati su tutte le questioni” che riguardano attività, salute, sviluppo sociale e psicologico degli studenti. Le scuole sono ancora formalmente scoraggiate dallo spingere gli insegnanti a tenere nascoste ai genitori informazioni che riguardano la sessualità e l’identità di genere degli adolescenti, anche se questi dovessero trovarsi in situazioni famigliari difficili.

Virginia anti-trans* Gay.it
Secondo le linee guida, gli studenti trans* non potranno accedere ai bagni del genere con cui si identificano

Fin qui, sembrerebbe che il Virginia si sia allineato alla famigerata legge “Don’t Say Gay” che dalla Florida ha scatenato polemiche in tutti gli Stati Uniti. Il governatore Youngkin, invece, si è spinto oltre, andando a toccare anche la questione dei pronomi.

Se infatti è già una lotta estenuante e continua quella di affrontare interminabili trafile burocratiche, piene di paletti e ostacoli, per cambiare legalmente il proprio genere, ora si aggiungerà anche quella per cambiare i propri pronomi. Non avete letto male: le nuove linee guida del Virginia impongono che sarà necessario fare richiesta di documentazione legale anche se si vuole essere chiamati con pronomi diversi da quelli che corrispondono al genere assegnato alla nascita. Se un ragazzo trans* vorrà chiedere di essere chiamato con i pronomi “he/him” invece di “she/her”, ad esempio, dovrà quindi passare per la burocrazia. Lo stesso per tutti gli altri pronomi.

La realizzazione pratica di questa disposizione è alquanto dubbia. Impedire nel parlato di utilizzare un termine piuttosto che un altro finché non ci sia un timbro su un foglio ufficiale ha tanto di fantascienza. Tuttavia, le recenti uscite dei conservatori sulle questioni LGBTQ+ ci hanno insegnato che non c’è limite alla loro fantasia pur di ostacolare in qualsiasi modo le persone queer.

Ovviamente, sono arrivate subito le rimostranze di attivisti LGBTQ+ e politici democratici che denunciano come le linee guida siano dannose e pericolose per i giovani trans* del Virginia. Non serve ragionarci troppo per comprendere che, se gli educatori scolastici saranno costretti a rivelare l’identità di genere di uno studente ai genitori, le conseguenze potrebbero essere anche molto gravi.

Virginia anti-trans* Gay.it
In Virginia sarà obbligatorio fare richiesta legale anche per cambiare i propri pronomi

L’amministrazione Youngkin, tuttavia, non sembra particolarmente preoccupata. Macaulay Porter, portavoce del governatore, ha affermato: «La politica modello 2022 pubblicata mantiene l’impegno del governatore di preservare i diritti dei genitori e sostenere la dignità e il rispetto di tutti gli studenti delle scuole pubbliche». Certo, la concezione di dignità e rispetto qui citata è molto diversa da quella che effettivamente si troverà in atto. Della loro salute, a quanto pare, non si cura troppo nemmeno il Dipartimento dell’Educazione dello Stato, che ha approvato le linee guida senza battere ciglio.

«I bambini trans meritano di imparare e prosperare in un ambiente privo di bullismo, intimidazione e paura»

Così ha scritto su Twitter Mike Mullin, politico democratico membro della Camera dei Delegati del Virginia. I diritti degli adolescenti transgender nelle scuole sono sempre più limitati a causa di un feroce attacco alla comunità LGBTQ+ che mira a colpire nella sua parte più giovane. Alcune associazioni hanno già annunciato che faranno ricorso contro le nuove linee guida, ma il panorama americano dei diritti LGBTQ+ si fa sempre più nero.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Cannes 2024, Vivre, Mourir, Renaitre è il nuovo film queer di Gaël Morel con Victor Belmondo e Théo Christine (VIDEO) - Cannes 2024 Vivre Mourir Renaitre 3 - Gay.it

Cannes 2024, Vivre, Mourir, Renaitre è il nuovo film queer di Gaël Morel con Victor Belmondo e Théo Christine (VIDEO)

Cinema - Redazione 22.5.24
La Lega presenta una proposta di legge per "vietare l'insegnamento delle teorie gender nelle scuole" - Laura Ravetto - Gay.it

La Lega presenta una proposta di legge per “vietare l’insegnamento delle teorie gender nelle scuole”

News - Redazione 24.5.24
Elezioni Europee e voto LGBTI+, guida alle candidature che aderiscono a #ComeOut4EU il programma di Ilga Europe - cover wp - Gay.it

Elezioni Europee e voto LGBTI+, guida alle candidature che aderiscono a #ComeOut4EU il programma di Ilga Europe

News - Lorenzo Ottanelli 20.5.24
Paola e Chiara singolo estivo Festa totale

Paola e Chiara, arriva il singolo “Festa totale”: “Il nostro grido d’amore forte e libero”

Musica - Emanuele Corbo 20.5.24
©AFP

Meryl Streep è nessunə e tuttə noi

Cinema - Riccardo Conte 20.5.24
Il masturbatore nella versione standard LELO F1S V3

Recensione di LELO F1S™ V3: il masturbatore per persone pene-dotate che usa le onde sonore e l’intelligenza artificiale

Corpi - Gio Arcuri 10.4.24

Hai già letto
queste storie?

uganda-carceri-torture-detenut-lgbtqia

Uganda, torture aberranti verso lǝ detenutǝ LGBTQIA+: sanzioni dagli USA

News - Francesca Di Feo 11.12.23
trans-visibility-night-star-t-2024

Torino ospita la quarta edizione di Star.T: una notte dedicata alla visibilità trans per celebrare storie, talenti e memoria

Culture - Francesca Di Feo 15.3.24
Joe Biden, Taylor Swift, Donald Trump

Sarà Taylor Swift a ‘salvare’ Joe Biden e sconfiggere i repubblicani?

Musica - Redazione Milano 1.2.24
Lino Guanciale in "Ho paura torero": un’occasione sprecata - Sessp 19 - Gay.it

Lino Guanciale in “Ho paura torero”: un’occasione sprecata

Culture - Federico Colombo 15.1.24
Napoli, il sindaco Manfredi incontra le due donne trans vittime del branco. Il comune si costituirà parte civile nell’eventuale processo - Sindaco di Napoli incontra le due turiste trans vittime di violenza - Gay.it

Napoli, il sindaco Manfredi incontra le due donne trans vittime del branco. Il comune si costituirà parte civile nell’eventuale processo

News - Redazione 17.1.24
Francesco Cicconetti, l'Università di Urbino gli riconosce l'identità di genere anche sul diploma - Francesco Cicconetti - Gay.it

Francesco Cicconetti, l’Università di Urbino gli riconosce l’identità di genere anche sul diploma

News - Redazione 17.5.24
Hari Nef sarà la leggendaria icona trans Candy Darling nel biopic prodotto da John Cameron Mitchell - Hari Nef Candy Darling - Gay.it

Hari Nef sarà la leggendaria icona trans Candy Darling nel biopic prodotto da John Cameron Mitchell

Cinema - Federico Boni 27.3.24
A Rimini, domenica 7 aprile, l'evento "Ci vediamo al parco", per celebrare il TDOV - arcigay rimini trans tdov2024 1 - Gay.it

A Rimini, domenica 7 aprile, l’evento “Ci vediamo al parco”, per celebrare il TDOV

News - Gio Arcuri 5.4.24