Attivista sfida Putin e apre un museo della cultura LGBTQI+ a San Pietroburgo

"La comunità LGBT ha un vantaggio rispetto a loro: è immortale. Il fatto che possiamo studiare la nostra storia ci dà qualche speranza, perché se abbiamo un passato avremo anche un futuro".

ascolta:
0:00
-
0:00
Attivista sfida Putin e apre un museo della cultura LGBTQI+ a San Pietroburgo - Pyotr Voskresensky - Gay.it
3 min. di lettura

Attivista sfida Putin e apre un museo della cultura LGBTQI+ a San Pietroburgo - museo Pyotr Voskresensky - Gay.it

Il governo russo ha di fatto bandito l’omosessualità da tutti i media, inasprendo la famigerata legge contro la “propaganda gay” che fino ad una settimana fa era rivolta solo ai minori. Da oggi in poi sarà vietato proporre e/o parlare di tematiche LGBTQI+ in tv, al cinema, in edicola, in radio, ovunque.

Dinanzi a simile oscenità c’è un uomo, il medico e attivista LGBTQ+ Pyotr Voskresensky, che domenica scorsa ha sfidato Vladimir Putin aprendo un museo di storia LGBTQ+ a San Pietroburgo, con l’assoluta consapevolezza che potrà essere chiuso da un momento all’altro, con forti ripercussioni giudiziarie sulla sua persona.

Voskresensky ha precisato a Open Democracy come sarebbe pericoloso non fare qualcosa del genere.

“Sono consapevole che tutto questo possa finire male, è un rischio che mi sono assunto e non voglio che altri rischino insieme a me. Apro questo museo perché il tempo sta per scadere”.

Voskresensky è da sempre interessato alla storia LGBTQI+, ha passato anni a studiare vecchi documenti, fino a quando non ha visitato la casa-museo di Čajkovskij a Klin. Tutti gli oggetti un tempo esposti sono stati probabilmente distrutti, “dai parenti che avevano paura di portare disonore alla famiglia e alla memoria del defunto, o dagli stessi proprietari quando è arrivata l’era della repressione”. “Non c’era più traccia della vita personale del compositore.”

Il museo era stato allestito dal fratello di Pëtr Il’ič Čajkovskij, Modest, che, come lo stesso compositore, era gay. Modest non permise ai propri parenti di distruggere l’archivio di Čajkovskij, che conteneva riferimenti inequivocabili alla sua omosessualità, e ha ripulito la tenuta da tutto ciò che potesse metterlo in difficoltà. Voskresensky si è quindi reso conto che c’erano probabilmente non pochi pezzi cruciali della storia LGBTQ+ in vendita e ha iniziato a setacciare mercatini delle pulci, negozi di antiquariato e siti web per dar vita ad una collezione. Nel suo stesso appartamento di San Pietroburgo è nato così un museo della storia LGBTQI+, aperto solo la sera.

Quello di Voskresensky non è il primo museo LGBT russo, perché una collezione simile venne mostrata al pubblico a San Pietroburgo nel XIX secolo. Quello che è successo a quel museo è un mistero“, ha detto Pyotr. “Ma sappiamo che non era il solo e che ce n’erano diversi simili“. 

Il piccolo museo di Voskresensky accoglie circa tre dozzine di manufatti tra oggetti decorativi, gioielli e libri. Si possono ammirare quattro cammei con i ritratti di Antinoo, adolescente greco che si ritiene sia stato l’amante dell’imperatore romano Adriano e la cui immagine è diventata un simbolo dell’omosessualità maschile. Due di questi cammei sono stati prodotti in Unione Sovietica negli anni ’50. La collezione comprende anche alcune opere d’arte contemporanea, tra cui un busto in gesso del deputato della Duma Vitaly Milonov, tra gli ideatori della legge  contro la “propaganda gay”, che indossa un velo da sposa.

Intervistato da RadioFreeEurope, Voskresensky ha sottolineato come voglia far sapere che le persone LGBTQ+ hanno sempre fatto parte della storia russa. “I valori tradizionali vanno oltre le semplici famiglie numerose e monogame. Anche le persone queer ne fanno parte. I gay in Russia ci sono da sempre”. Nel momento in cui gli emendamenti della nuova legge russa diventeranno effettivi, probabilmente a partire proprio da oggi, 1 dicembre, Voskresensky è pronto a portare la sua collezione altrove, trasformandola in un “museo in esilio”, da “rifugiato” in un paese più accogliente, per continuare a raccontare la storia LGBTQI+ russa, affinché non vada distrutta nè dimenticata.

