Ares Gate, Adinolfi attacca: “attori gay con relazioni etero di copertura veicolate dal gay che conduce il GF”

Da buon avvoltoio ossessionato dal mondo LGBT, Adinolfi si è così gettato sul cosiddetto “Ares Gate”, smontato da Manuela Arcuri che oggi nega l’esistenza di qualsiasi ‘setta’.

Ares Gate, Adinolfi attacca: "attori gay con relazioni etero di copertura veicolate dal gay che conduce il GF" - Adinolfi e Gabriel Garko - Gay.it
2 min. di lettura

Il cosiddetto Ares Gate è nato e apparentemente morto all’interno del Grande Fratello Vip. La scorsa settimana Adua Del Vesco e Massimiliano Morra, ex volti dei film e fiction Ares, società di produzione recentemente fallita che per 20 anni ha sfornato prodotti Mediaset, hanno scatenato un putiferio, parlando di una sorta di “setta” gestita da un certo “Lucifero”, che ha creato non pochi problemi ad entrambi. Apriti cielo.

Sui social è esploso questo Ares Gate che riguarderebbe proprio la società gestita dal produttore Alberto Tarallo, storico compagno di Teodosio Losito, sceneggiatore suicidatosi nel 2016, con Mediaset che ha immediatamente messo a tacere qualsiasi illazione, silenziando non solo Adua e Massimiliano ma anche le altre trasmissioni che avevano iniziato a parlarne. Anche Gabriel Garko, con il suo coming out di venerdì scorso, ha fatto intendere di misteriosi personaggi che l’avrebbero costretto a fingersi eterosessuale per 20 anni, costruendo false storie d’amore ad uso e consumo dei tabloid. Garko, neanche a dirlo, è una creatura della Ares, così come Eva Grimaldi, che non ha ancora proferito parola sull’argomento.

In questo intrigo che lentamente sta prendendo sempre più forma si inserisce questa mattina Mario Adinolfi, che volteggia come uno sciacallo su qualsiasi argomento che possa riguardare la comunità LGBT, solo e soltanto per avventarsi senza vergogna alcuna sentenziando con la propria solita delicatezza.

C’è un produttore gay il cui compagno si suicida. Al Grande Fratello c’è chi parla di istigazione al suicidio, lo appella come Lucifero e apre il vaso di Pandora di attori gay con relazioni etero di copertura veicolate da Chi, diretto dal gay che conduce il GF. Tutto normale?

Questo si è domandato il leader del Popolo della Famiglia, che ha ovviamente riannodato i fili dell’intera vicenda, arrivando a conclusione per lui blindate e puntualmente orrendamente veicolate. Neanche fosse Jessica Fletcher. Un grande classico, per un uomo che vive unicamente per gettare odio e immondizia sul mondo LGBT nazionale.

Nel dubbio Manuela Arcuri, altro storico volto Ares, ha oggi stroncato qualsiasi illazione nei confronti del produttore Tarallo, intervistata da Giuseppe Candela per Dagospia.

Sono stata in silenzio perché volevo capire fino a che punto arrivasse questa follia. Non ho mai sentito in vita mia tante falsità come in questi giorni. Una setta? Hanno detto cose pesantissime. Le ripeto, sono senza parole. Per quindici anni ho lavorato con Tarallo e non ho visto queste cose. Guardi io ho solo visto tanta generosità di Alberto Tarallo. Un grandissimo produttore che ha creato attori totalmente sconosciuti che venivano dal nulla. Li ha creati, formati, gli ha dato un nome e li ha fatti lavorare. Ma dai Lucifero, io sono allibita. Sono una sua grande amica perché nella vita sono una donna riconoscente, anche se non lavoriamo più insieme perché non produce più. Questa bellissima collaborazione purtroppo è finita, perché le cose finiscono una mica può reagire così male? Quello tra Alberto e Teo (Teodosio Losito, ndr, suicidatosi nel 2019) era un grande amore, era un’unione totale nella vita e nel lavoro. Una fusione di due persone che portavano avanti il loro lavoro con amore. Teodosio per Alberto era intoccabile. Difendo Alberto, non si fa così. Non si gioca con la vita delle persone. Mi sembra più di una gogna. Qui non parliamo di un matrimonio inventato, qua si gioca con la vita della gente. Parliamo di un grande produttore, di una tragedia che è successa un anno e mezzo fa, una cosa delicatissima. Al funerale di Teodosio c’erano tutti. Piangevano, capisce. Sembra un film.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.
Avatar
maschioroma 5.10.20 - 9:07

Su questo Ares Gate per ora ci sono solo illazioni, ma che ci siano state e ci sono tuttora pressioni sugli attori gay per spingerli a sembrare etero, questo è fuor di dubbio. E non è solo un fenomeno italiano ma succede in tutto il mondo, basti pensare a Hollywood degli anni '60. Da notare la contraddizione: gli omofobi come Adinolfi generano questo sistema, perchè è la loro omofobia che spinge l'attore gay a fingersi etero, poi si scandalizzano che un attore si sia finto etero.

