Maschi in gonna, se vorranno: fluidità di genere per le divise scolastiche in UK

Il governo inglese ha erogato fondi per sostenere l’iniziativa che mira a sconfiggere le rigidità di genere e favorire la libera espressione dei bambini.

Sarà contento Chris Whitehead, il bambino che vedete nella foto e che nel 2011 protestò contro le imposizioni di genere in fatto di abbigliamento scolastico. E’ tempo di nuove politiche in UK all’insegna della neutralità di genere: 80 istituti statali, di cui 40 scuole elementari, hanno infatti rimosso il riferimento alle differenze di genere per quanto riguarda divise e abbigliamento. L’iniziativa, sostenuta dai fondi del governo, ha lo scopo di sconfiggere i pregiudizi di genere e le discriminazioni, soprattutto verso i bambini LGBTQI, che rischiano di non identificarsi nella divisa a loro assegnata sulla base del mero sesso biologico.

Rendere le scuole luoghi più accoglienti e sensibili alle diversità individuali, evitando di costringere bambini e adolescenti a presentarsi agli altri in un modo che non li rappresenta: questo il senso del progetto in via di attuazione che sta liberando le scuole inglese da costrizioni e limiti all’espressione individuale, a partire dall’abbigliamento.

A inizio 2016 i primi segnali: nel mese di gennaio, il Brighton College, una scuola storica e rinomata, sempre nei primi 10 posti delle migliori scuole del paese, per prima ha eliminato le regole sull’abbigliamento scolastico per andare incontro soprattutto alle esigenze dei piccoli e delle piccoli trans. I dirigenti scolastici hanno deciso che ogni bambino può decidere che tipo di uniforme indossare. La Allens Croft School a Birmingham è stata invece la prima scuola elementare statale a riconoscere la neutralità di genere rispetto all’uniforme, dando la possibilità a ognuno di orientarsi rispetto ai propri desideri.

Ti suggeriamo anche  "Gay per colpa di un antidolorifico", l'assurda denuncia dal Regno Unito

In UK sono sempre di più le iniziative intraprese per rendere i luoghi pubblici meno discriminanti, soprattutto per questioni delicate come gli spogliatoi, i bagni e le uniformi appunto, luoghi e aspetti tutti tradizionalmente molto specifici dal punto di vista dell’identità del genere e potenziali oggetto di discriminazioni e disagio. Più apertura e fluidità quindi, perché è questo che sempre più famiglie iniziano a reclamare per i propri piccoli.