“Siamo sopravvissuti ai comunisti, a Josef Stalin. Siamo sopravvissuti ai nazisti. Sopravvivremo a tutti loro”. “Che provino pure a cancellare e a vietare tutto”. “Non possono farlo. La comunità LGBT ha un vantaggio nei loro confonti: è immortale. Il fatto che possiamo studiare la nostra storia ci dà qualche speranza, perché se abbiamo un passato avremo anche un futuro”.

Foto foto: OpenDemocracy

 

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Beatrice Quinta, da X Factor al primo EP

Beatrice Quinta: “Parlo sempre di sesso perché ho scoperto che posso godere” – Intervista

Musica - Emanuele Corbo 20.5.24
HUGO™ 2: recensione dei due nuovi massaggiatori prostatici della LELO (che gli uomini sposati amano) - 1000056146 01 - Gay.it

HUGO™ 2: recensione dei due nuovi massaggiatori prostatici della LELO (che gli uomini sposati amano)

Corpi - Gio Arcuri 29.1.24
daniel craig queer guadagnino

Queer: “È fantastico, dura 3 ore e sarà a Venezia”. Luca Guadagnino: “È il film che avevo in testa da 35 anni”

News - Redazione 20.5.24
Il masturbatore nella versione standard LELO F1S V3

Recensione di LELO F1S™ V3: il masturbatore per persone pene-dotate che usa le onde sonore e l’intelligenza artificiale

Corpi - Gio Arcuri 10.4.24
Paola e Chiara singolo estivo Festa totale

Paola e Chiara, arriva il singolo “Festa totale”: “Il nostro grido d’amore forte e libero”

Musica - Emanuele Corbo 20.5.24
Cannes 2024, ecco i 17 film LGBTQIA+ in corsa per la Queer Palm - Block Pass - Gay.it

Cannes 2024, ecco i 17 film LGBTQIA+ in corsa per la Queer Palm

Cinema - Federico Boni 17.5.24

Continua a leggere

Brittney Griner, dalla prigione russa al primo figlio con sua moglie Cherelle. Il dolce annuncio social - Brittney - Gay.it

Brittney Griner, dalla prigione russa al primo figlio con sua moglie Cherelle. Il dolce annuncio social

News - Redazione 18.4.24
arabia saudita

Expo 2030 a Riad, in Arabia Saudita andrà in scena l’esposizione universale dell’omobitransfobia

News - Federico Boni 29.11.23
russia-putin-comunita-lgbt-bambini

Russia, Putin sulla comunità LGBTQIA+: “Giù le mani dai bambini”

News - Redazione Milano 23.2.24
Yemen, 9 uomini condannati a morte tramite “crocifissione e lapidazione” per presunta sodomia - crocifissione - Gay.it

Yemen, 9 uomini condannati a morte tramite “crocifissione e lapidazione” per presunta sodomia

News - Redazione 28.3.24
Michele Bravi ritratto da Mauro Balletti per 'Tu cosa vedi quando chiudi gli occhi?'

L’atlante di Michele Bravi, tra poesie e pornostar – l’intervista

Musica - Riccardo Conte 9.4.24
Resistenza, malattia e vita: abbiamo intervistato Ivonne Capece, a teatro con Thinking Blind - Matteo B Bianchi 2 - Gay.it

Resistenza, malattia e vita: abbiamo intervistato Ivonne Capece, a teatro con Thinking Blind

Culture - Federico Colombo 20.4.24
Biennale Arte Venezia 2024 - Foreign Everywhere by Adriano Pedrosa

Siamo ovunque: cosa aspettarci dalla Biennale queer e decolonizzata di Adriano Pedrosa

Culture - Redazione Milano 2.2.24
Corita Kent Padiglione Vaticano Biennale 2024

Biennale di Venezia, Papa Francesco omaggerà Corita Kent, la suora queer che fuggì con la sua amante

Culture - Mandalina Di Biase 14.3.24