Il 5 giugno 1990 veniva approvata la legge 135 sull’HIV/AIDS: “Una buona legge da aggiornare”

Il 2030 è l'anno in cui ci si aspetta che l'HIV venga sconfitto definitivamente. Per questo, serve una riforma della legge, a 30 anni dalla sua approvazione.

legge 135/90
2 min. di lettura

Era il 5 giugno 1990. Ben 30 anni fa il Parlamento approvava la legge 135/90 per il contrasto a una pandemia. Proprio come oggi. Ma quella legge numero 135 del 1990 non riguardava il Covid 19. Ma l’HIV e l’AIDS.

Come spiega LILA, gli obiettivi di quella legge erano: contrasto alla diffusione dell’HIV/AIDS e assistenza e cure garantite alle persone sieropositive. Ma la legge 135/90 arrivava troppo tardi: erano già circa 10 anni che il virus circolava in Italia. Non si poteva fare altro che assistere impotenti alla morte di migliaia di persone.

Legge 135/90, una svolta storica nell’Italia di 30 anni fa

Ma nonostante il ritardo all’italiana, la 135/90 è ancora oggi una legge modello, con risorse e provvedimenti adatti a far fronte all’epidemia che si stava manifestando all’epoca. Una legge moderna, stranamente inclusiva e non discriminante. Impossibile? Il testo censurava espressamente le discriminazioni contro le persone sieropositive. Ogni paziente manteneva la sua privacy, la sua dignità. Non c’era posto per i pregiudizi solo perché malato.

La legge doveva far fronte poi alla totale disinformazione della gente, un’opinione conservatrice, che trattava le persone affette da HIV e malate di AIDS come degli untori da cui stare lontani il più possibile. Erano già dati per morti, perché preoccuparsene?

Diritto alla salute: l’importanza di questa legge

La legge contro l’HIV e AIDS segnò una svolta anche perché per la prima volta veniva garantito il diritto alla salute, in cui lo Stato si occupava di tutelare le persone malate. Seguendo il testo della legge, non si trattava delle sole cure, ma anche della dignità delle persone.

La battaglia per arrivare all’approvazione di questa legge fu dura e iniziò nel 1987. In quell’anno, la LILA era in prima fila per ottenere un risultato. C’erano anche poi le associazioni, i sindacati, volontari che volevano combattere le discriminazioni, moltissime persone sieropositive che decisero di battersi, per salvare la propria vita e quelle di moltissimi altri.

Lila chiede una riforma

La LILA però non si può dire soddisfatta della riforma pensata dalle forze politiche sulla legge 135/90.

Ora non si muore più di HIV, la diffusione è ridotta, ma il virus non si è estinto. Secondo il rapporto LILA, “quasi otto persone al giorno contraggono il virus e oltre la metà scopre il proprio stato sierologico con grave ritardo, tanto che, ancora nel 2018, i casi di AIDS conclamata sono stati 661“.

Inoltre, la pandemia di Covid 19 ha limitato i servizi per le persone sieropositive. Se non si tornerà presto alla normalità, ci potrebbe essere un aumento delle infezioni. L’obbiettivo di eliminare definitivamente il virus dell’HIV entro il 2030 si fa sempre più vicino, e anche per questo è urgente una riforma della legge 135/90, con un impegno maggiore nei confronti dello Stato e di tutte le istituzioni.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

@simoneriflesso

“Impareremo mai a parlare di disabilità?”: intervista con Simone Riflesso, tra autodeterminazione e orgoglio queer

Corpi - Riccardo Conte 30.5.24
Papa Francesco Dignitas Infinita - Chiesa Cattolica - Vaticano

Papa Francesco e l’attacco ai seminaristi gay, le reazioni della comunità LGBTQIA+ italiana

News - Redazione 28.5.24
Un terzo del mondo criminalizza ancora oggi gli atti consensuali tra persone dello stesso sesso - carcere amnistia - Gay.it

Un terzo del mondo criminalizza ancora oggi gli atti consensuali tra persone dello stesso sesso

News - Redazione 29.5.24
Blood and Ashes, il sequel gay di 300 con Alessandro Magno gay diventa serie tv? - 300 - Gay.it

Blood and Ashes, il sequel gay di 300 con Alessandro Magno gay diventa serie tv?

Serie Tv - Redazione 30.5.24
Heartstopper 6, Alice Oseman ha una bozza dell'ultimo capitolo: "Almeno 18 mesi per disegnarlo" - Heartstopper - Gay.it

Heartstopper 6, Alice Oseman ha una bozza dell’ultimo capitolo: “Almeno 18 mesi per disegnarlo”

Serie Tv - Redazione 28.5.24
Omar Ayuso e Itzan Escamilla di Elite sono una coppia? (FOTO) - Omar Ayuso e Itzan Escamilla foto cover - Gay.it

Omar Ayuso e Itzan Escamilla di Elite sono una coppia? (FOTO)

Culture - Redazione 27.5.24

Leggere fa bene

Hiv Salute Mentale e Supporto Psicologico

Autostigma e salute mentale per le persone HIV+: l’importanza dell’aspetto psicologico

Corpi - Daniele Calzavara 2.5.24
Hiv sentenza Bari su U uguale U Gay.it

U = U, sentenza storica, assolto un uomo accusato di aver trasmesso l’Hiv: se non è rilevabile non si può trasmettere

Corpi - Daniele Calzavara 28.2.24
Vivere con hiv - la testimonianza di Enrico

Vivere con il virus: “L’Hiv è stato una grande occasione per prendermi cura di me stesso”

Corpi - Daniele Calzavara 22.3.24
David Utrilla - da 37 anni vive con Hiv

A volte dimentico di avere l’Hiv: la nostra serie per raccontare l’importanza dell’equazione U=U

Corpi - Daniele Calzavara 2.3.24
Madonna in lacrime ricorda a tuttə noi perché sia ancora importante combattere l'hiv/aids. L'emozionante discorso - VIDEO - Madonna aids hiv - Gay.it

Madonna in lacrime ricorda a tuttə noi perché sia ancora importante combattere l’hiv/aids. L’emozionante discorso – VIDEO

Musica - Redazione 5.12.23
Vivere con Hiv testimonianza Enrico

Vivere con l’Hiv, la testimonianza di Enrico: “Quando l’ho detto al mio compagno questa è stata la sua risposta”

Corpi - Daniele Calzavara 14.3.24