Avatar
k747 29.9.20 - 19:00

Ma chi e' questo zero... non riportate le sue dichiarazioni inutili e lo priverete dell'ossigeno di cui necessita per rimanere rilevante.

Trending

Arcobaleno Busca B&B discriminazione omofobia

“Non accettiamo omosessuali”: Cuneo, coppia gay rifiutata in un B&B, abbiamo telefonato, ecco cosa ci hanno detto

News - Giuliano Federico 10.7.24
Chi era Goliarda Sapienza? - Matteo B Bianchi9 - Gay.it

Chi era Goliarda Sapienza?

Culture - Federico Colombo 10.7.24
Nicolas Maupas e Domenico Cuomo nei ruoli di Simone e Mimmo in "Un professore 2"

Un Professore 3, Alessandro Gassman rivela quando inizieranno le riprese

Serie Tv - Redazione 12.7.24
Lorenzo Zurzolo Prisma La Storia

Lorenzo Zurzolo tra James Franco ne “Gli Squali”, e Martin Scorsese nel film di Julian Schnabel “La mano di Dante”

Cinema - Mandalina Di Biase 12.7.24
Il murales queer dedicato a Michela Murgia realizzato da Laika per il progetto "Ricordatemi come vi pare" curato da Pietro Turano di Arcigay

“Ricordatemi come vi pare”, non è ancora completato, e il murales queer dedicato a Michela Murgia fa infuriare la destra

Culture - Redazione Milano 7.7.24
Queer Lion, tutti i vincitori del Leone LGBTQIA+ aspettando Venezia 2024 - queer lion story - Gay.it

Queer Lion, tutti i vincitori del Leone LGBTQIA+ aspettando Venezia 2024

Cinema - Federico Boni 12.7.24

Hai già letto
queste storie?

Fabio Canino, Verissimo

Fabio Canino, il suo cuore batte per Emanuele: “A 58 anni ho conosciuto l’uomo della mia vita”

Culture - Luca Diana 16.3.24
Cortesie per gli ospiti con Tommaso Zorzi, l'anteprima video. Ecco quando andrà in onda la nuova edizione - Tommaso Zorzi - Gay.it

Cortesie per gli ospiti con Tommaso Zorzi, l’anteprima video. Ecco quando andrà in onda la nuova edizione

Culture - Redazione 18.3.24
L'Isola di Francesco Benigno, insulti transfobici a Vladimir Luxuria: "È un maschio, ho i c*glioni come lui" - Francesco Benigno vs. Vladimir Isola - Gay.it

L’Isola di Francesco Benigno, insulti transfobici a Vladimir Luxuria: “È un maschio, ho i c*glioni come lui”

Culture - Redazione 9.5.24
Peter Gomez e Roberto D’Agostino fanno outing a Mahmood e Marco Mengoni: "Sono gay dichiarati" (VIDEO) - Mengoni e Mahmood sono gay dichiarati outing in tv - Gay.it

Peter Gomez e Roberto D’Agostino fanno outing a Mahmood e Marco Mengoni: “Sono gay dichiarati” (VIDEO)

Culture - Redazione 12.2.24
GLAAD Media Awards 2024, le nomination. Ci sono anche Nuovo Olimpo, L'immensità e Monica - glaad 2024 - Gay.it

GLAAD Media Awards 2024, le nomination. Ci sono anche Nuovo Olimpo, L’immensità e Monica

Cinema - Federico Boni 18.1.24
Enzo Miccio e il potente monologo contro l'omofobia: "Siate fieri, sempre, perché siete unici e autentici" (VIDEO) - Enzo Miccio - Gay.it

Enzo Miccio e il potente monologo contro l’omofobia: “Siate fieri, sempre, perché siete unici e autentici” (VIDEO)

Culture - Redazione 24.4.24
Sanremo 2024, 4a serata. L'ordine d'uscita dei 30 BIG tra duetti e cover con Lorella Cuccarini co-conduttrice - Lorella Cuccarini - Gay.it

Sanremo 2024, 4a serata. L’ordine d’uscita dei 30 BIG tra duetti e cover con Lorella Cuccarini co-conduttrice

Culture - Redazione 9.2.24
Simona Branchetti, Pomeriggio Cinque News

Simona Branchetti, chi è la giornalista sulla bocca di tuttə?

Culture - Luca Diana 18.6.24