A Cracovia ho incontrato due attiviste LGBTQIA+ polacche

Incontriamo Emanuela e Sara al DOM EQ, poco fuori dal centro di Cracovia. E' una sede di cui sono molto orgogliose.

ascolta:
0:00
-
0:00
polonia attiviste lgbtqi
polonia attiviste lgbtqi
2 min. di lettura

Incontriamo Emanuela e Sara al DOM EQ, poco fuori dal centro di Cracovia. E’ una sede di cui sono molto orgogliose. Una casetta, più che un ufficio, ha persino una piccola coltivazione di fragole all’ingresso. E’ strutturata come un piccolo centro comunitario, c’è una cucina, una sala lettura, probabilmente ogni tanto funge anche da rifugio per persone in difficoltà. Il movimento LGBTQIA+ si è molto rafforzato in questi anni in Polonia, ci sono più attivisti, c’è qualche locale gay nella movida delle grandi città, il sindaco di Cracovia dà il patrocinio al Pride.

 

polonia attiviste lgbtqi paolo hutter
Paolo Hutter con Emanuela e Sara al DOM EQ di Cracovia

Tra i giovani “moderni” ( e sono in grande maggioranza moderni) si è fatta l’abitudine a riconoscere ed accettare diversi orientamenti sessuali ed identità di genere. Ma il blocco di potere politico è profondamente omobitransfobico, ed Emanuela e Sara dubitano che sarà rovesciato nelle prossime elezioni.

Oltretutto anche l’opposizione liberale è molto cauta e solo la sinistra è apertamente per i diritti LGBTQIA+. Ma la sinistra rischia di non andare oltre il 10% alle prossime elezioni“.

Stiamo parlando in un paese dove per fare la transizione di genere occorre il consenso dei genitori, anche da adulti, dove l’aborto, anche terapeutico, è proibito, e le donne vanno ad abortire in Repubblica Ceca. Questo breve incontro in Polonia è importante per me per completare il quadro del versante est, del versante verso l’Ucraina.

Racconto a Emanuela e Sara delle mie interviste a Kyiv (all’attivista Olena Shevchenko e alla deputata Inna Sovsun) e della possibilità che l’Ucraina approvi la legge sulle unioni civili.

“In Polonia è molto difficile che ciò accada, nonostante le pressioni dell’Unione Europea. Quelle sono servite a far togliere le vergognose LGBT free zones, ma le unioni civili in Polonia sarà dura.”

dom eq cracovia lgbtqi polonia
Alcune locandine appese sulla bacheca dell’associazione DOM EQ

Se l’ Ucraina arrivasse prima della Polonia sulle unioni civili, questo non peserebbe particolarmente per farle approvare. Secondo Emanuela e Sara il sentimento polacco verso l’Ucraina è più contraddittorio di quel che appare, e anche per quanto riguarda la contrapposizione alla Russia, ci sono contraddizioni. C’è addirittura chi ha preso le leggi omotransfobiche russe come modello più o meno dichiarato. Insomma il ragionamento che tanto ho sentito echeggiare in Ucraina, e cioè che se in Russia prevale l’omofobia bisogna fare il contrario, in Polonia non sembra avere spazio. Resta da capire come mai, se la società avanza, se il 60 e passa per cento è favorevole alle unioni civili, come dicono alcuni sondaggi, perché poi elettoralmente prevale la destra omobitransfobica. Ma questo è uno dei problemi attuali in Europa, non solo in Polonia.

Paolo Hutter

 

 

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Bad Bunny, Leto, Scilla, Carta, Camilli e altri - Specchio specchio delle mie brame la sexy gallery social vip - Gay.it

“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Bad Bunny, Leto, Scilla, Carta, Camilli e altri

Culture - Redazione 16.4.24
Federico Fashion Style vittima di omofobia in treno. Calci e pugni al grido "fr*cio di merd*" - Federico Fashion Style - Gay.it

Federico Fashion Style vittima di omofobia in treno. Calci e pugni al grido “fr*cio di merd*”

News - Redazione 19.4.24
BigMama: "La rappresentazione è tutto. Quando accendevo la tv persone come me non ce n'erano" - BigMama - Gay.it

BigMama: “La rappresentazione è tutto. Quando accendevo la tv persone come me non ce n’erano”

Musica - Redazione 21.4.24
FEUD 2: Capote Vs. The Swans arriva su Disney+. La data d'uscita della serie di Ryan Murphy e Gus Van Sant - Feud Capote vs. The Swans - Gay.it

FEUD 2: Capote Vs. The Swans arriva su Disney+. La data d’uscita della serie di Ryan Murphy e Gus Van Sant

Serie Tv - Redazione 19.4.24
Svezia transizione 16 anni transgender

Svolta storica anche in Svezia, l’età per la transizione si abbassa a 16 anni, approvata la legge sull’autodeterminazione

News - Francesca Di Feo 18.4.24
Challengers, recensione. Il travolgente ed eccitante triangolo omoerotico di Luca Guadagnino - TIRE TOWN STILLS PULL 230607 002 RC - Gay.it

Challengers, recensione. Il travolgente ed eccitante triangolo omoerotico di Luca Guadagnino

Cinema - Federico Boni 12.4.24

Leggere fa bene

HUNTER SCHAFER

Hunter Schafer è stata arrestata per una protesta pro-Palestina

News - Redazione Milano 28.2.24
ViiV Gay.it PrEP Camp Roma Novembre 2023

PrEP Camp, è tempo di attivismo in Italia

Corpi - Daniele Calzavara 9.11.23
Copyright @Danimale_sciolto

Cosa significa decriminalizzare il sex work: oltre lo stigma e la violenza istituzionale

Corpi - Redazione Milano 21.12.23
Omosessuale- Oppressione e Liberazione

Perché leggere oggi “Omosessuale: Oppressione e Liberazione”, un classico della Gay Liberation, intervista a Lorenzo Bernini

Culture - Alessio Ponzio 4.4.24
FR*CINEMA

A Roma arriva FR*CINEMA, tra film queer e riappropriazione culturale

Cinema - Redazione Milano 28.2.24
foto: il fatto quotidiano

Trans Lives Matter: il movimento trans* si fa sentire ancora più forte

News - Redazione Milano 20.11.23
Judith_Butler_al_CCCB_2018

Cosa ha detto Judith Butler a Bari nella sua lectio magistralis

Culture - Redazione Milano 23.10.23
polonia-riconoscimento-coppie-omosessuali-cedu

Polonia, negare il riconoscimento alle coppie omosessuali viola la Convenzione Europea dei Diritti dell’Uomo

News - Francesca Di Feo 14.12.23